Ultim'Ora

Cronaca di Capitanata. Le odierne operazioni delle FF.OO.

I rifiuti rinvenuti a Monte Sant'Angelo (foto PS) ndr.
di Redazione

FOGGIA, 10 AGO.  (Com. St.) - Di seguito alcune delle operazioni messe a segno dagli agenti della Polizia di Stato e dai Carabinieri Forestali della Capitanata.

MONTE SANT’ANGELO (FG): POLIZIA DI STATO SEQUESTRA INTERA AREA PER  REATI AMBIENTALI
Nei primi giorni di Agosto, nel Comune di Monte Sant’Angelo Agenti della Polizia di Stato della  Squadra Volanti ed Anticrimine del Commissariato di P.S. di Manfredonia, coadiuvato da personale del Reparto Prevenzione Crimine Puglia Settentrionale di San Severo, unitamente a personale dei Carabinieri Forestali di Mattinata, denunciavano in stato di liberta C. D., di anni 52, e R. S., di anni 52, in quanto ritenuti responsabili di numerose violazioni del Testo unico Ambiente (d.lvo 152/2006).
In particolare, a seguito di un controllo presso alcuni fondi a loro riconducibili, siti in  località Carbonara del Comune di Monte Sant’Angelo, venivano rinvenuti in evidente stato di abbandono numerosi rifiuti di diverse tipologie, tra cui anche materiale classificato come “rifiuti speciali pericolosi”.
Pertanto, in ragione di quanto rinvenuto e documentato, gli operatori di polizia procedevano a sequestrare l’intera area denominata “tre torri”, sita in località carbonara del Comune di Monte Sant’Angelo, oltre ai numerosi veicoli, anch’essi in stato di abbandono, ritrovati in alcune strutture ivi insistenti e riconducibili ad una società cooperativa presieduta sempre dal citato C.D., segnalando i due soggetti alla Procura della Repubblica di Foggia.

FOGGIA: POLIZIA DI STATO ARRESTA IN FLAGRANZA UN GIOVANE FOGGIANO PER DETENZIONE AI FINI DI SPACCIO E COLTIVAZIONE DI SOSTANZE STUPEFACENTI F
Nelle prime ore della mattinata odierna, Agenti della Polizia di Stato del Reparto Prevenzione Crimine di Vibo Valentia e del Reparto Volanti della Questura di Foggia  hanno tratto in arresto un giovane,  GAUDIANO Michele Arcangelo, anni 25  per detenzione e coltivazione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.
Gli Agenti, nel corso del servizio di controllo del territorio, transitavano in Via Pestalozzi, ove vi erano due ragazzi uno dei quali,  alla vista della volante, si disfaceva di un involucro  contenente  5 gr. circa di hashish e di un bilancino elettronico ancora con il display acceso, mentre l’altro tentava di dileguarsi alla guida di una “Smart”, pur non avendo mai conseguito la patente, come successivamente accertato.
Il primo, identificato per GAUDIANO Michele Arcangelo, veniva sottoposto a perquisizione personale e domiciliare.
Presso l’abitazione dello stesso veniva rinvenuta una pianta di marijuana dell’altezza di 60 cm., 18 semi di marijuana una dose di hashish, tre taglierini con lama intrisa di stupefacente, un rotolo di carta in plastica, utile al confezionamento delle dosi, una borsa di tipo artigianale schermata per i dispositivi antitaccheggio.
Tutto il materiale veniva sequestrato e inoltre tramite l’ausilio di personale Enel si accertava che il contatore dell’abitazione intestato alla fidanzata del GAUDIANO Michele A., risultava manomesso e idoneo al furto di corrente elettrica. 
Il secondo giovane fermato, risultato al controllo negativo, veniva sanzionato per guida senza patente e altre violazioni al C. di S.
Il GAUDIANO Michele A. dopo le formalità di rito veniva sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto a disposizione della Procura della Repubblica di Foggia.

CERIGNOLA: POLIZIA DI STATO RINVIENE AUTO RUBATE - CONTINUA INCESSANTE L’ ATTIVITA’ DI CONTROLLO DEL TERRITORIO
Agenti della Polizia di Stato del Commissariato di P.S. di Cerignola, nel corso di un’intensa attività di contrasto al fenomeno del furto di auto che continua incessante su tutto il territorio della provincia, in data 5 Agosto hanno individuato una Ford Kuga parcheggiata tra altre auto in Via Deledda.
I poliziotti effettuavano un controllo tramite banca dati e si verificava che la stessa era stata oggetto di furto a Manfredonia il giorno prima.
Pertanto si  rinveniva l’autovettura al fine di procedere alla restituzione della stessa al proprietario non appena rintracciato.
In data 7 Agosto mentre i poliziotti  effettuavano servizio di pattugliamento, in Via Lavagna  notavano un’Alfa Romeo Giulietta, regolarmente chiusa a chiave.
Da accertamenti svolti al terminale emergeva che la stessa era stata compendio di furto a Lucera il giorno precedente.
Anche in questo caso l’autovettura veniva rinvenuta per procedere alla restituzione in favore del proprietario.



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento