Ultim'Ora

Eventi. Nella "perla del nord barese" la 9^ edizione della Sagra del Fiorone


di Enrico Tedeschi

BARI, 23 GIU. - Torna puntuale, dalle 19 di stasera a mezzanotte, “la Sagra del Fiorone” l’appuntamento col gusto e la tradizione che la Pro Loco di Giovinazzo mantiene viva “per promuovere la cultura tipica locale con degustazioni di vere e proprie prelibatezze dal dolce al salato” ma con al centro, naturalmente il “frutto” che, sulle tavole dei ricchi e dei poveri, democraticamente annuncia da tempo immemore l’estate dalle nostre parti. 
E non a caso questa felice iniziativa – lasciata poi come al solito nelle mani dei volenterosi promotori - va giustamente a porsi tra le prime voci del cartellone dei “tre mesi densi di eventi” dell’Estate Giovinazzese 2018, stando alla bonomia promozionale della stampa locale nel tentativo, più che evidente, di riattrarre sulla “perla del Nord Barese” anche la frotta di frequentatori perduti a causa della carenza di parcheggi. Ma per costoro c’è stavolta anche una buona notizia: oltre al probabile parcheggio “fai da te” dei commercianti in zona centro, l’Amministrazione è corsa ai ripari mettendo a disposizione, in condivisione con le pur ridotte visite sanitarie, dei posti auto negli spazi dell’ex Pronto Soccorso cittadino. Niente di che rispetto al perduto, tra piste ciclabili ed amenità varie, ma un’occasione di cui approfittare, prima che scoppi veramente l’estate, per una imperdibile passeggiata a piedi (scongiurando qualche rovescio improvviso) ed una visita nel centro storico; ma anche, e perché no, soprattutto una puntatina allo straordinario Antiquarium – proprio accanto alla Pro Loco ed ai banchetti di leccornie promesse – prima che sparisca alla vista e alla fruizione di visitatori e turisti per far posto ad un Info Point?! Come se non mancassero altri spazi (da quelli già presenti ed attivi, ad una allocazione logisticamente strategica presso la quasi comatosa “cittadella della cultura”) questa potrebbe essere l’ennesima dimostrazione della pervicacia con cui si cercherebbe di aggredire l’indipendenza della locale Pro Loco che, pur quasi isolata, cerca comunque da sempre di onorare l’impegno sotteso al suo stesso nome. 
Mancando un effettivo tavolo di regia e sinergie collaborative, e non ancora chiare le posizioni dell’appena rinnovata associazione dei commercianti et similia – un “Antiquarium” a vista è uno straordinario biglietto di presentazione di una città ed un richiamo allo stesso tempo - una cosa è certa: se “il buongiorno si vede dal mattino” - e si annuncia con iniziative come lo spostamento di reperti che sono la storia di questo posto - ancora una volta si prospetta un’emergenza circa la gestione della Cultura e della promozione del territorio in questa meravigliosa e bellissima Città che, peraltro, dovrebbe essere un caposaldo per il rilancio turistico dell’intera zona e dell’area metropolitana. 
Lasciando da parte questioni locali che però meriteranno la nostra massima attenzione (considerando la centralità assoluta di questa realtà per l’appeal dell’intera ex provincia) per ora e, facendo i dovuti scongiuri per tutto, non ci resta che ripetere la celeberrima “the show must go on “ (lo spettacolo deve andare avanti) e dunque, tutti a Giovinazzo a godere della sua bellezza e a gustarne i frutti strettamente di qui nelle sue tante declinazioni, ma anche tanto altro di più.






lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento