Ultim'Ora

Terlizzi (Ba). Tenta il furto in un’abitazione mentre i padroni di casa sono fuori citta’ per le vacanze estive. Arrivano i carabinieri, prova a nascondersi sotto al letto ma viene arrestato [CRONACA DEI CC. ALL'INTERNO]

Un arresto dei cc. a Terlizzi. (foto cc.) ndr.

di Redazione

TERLIZZI (BA), 20 AGO. (Comunicato St.) - I militari della locale Tenenza, nei giorni scorsi, hanno arrestato, nella flagranza di reato, un minorenne della zona, per il reato di tentato furto aggravato in un’abitazione, i cui proprietari si trovavano fuori città per le ferie estive. Tutto è iniziato da alcuni cittadini che hanno avvisato una pattuglia della Polizia Locale, di aver visto un individuo che, forzando la porta d’ingresso di una casa, si era introdotto al suo interno. Su richiesta degli agenti, sono immediatamente giunti sul posto i Carabinieri, i quali accedendo nell’immobile, trovato interamente a soqquadro, hanno tratto in arresto il giovane che, per sottrarsi ai militari, aveva tentato di nascondersi sotto ad un letto. Sottoposto successivamente a controllo, sulla sua persona, sono stati rinvenuti alcuni monili ed un tablet prelevati all’interno dell’abitazione. Per il ragazzo, già affidato ad una comunità di recupero ubicata in provincia, dalla quale si era allontanato per vivere di espedienti e senza una fissa dimora, è stato fatale quest’ultimo colpo. Sul suo conto, sono infatti ancora in corso, da parte dei Carabinieri, ulteriori accertamenti su analoghi delitti avvenuti in zona nei giorni precedenti. Nel frattempo, il minore, a seguito dell’arresto, su disposizione della Procura presso il Tribunale per i Minorenni di Bari, è stato condotto presso l’Istituto “Fornelli” del Capoluogo. 

Tre arresti dei cc. a Barletta. (foto cc.) ndr.
BARLETTA (BT). CONTROLLI DEI CARABINIERI DURANTE LA SETTIMANA DI FERRAGOSTO. TRE ARRESTI E DUE DENUNCE

I Carabinieri della Compagnia di Barletta hanno effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio nella settimana del ferragosto, con perquisizioni domiciliari e posti di controllo alla circolazione stradale, in modo particolare lungo le arterie di collegamento con gli altri paesi della costa, lungo la SS 16 e nei pressi degli accessi ai caselli autostradali. Tali servizi hanno consentito l’arresto in flagranza di tre persone. Il primo arresto per droga si è realizzato nell’ambito di un accesso effettuato in orario serale presso un bar di Barletta frequentato da numerosi giovani. Nel corso del controllo, all’arrivo dei Carabinieri, un ragazzo ha tentato subito di defilarsi guadagnando l’uscita dal retro del locale, dove però erano ad attenderlo, per sua sfortuna, altri militari che lo hanno bloccato nel tentativo di darsi alla fuga. Nella circostanza, il giovane tentava di disfarsi di un involucro in plastica gettandolo a terra che veniva prontamente recuperato ed all’interno del quale venivano rinvenute due dosi di sostanza stupefacente del tipo cocaina. La successiva perquisizione personale permetteva altresì di rinvenire, occultate all’interno del pacchetto di sigarette, altre dosi della medesima sostanza e 70 euro provento dell’attività di spaccio. Il giovane R.L. 20enne della Romania, già noto alle FF.OO., su disposizione della competente A.G., veniva tradotto presso la Casa Circondariale di Trani (BT), in attesa di giudizio. Nell’ambito della medesima attività tra gli avventori del bar venivano identificati alcuni soggetti con precedenti penali e deferito per inosservanza all’autorità giudiziaria un barlettano 34enne, sorvegliato speciale di p.s. con obbligo di soggiorno. Il secondo arresto è quello avvenuto nei confronti di un pregiudicato di origini marocchine, A.I., 35enne da anni residente in Barletta. In tarda serata giungeva una segnalazione al 112 di un cittadino che chiedeva assistenza nella zona del lungomare di Ponente per la presenza di un uomo che per consentirgli il parcheggio dell’auto lo aveva minacciato chiedendogli del denaro. La pattuglia, recatasi sul posto, raccoglieva le dichiarazioni del segnalante che forniva una descrizione dettagliata del reo, il quale, dopo un minuzioso pattugliamento veniva rintracciato. Il soggetto fermato, corrispondente alla descrizione fornita e già noto ai militari, veniva pertanto accompagnato in caserma per gli accertamenti del caso e la ricostruzione dei fatti. Nella fattispecie, il giovane segnalante aveva parcheggiato la propria auto presso un parcheggio libero per passare la serata. Appena sceso dall’auto veniva avvicinato da A.I. il quale, con tono palesemente minaccioso, subito lo avvisava che se voleva parcheggiare avrebbe dovuto pagarlo in quanto quello era il suo territorio. Al rifiuto del giovane, A.I. continuava insistentemente a minacciarlo tanto che il giovane con fatica riusciva a raggiungere l’uscita e ad allertare i Carabinieri. Nelle tasche di A.I. i Carabinieri, a seguito di una perquisizione personale, rinvenivano la somma di euro 20 in monete provento verosimilmente di precedenti condotte criminose. Al termine degli accertamenti, per il cittadino marocchino scattavano le manette per tentata estorsione e su disposizione delle competente A.G. finiva agli arresti domiciliari, in attesa di giudizio. Il terzo arresto è avvenuto a carico di C.P., 20enne di Barletta, finito agli arresti domiciliari su ordine dell’Autorità Giudiziaria, per violazioni alle prescrizione dell’obbligo di dimora a cui era sottoposto. Da segnalare, infine, la perquisizione, condotta dai militari della locale Stazione CC in Canosa di Puglia (BT), presso l’abitazione di un operaio incensurato 59enne. Durante l’operazione, venivano rinvenute e sequestrate 100 cartucce cal. 6.35 detenute illegalmente senza alcun titolo autorizzativo. L’uomo veniva pertanto denunciato alla competente A.G.. 

Arrestato spacciatore a monopoli. (foto cc.) ndr.
MONOPOLI (BA): ARRESTATO UNO SPACCIATORE DELLA MOVIDA 

Nel corso dei controlli effettuati nei luoghi della c.d. “movida” monopolitana, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Monopoli hanno arrestato un 31 enne del luogo con l’accusa di spaccio di sostanze stupefacenti. Si tratta di un giovane elettricista incensurato, ma già conosciuto alle FF.OO. quale assuntore di cocaina. In realtà, da alcune sere, si era sparsa la voce, fra i tossicodipendenti che frequentavano il lungomare di porta vecchia, di un giovane pusher facilmente “avvicinabile” e che era in grado di fornire “un po’ di tutto” a prezzi più che convenienti, come riferito da un testimone fermato dai Carabinieri. Predisposto un adeguato servizio di osservazione, i militari non hanno avuto difficoltà ad individuare, fra i numerosissimi ragazzi che popolavano il centro storico di Monopoli, un giovane ben vestito, che si aggirava con fare sospetto, avvicinando i passanti e confondendosi fra la folla. Al momento ritenuto più opportuno, i Carabinieri, proprio quando l’ennesimo “cliente”, un ventenne bresciano, stava acquistando da lui 3 dosi di cocaina al prezzo di 80 euro, decidevano di intervenire per controllarlo. Sottoposto a perquisizione personale lo spacciatore veniva trovato in possesso di altre 11 dosi di cocaina, pronte alla vendita, nonché 250,00 euro in contanti frutto dell’illecita attività di spaccio. La perquisizione veniva estesa anche alla sua abitazione, dove i militari rinvenivano altri gr. 4,5 di cocaina, gr. 3 di marijuana e materiale atto al confezionamento. Lo stupefacente veniva sequestrato e sarà inviato nei laboratori della Sezione Investigazioni Scientifiche del Comando Provinciale di Bari, per le analisi del caso, mentre l’arrestato, su disposizione della competente A.G., veniva sottoposto agli arresti domiciliari in attesa di essere processato nei prossimi giorni con il rito per direttissima.



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento