Ultim'Ora

Teatro. Al Forma musica e spettacolo con il duo barese: Uramawashi

Una immagine dello spoettacolo. (foto M.C.) ndr.

di Maria Caravella

BARI, 27 NOV. - Grande sensibilità e soprattutto desiderio di essere delle grandi anime, prima di essere dei musicisti di talento. "L’obiettivo del progetto, dal nome al suono, è creare un nuovo mondo, una nuova dimensione nella quale l’ascoltatore viaggia tra nostalgia e novità, mantenendosi a mezz’aria, come in una rilassante passeggiata notturna, ricreando quella 'Nostalgia dell’Altrove",che caratterizza la poesia in musica dei Uramawashi. Giovanissimi Gaia Miolla e Nicolò Restaini, sono i componenti del duo e pervengono da Bari. Coppia nella vita e nella musica hanno scelto di chiamarsi Uramawashi, come il calcio giapponese del karate. Due voci in armonia, mood acustico e ritmi Lo-Fi/Hip Hop a suon di Beatbox. nato sul palco di The Voice of Italy (edizione 2018), la cui esibizione ha contato 480.000 visualizzazioni in pochi giorni, portandosi al vertice delle tendenze di You Tube Italia.

 La particolarità del loro suono risiede nel connubio delle loro individualità: Jazz, Soul, R&B per Gaia Daria Miolla, e Rock, Lo-Fi/Hip Hop, Vaporwave; 
 composizioni di concetto con un’interpretazione piacevolmente tenue, a due voci con l’ausilio della chitarra. Secondo una interpretazione di J Ax e Cristina Scabbia, i ragazzi sono: “hipster alla moda e nazional popolari” J Ax, ha poi aggiunto “È quello che cerco perché secondo me siete veri”. Gli Uramawashi sono presenti sui social, per seguirli basta visitare la loro pagina Facebook, oppure su Instagram dove hanno quasi un migliaio di follower. Hanno anche un canale YouTube con alcune cover fatte da loro. Due ragazzi di talento, dalle prospettive eccellenti che con impegno, lavoro e determinazione, avranno sicuramente l'opportunità di volare verso il successo, quello vero. Nel frattempo con il loro concerto, ottima vetrina per far conoscere molte delle loro nuove creazioni, hanno letteralmente ammaliato il numeroso pubblico del Forma. Che dire, un vero successo: " Uramawashi ad maiora semper!"



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento