Ultim'Ora

Terlizzi (Ba). Tentato omicidio nel casolare: arrestato l’autore

Un arresto dei cc. A Terlizzi (foto cc.) ndr.
La vittima una ragazza sudamericana

di Nicola Losapio

BARI, 22 LUG. - I Carabinieri della Compagnia di Molfetta, su richiesta del Sostituto Procuratore Dott.ssa Simona Merra e dal Giudice delle Indagini Preliminari Dott.ssa Lucia Anna Altamura, hanno dato esecuzione all’ordinanza di carcerazione nei confronti di un 41enne pregiudicato di Palo del Colle. L’episodio di sangue è avvenuto lo scorso 14 Luglio nell’agro di Terlizzi in un casolare ubicato a ridosso di una complanare della SP231, dove una giovane donna sudamericana giunta in Italia da alcuni giorni, esercitava l’attività di meretricio. Le indagini hanno consentito di appurare che l’uomo è giunto a bordo di un Suv e in modo alterato avrebbe chiesto di avere rapporti non protetti ad alcune donne presenti in zona e al rifiutato si sarebbe rivolto anche alla vittima che in un primo momento ha accettato pur non avendo compreso la richiesta dell’uomo perché non parla l’italiano, ma nel momento dell’amplesso la donna comprende le intenzioni e si tira indietro contrariata, ma l’uomo chiaramente innervosito estrae un coltello e la colpisce violentemente al petto, all’inguine e ai glutei. Nonostante la drammaticità di quanto era accaduto la donna riesce ad afferrare il cellulare e con una videochiama lancia un allarme ad una sua collega che si trovava a Bitonto, l’uomo accortosi del tentativo di aiuto della donna, gli strappa il telefono e minaccia anche l’interlocutrice, poi strappa gli orecchini dal collo della vittima, prende i suoi soldi e si dilegua lasciando la donna in fin di vita. Un passante sentendo le urla provenire dal casolare ha allertato la Polizia che è intervenuta ha soccorrere la malcapitata rinvenuta in una pozza di sangue in gravi condizioni e sospesa tra la vita e la morte, ma fortunatamente dopo due giorni di delicati interventi medici è riuscita a salvarsi ed è fuori pericolo. Le indagini immediatamente avviate e supportate anche dai rilievi effettuati dagli uomini della Sezione Investigazioni Scientifiche attraverso la visione di alcune telecamere presenti in zona, con l’escussione di alcuni testimoni ed altri accertamenti tecnici, hanno consentito la cattura del reo che è stato arrestato e associato presso la Casa Circondariale di Trani con l’accusa di tentato omicidio e rapina.



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento