Ultim'Ora

Castellana Grotte (Ba). I carabinieri arrestano pusher per spaccio ed a casa gli trovano un fucile a canne mozze rubato a Martina Franca (Ta)

Il fucile sequestrato. (foto cc.) ndr.

di Redazione

BARI, 12 FEB. (Comunicato St.) - Nella tarda serata di ieri, i Carabinieri della Stazione di Castellana Grotte, nell’ambito di un servizio di controllo del territorio svolto al fine di contrastare l’attività illecita di spaccio di sostanze stupefacenti, hanno arrestato in flagranza A.V. 30 enne del luogo, nullafacente. Si tratta di un personaggio già noto ai Carabinieri per essere uno dei “pusher” di riferimento dei vari acquirenti del centro cittadino, ed in passato riuscito ad eludere i controlli antidroga. I Carabinieri, questa volta, sono riusciti a metterlo di fronte alle proprie responsabilità, a seguito di un lungo servizio di osservazione e pedinamento lungo i vicoli del centro storico, ove l’uomo era solito operare. Proprio la perfetta conoscenza dei luoghi, infatti, fino a quel momento, aveva consentito ad A.V. di non essere mai stato individuato. Come di consueto, il 30enne si è spostato a piedi per effettuare le consegne di stupefacenti ai vari clienti, venendo questa volta sorpreso proprio mentre effettuava l’ennesima, consistente in gr.2 di eroina e 2 di hashish in bustine sigillate pronte per la vendita. Lo spacciatore, custodiva con sé ben 450,00 euro, ritenuti provento dell’illecita attività. Inevitabilmente è scattata anche una perquisizione presso l’abitazione dell’arrestato rinvenendo, occultato sotto il letto, un fucile a canne mozze. Si tratta di un soprapposto marca “Flobert” cal. 8, perfettamente efficiente, risultato oggetto di furto consumato a Martina Franca (TA) circa 5 anni fa. I Carabinieri stanno svolgendo ulteriori accertamenti per capire a cosa servisse l’arma, ritenuta dalla capacità offensiva notevolissima. Al riguardo, nel frattempo il pusher, con l’accusa di spaccio, di detenzione, alterazione di armi e ricettazione, su disposizione della competente A.G., è stato tradotto presso il Casa Circondariale di Bari in attesa di giudizio.



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento