Ultim'Ora

Politica. Finanziamenti a Monte Sant'Angelo, la Regione Puglia boccia l'Amministrazione d'Arienzo

Pierpaolo d'Arienzo, Sindaco di Monte Sant'Angelo (foto comune MSA) ndr.
di Redazione

MONTE SANT'ANGELO (FG), 11 GEN.  (Com. St.) - Di seguito si pubblica un comunicato stampa della sezione di Forza Italia di Monte Sant'Angelo.

«Visti i risultati, è chiaro che lo stesso Assessore Piemontese ha desistito dall’appoggiare questa Amministrazione, avendo capito di avere a che fare con gente che non sa neppure cosa sia la programmazione.

Nei giorni scorsi abbiamo potuto apprezzare prima la passeggiata dell’Assessore Regionale Capone (non eletta!) e poi la venuta precipitosa nella nostra città, dopo chiamata dei suoi “assistiti”, dell’Assessore Raffaele Piemontese.

Evidentemente, gli impegni sono stati così intensi che i due Assessori (ci meravigliamo soprattutto di Raffaele Piemontese, montanaro doc.!), tanto osannati dal PD-CambiaMonte, hanno dimenticato di dire qualcosa di molto serio al PD e alla città: la Regione Puglia ha bocciato il progetto presentato dall’Amministrazione d’Arienzo!

Nei primi sette mesi di governo cittadino, è chiaro che il PD-CambiaMonte non è stato capace di fare valida progettazione. A dire il vero, in alcuni casi non sono stati proprio capaci di presentare domanda di finanziamento; altre volte, invece, quando lo hanno fatto, o sono stati relegati in coda alle graduatorie o sono stati bocciati.

Con l’Avviso pubblico di manifestazione di interesse per la realizzazione di progetti di percorsi ciclabili e/o ciclo pedonali”, con scadenza ore 12.00 del 27 luglio 2017, la Regione Puglia ha messo a bando finanziamenti per la realizzazione di percorsi per la mobilità sostenibile.

Ebbene, sul Bollettino Ufficiale n. 144 del 21/12/2017, sono state pubblicate le graduatorie: il progetto presentato dal PD-CambiaMonte non è stato proprio preso in considerazione perché il plico non era sigillato! Proprio così: si sono dimenticati di chiudere il plico con la domanda! La motivazione esatta è la seguente: “Invio in difformità a quanto previsto dall’art. 10 co. 2 dell’Avviso (plico non sigillato)”. Negligenza allo stato puro!

Con l’Avviso pubblico “SMART-IN PUGLIA Community library, Biblioteca di Comunità: essenza di territorio, innovazione, comprensione nel segno del libro e della conoscenza”, pubblicato sul BURP n. 68 del 15 giugno 2017, finalizzato a sostenere le biblioteche di Enti locali, di Scuole e di Università, con scadenza fissata al 10 ottobre 2017, poi prorogata al 10 novembre 2017, la Regione Puglia ha inteso bene metterci in coda alla graduatoria (riteniamo che la responsabilità non sia certamente della Regione). Questo progetto, arrivato 111°, nonostante sia stato presentato congiuntamente dai Comuni di San Giovanni Rotondo (capofila), Manfredonia, Cagnano Varano, Carpino, Mattinata, Monte Sant’Angelo non rientra tra quelli che saranno subito ammessi a finanziamento (i primi 100) per via delle disponibilità economiche della Regione (bisogna augurarsi un ripescaggio, e speriamo che accada!), facendosi scavalcare persino da alcune scuole. A riguardo va fatto notare che: la Giunta Comunale di Monte (Delibera n. 56/2017) ha aderito al progetto solo nell’ultimo giorno utile della proroga, cioè il 10 novembre 2017; che il progetto è stato presentato alle ore 23:02:22 del 10 novembre 2017 e che non è stato finanziato nonostante sia stato presentato da Comuni importanti come Manfredonia, San Giovanni, Mattinata, Carpino, Cagnano, Monte!

Eppure, a noi risulta che Monte Sant’Angelo avrebbe potuto presentare richiesta di finanziamento, così come sollecitato da qualche Tecnico cittadino, per la ex Biblioteca comunale che, secondo tale Tecnico, aveva tutti i requisiti previsti dal bando, requisiti che avrebbero garantito un punteggio maggiore e non le ultime posizioni della graduatoria!

Per l’Avviso pubblico finalizzato alla selezione di interventi per la messa in sicurezza sismica degli edifici strategici e rilevanti pubblici ubicati nelle aree maggiormente a rischio, nell’ambito dell’attuazione dell’Azione 5.2 “Interventi per la riduzione del rischio incendi e il rischio sismico”, specificamente della Sub-Azione 5.2.b “Interventi per la messa in sicurezza sismica degli edifici strategici e rilevanti pubblici ubicati nelle aree maggiormente a rischio”, pubblicato BURP n. 86 del 20.07.2017, e le cui risultanze sono state pubblicate in data 21/12/2017, e per l’Avviso pubblico per l’organizzazione di iniziative di ospitalità di giornalisti e opinion leader finalizzate alla conoscenza del territorio e dei suoi attrattori materiali ed immateriali promosse dai Comuni o Unioni di Comuni della Regione Puglia. Annualità 2018 in occasione di eventi culturali, di spettacolo, sportivi, relativi a riti e tradizioni popolari, a tradizioni contadine legate a produzioni agricole tipiche ed alla loro raccolta e trasformazione, da realizzarsi nel periodo compreso tra il 1.01.2018 e il 31.12.2018 e promossi, sostenuti e/o realizzati da Comuni o Unioni di Comuni della Regione Puglia, pubblicato sul BURP n. 122 del 26.10.2017, e le cui risultanze sono state pubblicate sul BURP n. 14 del 14/12/2017, l’Amministrazione del PD-CambiaMonte non ha proprio presentato richiesta di partecipazione.

È desolante e sconfortante sapere che, in più di sette mesi, un’intera Amministrazione comunale, l’intera maggioranza PD-CambiaMonte, non sia stata capace di presentare progetti validi e credibili da portare all’attenzione della Regione Puglia.

Visti i risultati, è chiaro che lo stesso Assessore Piemontese ha desistito dall’appoggiare questa Amministrazione Comunale, avendo capito di avere a che fare con gente che non sa neppure cosa sia la PROGRAMMAZIONE.

Visti i risultati, farebbe bene qualche neo Consigliere Comunale a riflettere prima di scrivere cose offensive contro chi ha amministrato la città: non è gettando veleni che ci si accredita presso i cittadini come punto di riferimento, ma lo si diventa lavorando e producendo cose concrete e utili per la città.

Per il bene di Monte Sant’Angelo, ci auguriamo che prima o poi al PD-CambiaMonte la smettano di farsi selfie e di fare annunci vari e che inizino a programmare, considerato che ad oggi stanno solo mettendo in opera quanto gli è stato lasciato dalla ex Amministrazione comunale (strade, Corso, Edilizia sperimentale, Stamporlando, Scuola Giovanni XXIII ecc.)».

(fonte: Forza Italia – Sezione di Monte Sant’Angelo)



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento