Ultim'Ora

Taranto. World Wetlands Day nel Mar Piccolo con il WWF ed Aeronautica

La locandina del World Wetlands Day. ndr. 

di Luciano Manna


Hanno partecipato all'evento studenti e scout

TARANTO, 2 FEB. – Il 2 febbraio di ogni anno si celebra la giornata mondiale delle zone umide, il World Wetlands Day,  una giornata vissuta in tutto il mondo per ricordare la data dell'adozione della Convenzione avvenuta il 2 febbraio 1971 nella città iraniana di Ramsar, sulle rive del Mar Caspio. Un evento che ha il fine di sensibilizzazione l'opinione pubblica sull'importanza e il valore delle zone umide. Nella cornice di questo evento mondiale presso la Scuola Volontari dell'Aeronautica militare di Taranto si sono incontrati, per una azione di pulizia di un tratto della costa del secondo seno del Mar Piccolo, due classi di studenti, rispettivamente per gli istituti Cabrini e Maria Pia, cinquanta volontari della scuola dell'Aeronautica militare, i rappresentanti dei settori Ambiente e Urbanistica del comune di Taranto insieme all'AMIU e i gruppi scout dell'Agesci del Taranto, 5, 12, 18 e 20. Sono stati racconti tanti rifiuti che hanno riempito oltre cento sacchi divisi per categorie di rifiuti: metallo, vetro, plastica e indifferenziato.

"Prima di avviare i lavori - ci racconta il presidente del WWF Taranto, il dott. Fabio Millarte - ci siamo incontrati in un breefing dove il presidente del comitato scientifico del WWF Taranto, il dott. Matteo D'errico, ha fornito nozioni in merito al ciclo dei rifiuti ed al loro impatto specifico nelle zone umide. Inoltre si è spiegata l'importanza che hanno queste zone umide e come incidono positivamente sul problema Global Warming in quando catturano ed la CO2. La biodiversità in queste zone e nelle paludi si esprime in maniera naturale e libera ma trova seri ostacoli se in questi delicati eco-sistemi intervengono in maniera massiccia i rifiuti urbani".





lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento