Ultim'Ora

Calcio. Foggia buon pari a Cittadella

Lucas Chiaretti autore del gol del Foggia (foto web) ndr.
di Mario Schena

FOGGIA, 30 OTT. - Al Pier Cesare Tombolato, per la decima di andata, di fronte Cittadella e Foggia. Le due squadre sono scese in campo con obiettivi completamente diversi, ma con la stessa voglia di vincere. I padroni di casa con la voglia di riconquistare punti tra le mura amiche per continuare a salire in classifica dopo la bella vittoria in trasferta contro la capolista Pescara. I rossoneri, per non perdere per non rimanere isolati sul fondo della classifica. Nel Cittadella assente Pasa, per via di un colpo subito alla spalla destra. Mister Grassadonia con il dubbio iniziale del 3-5-2 o del 5-3-2 in fase difensiva rivoluziona la squadra. Fuori Galano, Mazzeo, Deli, Carraro, Zambelli e Gerbo, schiera Bizzarri in porta, con Martinelli, Tonucci e Ranieri a comporre il pacchetto difensivo. Il centrocampo affidato ad Agnelli, Rizzo, Chiaretti, Cicerelli e Busellato in avanti Kragl e Gori. 
Ha diretto il signor Luca Massimi, della sezione di Termoli, che è al suo primo anno in CAN B e ha già diretto il Foggia in tre occasioni. Massimi è stato coadiuvato dal signor Davide Imperiale di Genova e dal signor Daniele Marchi di Bologna. Quarto uomo il signor Eugenio Abbattista di Molfetta. E’ finita uno a uno con entrambi i gol nel primo tempo. La cronaca. E’ il Foggia a tentare la via del gol per primo con un colpo di testa, all’ottavo, di Ranieri che conclude sul fondo. Al diciassettesimo i rossoneri reclamano un calcio di rigore per una trattenuta in area su Gori. Il Foggia contiene gli attacchi dei padroni di casa e passa addirittura in vantaggio al ventesimo con un eurogol dell’ex Chiaretti che ricevuta palla da Kragl fa partire un bolide che si spegne nell’angolo alto alla sinistra di Paleari. La squadra di Venturato reagisce e raddrizza la gara al ventottesimo con Iori che di ginocchio mette in rete un pallone deviato con una gran parata di Bizzarri su tiro di Panico. 
Al trentunesimo Strizzolo di testa non centra la porta e in chiusura di tempo Gori su assist di Chiaretti calcia alto dal limite dell’area. Rpresa a formazioni invariate e che ha visto il Foggia decisamente più in palla dei padroni di casa. Al sesto ci prova Kragl con una punizione dai venticinque metri bloccata a terra da Paleari. All’undicesimo ancora una occasione per i rossoneri. Kragl verticalizza per Gori che scatta sul filo del fuorigioco e tenta di beffare Paleari fuori dai pali con un tiro di prima intenzione, ma l´estremo difensore granata respinge con una gran parata. Le squadre si annullano a centrocampo e si lotta su ogni pallone. Al trentaduesimo Branca tenta la via del gol con un rasoterra da lontano, Bizzarri si distende e blocca la sfera. Un minuto dopo Galano entra al posto di Chiaretti, che esce tra gli applausi del Tombolato. A cinque minuti dal novantesimo torna in vcampo “Re” Iemmello al posto di un ottimo Gori. Dopo due minuti c’è un brutto fallo Rizzo su Busellato secondo cartellino giallo e quindi l´espulsione. Il Foggia ci prova a vincerla la partita e al quarantatreesimo una   Punizione di Kragl dalla trequarti, pesca Iemmello in area che impegna Paleari. 
Tre i minuti di recupero dove non ci sono emozioni, finisce in parità ed il risultato tutto sommato è giusto. Il Foggia respira e si prepara per la gara di sabato contro il Brescia con una certa tranquillità.



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento