Ultim'Ora

SATIRA E NON SOLO - Un botta e risposta tra Moretti e Salvini finisce in tribunale

Alessandra Moretti. (foto web) ndr.
Pomo della discordia la vicenda dei crocefissi coperti al cimitero di Pieve di Cento

di Giuseppe Femiano

BARI, 16 MAG. - Si è scatenato un putiferio tra Alessandra Moretti PD, Matteo Salvini Lega e Giorgia Meloni Fratelli d’Italia. Tutto nasce a causa dell’intervento di Alessandra Moretti a Diritto e Rovescio su Rete4, in cui ad un certo punto si è parlato, in segno di rispetto per le funzioni laiche, della possibilità di coprire le croci ed altri simboli cattolici nel cimitero di Pieve di Cento. Tutto sarebbe dovuto avvenire applicando tendine mobili da fare abbassare durante le cerimonie dei non cattolici e rialzare alla fine di esse. Salvini saputa la cosa ha pubblicato un post con uno spezzone dell’intervista ed a questo punto si sono scatenati insulti e disinformazione. La faccenda è stata ripresa subito da Maurizio Crozza ed anche Giorgia Meloni ha detto la sua, esecrando ciò che veniva detto nel video. Alessandra Moretti si è giustificata dicendo che era tutto falso e che si era limitata a riportare la proposta di un candidato sindaco, ovvero Luca Borsari, il quale avrebbe pensato ad un meccanismo con il quale si potrebbero utilizzare delle tendine motorizzate per coprire momentaneamente i crocifissi durante le funzioni organizzate dai non cattolici. 

La Moretti ha proseguito minacciando fulmini, saette e querele in tutte le sedi contro Salvini e Meloni per diffusione di notizie false. In verità Moretti e Salvini non sono nuovi a diatribe e punzecchiamenti, dovrebbero fare più attenzione prima di litigare, viene il sospetto che si controllino a vicenda e si comportino come una coppia. Un piccolo esempio, il 20 marzo 2016 Salvini pronunciò durante un discorso pubblico “Chi si ferma è perduto” (frase usata spesso da Benito Mussolini anche se si trova nella Divina Commedia e ripresa da Totò in suo noto film). Poco dopo nella sua trasmissione Giovanni Floris ironicamente citando Salvini ripete la frase e chiede ad Alessandra Moretti cosa ne pensa e Lei dice: ‘Chi si ferma è perduto’ è una bellissima frase. Come si vede gli opposti si attraggono.



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento