Ultim'Ora

Taranto. Il Consiglio dei Ministri delibera sulla raffineria ENI

Gli impianti di Tempa Rossa (foto L.Manna) ndr.

di Luciano Manna


Il greggio di Tempa Rossa sempre più vicino a Taranto
TARANTO, 23 DIC. – "Ai sensi dell’articolo 57, del decreto legge 9 febbraio 2012, n. 5, e dell’articolo 14-quater, della legge 7 agosto 1990, n. 241, il superamento della mancata intesa e il consenso alla prosecuzione del procedimento dell’istanza di autorizzazione per l’adeguamento delle strutture di logistica presso la raffineria di Taranto della società ENI S.p.a., in considerazione della grande rilevanza strategica dell’opera per le politiche energetiche nazionali". Deliberà così il Consiglio dei Ministri, la numero 64 a pochi giorni dal Natale.


Per Taranto e per i tarantini le novità non giungono solo dalle questioni legate al siderurgico Ilva. C'è anche la raffineria Eni che deve adeguare i propri impianti, a quanto pare, per le estrazioni di greggio degli impianti di "Tempa Rossa" che molto probabilmente inizieranno nella seconda metà del 2018. Questi impianti sfrutteranno il giacimento petrolifero che si estende nel territorio del comune di Corleto Perticara e Gorgoglione, entrambi in provincia di Potenza. Gli impianti di trattamento attingeranno da sei pozzi distribuiti nei due comuni. A pieno regime l'impianto produrrà circa 50.000 barili di petrolio, 230.000 m³ di gas naturale, 240 tonnellate di GPL e 80 tonnellate di zolfo mentre i partners del progetto sono Total E&P Italia, Mitsui E&P Italia B S.r.l. e Shell.


lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento