Ultim'Ora

Calcio. Contro il Pescara il Foggia non va oltre il pari

Francesco Deli autore del gol del Foggia (fotoweb) ndr
di Mario Schena


Foggia 1° febbr. -Allo Zaccheria è andato in scena un classico del calcio italiano. Foggia e Pescara si sono incontrate in tutti campionati professionistici. Venti le gare con ben dodici vittorie dei rossoneri. Questa volta è finita uno a uno una gara piacevole ricca di occasioni da gol. Foggia con il 4-3-2-1. Leali, dopo la più che buona prova di Palermo, è stato confermato tra i pali, Loiacono, Billong, Martinelli e Ranieri a formare il reparto difensivo. Centrocampo a tre con Deli, Greco e Busellato, anche lui confermato dopo la buona prova in Sicilia. Galano e Kragl alle spalle dell’unica punta Iemmello. In casa Foggia sei le assenze. Gerbo per squalifica, Camporese, Tonucci e Zambelli per infortunio, Ngawa tenuto a riposo a titolo precauzionale e Chiaretti per un attacco influenzale non sono andati neanche in panchina. Pescara con due defezioni importanti visto che Gravillon e Del Grosso sono squalificati, mentre Fiorillo e Brugman in dubbio prima della gara sono sati schierati. Pescara in campo con il chiaro intento di riscattare la pesante sconfitta subita la settimana scorsa all’Adriatico contro la capolista Brescia. Ha diretto Manuel Volpi, della sezione di Arezzo, Volpi, al suo primo anno in CAN B, è alla seconda designazione con il Foggia. Volpi è stato coadiuvato da Damiano Margani della sezione di Latina e da Michele Lombardi della sezione di Brescia. Quarto uomo Luca Massimi della sezione di Termoli. Il Pescara inizia con un pressing molto alto e manda in sofferenza il Foggia. Gli abruzzesi collezionano una serie infinita di calci dalla bandierina e il Foggia in più di una occasione si salva con affanno. Foggia troppo chiuso nella sua metà campo e Pescara padrone del centrocampo. Con il passare dei minuti il Foggia sembra poter allentare la morsa del Pescara e comincia a frasi vedere dalle parti di Fiorillo. Al quindicesimo la scambio Deli Iemmello porta la punta rossonera a trovarsi in areea tu con l’estremo difensore biancazzurro che lo anticipa. Quattro minuti dopo deli riceve al limite dell’area da Kragl, dopo una bella azione personale di Ranieri e tenta il tiro a giro ceh non va lontano dal palo alla sinistra di Fiorillo. Al ventunesimo ospiti vicinissimi al vantaggio con un rasoterra dalla linea di fondo che supera Leali e attraversa tutta la linea di porta e viene  allontanata da Martinelli. Al venticinquesimo Foggia vicino al gol con Loiacono che gira a volo in area un traversone dalla destra sfiorando la marcatura. La gara tutto sommato è piacevole e chi capovolgimenti di fronte sono continui. Al trentaquattresimo Galano va al tiro dal limite dell’area mandando la sfera non lontano dal palo alla destra di Fiorillo. A cinque minuti dal riposo artinelli fa scorrere un brivido lungo la schiena dei tifosi rossoneri perdendo palla a centrocampo e consentendo a Mancuso di andare a rete, la punta biancazzurra però anticipa la conclusione che Leali blocca a terra. Al quarantaquattresimo il Foggia passa in vantaggio con Deli che l termine di una bella manovra d’attacco entra in area e fa partire un bolide che Fiorillo non può intercettare malgrado il suo tuffo. Niente recupero e tutti negli spogliatoi. Ripresa inizialmente a squadre invariate. Il Foggia va vicinissimo al raddoppio al quarto minuto con Iemmello che lanciato a rete controlla e fa partire un rasoterra che si infrange sul palo alla destra del portiere biancazzurro. Il Pescara risponde un minuto dopo con Memushai che tenta la conclusione a giro dal vertice dell’area mandando di poco fuori. Dopo quattro minuti è il capitano degli abruzzesi a concludere di poco alto da fuori area. All’undicesimo Deli fa partire un rasoterra al veleno che Fiorillo mette in angolo con un intervento in tuffo.Al diciassettesimo Galano con una giocata da categoria superiore serve in area Iemmello che davanti a Fiorillo si fa respingere la conclusione dal portiere del Pescara. Il foggia si chiude bene, ma al ventesimo Billong cintura Mancuso in area per ilo signor Volpi è calcio di rigore che lo stesso Mancuso trasforma. Il Foggia non ci sta e cerca il gol del nuovo vantaggio, ma al venticinquesimo manda fuori di esterno un buon pallone. Fuori Deli e Greco, dentro Agnelli e Mazzeo. Passano i munti e le due squadre si fanno più guardinghe per evitare la beffa finale anche se il Foggia è decisamente più intraprendente del Pescara. Dentro anche Matarese per Galano. Cinque i minuti di recupero concessi con le squadre che sono andate pian piano spegnendosi. Nessun sussulto e Foggia graziato dall’arbitro per un intervento piuttosto rude di Leali su Mancuso. Il risultato non si sblocca più. Ancora un pari per il Foggia che muove la classifica, ma serve a poco per una graduatoria che resta sempre fortemente deficitaria.



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento