Birra Morena - Birra Winner

Ultim'Ora

Legge elettorale. Botta e risposta tra Bersani e Casini

di Redazione

ROMA (ITALPRESS) – Botta e risposta a distanza fra il segretario del Pd e il leader dell’Udc sulla legge elettorale. “Una situazione di frammentazione in Parlamento porterebbe a un Monti bis? Chi dice cosi’ e’ da ricovero sarebbe una palude e verrebbe fuori solo un altro turno elettorale, andremmo di nuovo a votare sei mesi dopo come la Grecia”, dice Bersani, parlando al teatro Eliseo. Poi, aggiunge: “Bersani tradito da Casini? Casini morira’ di tattica. Dove vuole andare? Spero che anche lui a un certo punto metta la barra dritta e decida dove andare”. Dare un “premio di maggioranza alla coalizione” che raggiunge il 42,5% “e’ evidentemente il modo di indebolire la governabilita’”. Quanto al golpe di cui parla per Bersani “semmai sarebbe una norma contro il Pd, una furbizia, il tentativo di dire ‘muoia Sansone con tutti i Filistei’. Se valutiamo che l’Italia va verso una situazione di ingovernabilita’, noi ci mettiamo di traverso”. A stretto giro la replica di Casini. “Bisogna mettere con serieta’ le carte in tavola sulla legge elettorale. Ho letto che Grillo e Bersani contestano la riforma ma se vogliono tenere il porcellum lo dicano e dicano che e’ giusto che con il 30% si prende il 55%”, afferma parlando nel corso di un convegno. Poi, aggiunge: “Il Pd si deve abituare a parlare e a trattare con rispetto gli amici che sono in Parlamento: non siamo stati sudditi di Berlusconi e non saremo sudditi di Bersani. La legge elettorale si deve fare”. Infine, la controreplica del segretario Pd. “Certamente Casini non e’ mio suddito dico solo che arrivano dei momenti in cui uno deve decidere. Adesso ad esempio abbiamo un passaggio su questa legge elettorale e bisogna decidere”. Bersani dice di voler “credere che alla fine Casini e l’Udc rifletteranno e decideranno per il meglio. Non per il meglio del Pd, ma per il meglio dell’Italia. Nessuno e’ suddito di nessun altro, ma tutti siamo italiani e abbiamo bisogno di meccanismi che garantiscano una governabilita’”.



Nessun commento