Ultim'Ora

Castellana Grotte (Ba). Nasconde una pistola in casa. Arrestato dai Carabinieri un 37enne [CRONACA DEI CC: ALL'INTERNO]

La pistola sequestrata. (foto cc.) ndr.

di Redazione

BARI, 27 DIC. (COMUNICATO STAMPA) - I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Monopoli (BA) hanno arrestato un 37enne, con l’accusa di detenzione illegale di arma da sparo. Ieri mattina, i militari, nel corso di una serie di controlli finalizzati alla prevenzione dei reati in genere, hanno fatto irruzione in un appartamento nel centro di Castellana Grotte e, nel corso della perquisizione, hanno rinvenuto una pistola di fabbricazione belga cal. 7,65 con matricola abrasa, completa di caricatore e 7 colpi. L’arma, perfettamente funzionante e pronta all’uso, era nascosta all’interno della caldaia dell’abitazione in cui l’uomo, originario del luogo e già noto alle Forze dell’Ordine, viveva con la propria famiglia. Il 37enne è stato arrestato e condotto presso la Casa Circondariale di Bari, a disposizione della competente A.G.. La pistola è stata sequestrata e sarà trasmessa al RACIS di Roma per gli accertamenti balistici finalizzati a scoprire se la stessa sia stata utilizzata in recenti episodi delittuosi e per risalirne alla provenienza. Comando Provinciale Carabinieri Bari Sala Stampa provbasalastampa@carabinieri.it Tel. 080/5453131 Comunicato Stampa 

la refurtiva recuperata. (foto cc.) ndr.
BARI MURAT. ARRESTATI DAI CARABINIERI DUE GEORGIANI PER FURTO ALL’INTERNO DI NEGOZI D’ABBIGLIAMENTO 

I Carabinieri del Comando Provinciale di Bari, in concomitanza delle Festività Natalizie, hanno intensificato i servizi di controllo del territorio in città, ottenendo positivi risultati soprattutto nel contrasto all’increscioso fenomeno dei reati predatori. In particolare, i Carabinieri della Stazione di San Nicola hanno arrestato, per concorso in furto aggravato, due cittadini georgiani, sorpresi mentre asportavano, da due esercizi commerciali, dei giubbotti per bambini e capi di biancheria, utilizzando una busta “schermata” preparata ad hoc per eludere i sistemi antitaccheggio. Ad attirare l’attenzione dei militari sono stati gli atteggiamenti sospetti dei due malviventi georgiani, identificati successivamente in S.J., 38enne e N.M., 28enne, i quali, entravano ed uscivano di continuo in diversi negozi. I due sono stati dunque seguiti a debita distanza dai Carabinieri, i quali hanno potuto notare che, dopo aver rovistato tra la merce esposta in una vetrina, S.J. ha prelevato un articolo di biancheria e subito dopo lo ha passato al complice che ha provveduto a nasconderlo in una busta di cartone. Dopo aver asportato il capo di abbigliamento, i due si sono affrettati ad allontanarsi dal negozio, senza aver pagato e dopo aver passato indenni la barriera antitaccheggio presente all’uscita. Dopo pochi minuti, analogo escamotage è stato adottato in un secondo negozio, dove, approfittando del fatto che era presente solo una commessa, i due malfattori si sono impossessati indebitamente di alcuni giubbotti per bambini. Ma questa volta ad aspettarli all’esterno vi erano i Carabinieri che hanno provveduto immediatamente a bloccarli, trovandoli in possesso della merce asportata che è stata restituita ai commercianti, mentre la busta di cartone, composta all’interno da fogli di carta di alluminio avvolti da nastro adesivo, con un piccolo circuito elettrico con dei magneti, utilizzata per eludere i sistemi antitaccheggio, è stata sequestrata. S.J. e N.M., su disposizione della competente A.G., sono stati, quindi, tradotti presso la locale Casa Circondariale, in attesa di giudizio.



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento