Ultim'Ora

Coronavirus. La quarantena allunga la vita sentimentale?

La coppia che scoppia. (foto web) ndr.

di Mimmo Loperfido

BARI, 19 MAR. - Dalla Cina una notizia piuttosto bizzarra. Dopo il forzato isolamento di milioni di donne e uomini con gli occhi a mandorla, fioriscono separazioni e divorzi. Un vero e proprio boom.

Evidentemente, la vita in comune è difficile in ogni continente, ad ogni latitudine. Insomma, dalle nostre parti i divorzisti amano dire: la coppia scoppia, a questo punto c’è da temere il peggio considerati i giorni che ci restano ancora da condividere fra quattro mura. Ma al di là degli scherzi tuttavia, questa curiosa notizia mi ha spinto ad analizzare quanto sta avvenendo nelle famiglie italiane. In particolare, nelle coppie. Certo se c’erano già dissapori, inquietudine, incomprensioni, litigi e discussioni, non c’è dubbio: s.iamo alla frutta, o meglio il divorzio è fatto. Per chi invece ama edulcorare di tanto in tanto la realtà, va detto che però, un lungo periodo insieme potrebbe servire anche a riappacificare, ricomporre. Vuoi vedere che ci sono coppie che stanno vivendo la loro seconda luna di miele? Possibile. Lasciamo la coppia e passiamo alle famigliole. Non vi lamentate dei vostri 90 metri quadri occupati da voi con il compagno o la compagna ed uno o due ragazzotti. Siete in una reggia se pensate a quei nuclei familiari cosi composti: marito, moglie, tre figli, uno o due suoceri, in 70 metri quadri. Una follia. Non mi stupirei di leggere di qui a breve, episodi di violenza familiare.

Ed ora passiamo agli anziani, e ai non autosufficienti. Per fortuna si stanno moltiplicando manifestazioni di solidarietà. La spesa e le medicine a casa ed in molti casi assistenza morale e sanitaria. Inoltre molte persone autosufficenti di una certa età, finora hanno riempito le loro giornate chiacchierando in portineria oppure andando a trovare l'amica del piano di sotto. In molti altri casi il rosario in chiesa, la chiacchiera al mercato col pescivendolo di fiducia, una visita alla vecchia zia Carla o un salto in merceria. Tutto ciò per loro non c’è più. Un dramma. 

Adesso lasciatemi concludere con una parentesi rosa piuttosto piccante. E gli amanti clandestini, cosa faranno, i Paolo e Francesca in epoca covid-19? Chi fuori dal matrimonio frequentava un’amicizia, diciamo colorata; chi simpatizzava ad oltranza con il collega d'ufficio; chi consumava aperitivi o frugali pasti  con il vecchio amico di scuola? Come faranno questi scomunicati...? Allora siccome se non sono rose non fioriscono, se è vero che lontano dagli occhi vuol dire lontano dal cuore, se si trattava di semplici scopatine o di una sveltina in un parcheggio di periferia, tutto finito, cotto e mangiato. Ma se era vero amore? Rispondo con le parole del grande Mimmo Modugno. La lontananza è come il vento. Spegne fuocherelli ma è  capace di far divampare incendi che bruciano l'anima... 



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento