Ultim'Ora

DI TUTTO UN PO' - I timonieri di San Nicola

Traslazione di San Nicola (foto web) ndr.

di Nino Lastilla

BARI, 8 MAG. - La traslazione delle ossa del Santo da Myra a Bari è stata l'operazione di marketing più geniale dal medioevo in poi. Un gruppetto di marinai a bordo di una piccola imbarcazione riuscirono a trafugare le ossa di Nicola, vescovo considerato santo in tutto il mondo conosciuto, Europa ed Asia minore, e portarle a Bari sani e salvi. Un miracolo aggiunto agli altri perché allora i mari erano infestati da pirati saraceni. Trasferire in città i resti di un simile santo ha dato inizio ad una serie di pellegrinaggi trasformando Bari in una meta straordinaria di turismo religioso al cui confronto Lourdes può solo impallidire. Solo Roma con San Pietro e San Paolo poteva far di meglio ma con in più la differenza che Nicola era un santo nero. Insieme alla Madonna nera testimonia ancora oggi la propensione della città al multiculturalismo ed alla tolleranza religiosa sin dai tempi più antichi. Va però considerata un'altra realtà meno conosciuta ma importante. 

Quei marinai in effetti tracciarono una rotta sicura per quel tempo che potettero rivendersi diventando a loro volta piloti di altre imprese nautiche commerciali. Bari diventò ancora più fiorente sottraendosi al giogo di Ceglie, che la considerava il suo porto, e stabilendo poi un accordo commerciale e militare con Venezia, divenendo suo fondaco in cambio di assistenza militare contro i pirati. Nulla da togliere alla sincera fede dei pellegrini che ancora oggi affollano le nostre vie in queste giornate, ma i baresi sono stati capaci di farsi governare dagli arabi per decenni nell'unico Emirato dell'Italia continentale, quindi in effetti sono sempre stati capaci di tutto. In questi giorni alcuni archeologi di Antalya in Turchia sostengono che le ossa conservate a Bari siano di un altro sacerdote e che le ossa di san Nicola giacciano ancora protette da una parete rocciosa in un sotterraneo. Sono convinti che Antalya diventerà una meta turistica appena dimostrata questa teoria. Ah si, adavere? Allora, acchemenzate a scavà, po' facitece sape' qualche cosa, Mammalucche. Addò avita scì....



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento