Ultim'Ora

Mola di Bari (Ba). Al Teatro Van Westerhout " PINOCCHIO IL MUSICAL" uno spettacolo che appassiona grandi e piccini

Una immagine dello spettacolo. (foto M.C.) ndr.

di Maria Caravella

MOLA DI BARI (BA), 9 GIU. - Per tutta la famiglia, due ore di grande spettacolo, debutto sold out al Teatro Van Westerhout di Mola di Bari per PINOCCHIO IL MUSICAL, sul palcoscenico la Compagnia "Tuttinscena" regia di Vito Rago Grande soddisfazione per questo gruppo che opera sul territorio ormai da diversi anni. Dietro le quinte abbiamo intervistato il dott. Vito Rago regista e anima della Compagnia: Domanda: - Soddisfatto del sold out della prima? Risposta: - Molto soddisfatto, ancor di più constatando il sold out in quasi tutte le date. Ciò mi ripaga di tutto l’impegno, “sacrificio” e impegno che l’intera associazione “Tuttinscena Cultura e Spettacolo” ha dato. Domanda: - Come è nata l'idea di mettere in scena proprio il capolavoro di Collodi? Risposta: - Noi tutti siamo legati a “Pinocchio”, dieci anni fa entravamo “in punta di piedi” nel mondo dello spettacolo proprio con il musical di “Pinocchio”. Vedere a distanza di 10 anni molti degli stessi interpreti è sinonimo di “fedeltà” e affetto verso la nostra associazione, ma soprattutto è gratificante vedere il “salto di qualità” fatto in tutti questi anni. 
La “magica” storia di Collodi è un connubio perfetto di amore, divertimento, riflessione, adatta a tutti: famiglie, adulti e bambini. E’ un musical che appassiona ma soprattutto fa innamorare. Domanda: - Ci parla un po' del percorso che Tuttinscena ha messo in atto per realizzare questo splendido musical? Risposta: - Tanti mesi di lavoro, dove tutti i componenti della grande famiglia di Tuttinscena sono stati impegnati nel realizzare scenografie, prove di recitazione, coreografie e canto. Tanti mesi di passione e amore che custodiscono il vero successo del musical. Inoltre quest’anno abbiamo avuto il piacere e l’onore di trascorrere due giorni pieni con i “Re” dei musical: Manuel Frattini e Angelo Di Figlia, che con passione, grandissima umiltà e professionalità hanno perfezionato artisticamente il musical, prima che andasse in scena. E poi … oltre quello che si vede, non è da trascurare tutto l’aspetto burocratico e organizzativo; un vero e proprio “marketing” che abbraccia diversi aspetti dal pubblicizzare l’evento ad accompagnare dall’inizio alla fine lo spettatore che ci gratifica della sua presenza. Domanda: - Tuttinscena è una splendida compagnia che ormai da anni agisce sul territorio, può dirci qualcosa sui componenti del gruppo e su come si finanzia? Risposta: - Tuttinscena è una realtà che nasce nel 1994 e a distanza di ben 24 anni non si è mai fermata, si è formata, è cresciuta ed è diventata un punto di riferimento per tanti ragazzi e adulti accomunati dalla passione di crescere e stare insieme attraverso il teatro. Il gruppo è omogeneo, abbraccia diverse fasce di età, dove proprio come in una grande famiglia, ci si prende per mano e ci si aiuta, dove non esiste il protagonista o la comparsa ma esiste il gruppo, la squadra. E la squadra VINCE SEMPRE! Io non posso far altro che essere orgoglioso di tutti loro, perché i loro occhi non solo “recitano” ma comunicano tanto amore, e utilizzando una “battuta” del musical “…"è questo il segreto della vita”. 
Noi riusciamo a fare “teatro” grazie al nostro "vero lavoro", che ci consente di anticipare economicamente tutto quello che necessita, pertanto ci autofinanziamo, inoltre attraverso i nostri cari e preziosi sponsor e la vendita dei biglietti riusciamo a recuperare e magari anche ad investire per i prossimi lavori. Anche perché realizzare un musical ha un costo molto elevato. Facendo riferimento al musical di” Pinocchio” abbiamo sostenuto diverse spese a livello comunale: dall’affitto del salone teatrale di una scuola utilizzato in tutti questi mesi per le prove, al teatro comunale ( dove si paga sia il comune che la compagnia che lo gestisce), oltre ai diritti di esecuzioni rilasciati dalla “Compagnia della Rancia”, alla Siae, all' assicurazione, agli abiti realizzati da una sartoria professionale , alle scenografia, al service audio-luci e potrei continuare ancora. Approfitto per chiarire che nulla ci viene regalato o dato “gratis” e non percepiamo nessun finanziamento pubblico, anzi a volte i ruoli si invertono. Domanda: - Il teatro sociale e di inclusione, rappresentano alcune delle novità da lei introdotte sul territorio, com'è stata la risposta della gente ? Risposta: - Il teatro sociale è fare teatro fuori dal teatro, dove il teatro diventa mezzo di inclusione, di comunicazione, di crescita. Ciò non vuol dire che il prodotto che si presenta è secondario oppure scadente, ma semplicemente che la modalità con la quale si arriva all’obiettivo è sicuramente diverso, dove non si pensa ad essere prima “Attore-Arista”” e poi “Uomo” ma prima “Uomo” e poi “Attore – Artista” anche sul palcoscenico. 
La gente fa parte di noi, della nostra associazione, ci sostiene, ci segue, ci incoraggia, non ci lascia mai soli…ecco per questo i nostri soud out! Domanda: - Secondo lei come dovrebbero porsi le istituzioni nei confronti degli artisti del nostro territorio? Risposta: - Dovrebbero sostenere, accompagnare, essere più vicino a tutti coloro che credono nell’arte invece di ostacolarli Domanda: - Ci parla un po' dei suoi progetti futuri e di quelli di Tuttinscena Risposta: - Al momento vi invito dal 13 al 17 Giugno presso il teatro comunale di Mola e il 23 e 24 giugno presso il teatro “Vignola” di Polignano a Mare a vedere uno spettacolo di due ore, tutto live, colorato, divertente, “Magico” con “PINOCCHIO IL MUSICAL” (prenotazioni al 3488734671) poi vi invito anche Sabato 16-Domenica 17-Giovedi 19 Giugno a vedere una puntata “CIAK GULP” su RAI GULP dedicata al nostro musical.



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento