Ultim'Ora

Modugno (Ba). Maltratta ed estorce denaro alla madre per l’acquisto di stupefacenti. Arrestato un 27enne [CRONACA DEI CC. ALL'INTERNO]

Arrestato 27enne a Modugno. (foto cc.) ndr.

di Redazione

BARI, 10 GIU. (COMUNICATO STAMPA)- Nel pomeriggio, i Carabinieri della Compagnia di Modugno hanno tratto in arresto per maltrattamenti in famiglia e tentata estorsione un 27enne, noto alle forze dell’ordine. Il fenomeno, che costituisce una vera e propria piaga sociale, riconducibile all’uso o abuso delle sostanze stupefacenti, ha colpito per l’ennesima volta una famiglia del luogo. Un giovane, ormai da tempo entrato nel tunnel della droga, nell’ultimo periodo era diventato un pericolo per la stessa madre. Il 27enne da diversi mesi si era reso responsabile nei confronti della madre di reiterate violenze fisiche e minacce finalizzate ad ottenere denaro per l’acquisto di sostanza stupefacente. Sua madre intanto, rimasta sola, per mandare avanti la famiglia era riuscita a trovare lavoro come badante e con il risicato stipendio che percepiva cercava di tirare avanti per entrambi. Il ragazzo invece, nullafacente, ormai totalmente offuscato nella ragione a causa della dipendenza dagli stupefacenti non aveva altro interesse che quello di tornare “a farsi” e costantemente chiedeva denaro contante per soddisfare il proprio bisogno e non andare in astinenza. A seguito dell’ennesima minaccia ed aggressione subita, la donna ha trovato il coraggio di telefonare al 112. La sensibilità di un Carabiniere donna, operatrice della Centrale Operativa di Bari, è stata determinante per comprendere la gravità della situazione e cogliere la velata richiesta di aiuto, avvenuta proprio mentre subiva le minacce del figlio. Quindi, mentre la donna veniva intrattenuta dall’operatrice del 112, in modo che il figlio non potesse comprendere il tenore della telefonata, è stata immediatamente raggiunta dai militari della Stazione Carabinieri di Modugno. Alla vista dei militari dell’Arma, il giovane ha tentato la fuga, ma è stato prontamente bloccato e condotto in caserma. Quindi gli investigatori sono riusciti a ricostruire il quadro di violenze domestiche e continue estorsioni perpetrate dal figlio, soprattutto negli ultimi mesi. I militari pertanto hanno proceduto all’arresto del 27enne che dopo le formalità di rito è stato tradotto presso la casa circondariale di Bari ove resterà a disposizione dell’Autorità Giudiziaria davanti la quale dovrà rispondere di maltrattamenti in famiglia ed estorsione continuata. 

MODUGNO (BA): CONTROLLI AL MERCATO. SANZIONI PER GLI ABUSIVI 

Nella mattinata di ieri i Carabinieri della Stazione di Modugno hanno effettuato un apposito servizio finalizzato al controllo e al contrasto del commercio ambulante abusivo, che svolto da soggetti totalmente irregolari, mette in difficoltà coloro che in maniera corretta pagano tasse e contributi per poter svolgere analoga attività nel rispetto delle regole. Attività quella abusiva che pertanto poi diventa una forma di concorrenza sleale. I militari dell’Arma hanno passato al setaccio le bancarelle presenti nei pressi delle aree mercatali giornaliere e settimanali ubicate nel centro del comune di Modugno. Al termine dei controlli due soggetti, un 71enne, già noto alle forze dell’ordine, e una 47enne del luogo, sono stati sanzionati poiché sorpresi a vendere frutta e verdura senza avere l’apposita licenza e senza avere l’autorizzazione prevista per l’occupazione di suolo pubblico. I due sono stati sanzionati amministrativamente per esercizio abusivo del commercio in assenza di licenza e vendita in zona prevista da regolamento comunale, nonché occupazione abusiva di suolo pubblico. Nei loro confronti sono state elevate sanzioni per oltre 5000 euro e la merce da loro esposta è stata sottoposta a sequestro e devoluta ad un Ente benefico. I Carabinieri precisano che i controlli continueranno per arginare il fenomeno dell’ambulantato irregolare a tutela dei commercianti regolari ed anche dei consumatori. . 

BITONTO (BA). CONTROLLI E PERQUISIZIONI DEI CC SU TUTTO IL COMUNE. INTERA SQUADRA DI PUSHER ARRESTATA DAI CARABINIERI DELLA STAZIONE DI BITONTO 

Nella tarda serata di sabato i carabinieri della stazione di Bitonto, con il supporto dei colleghi delle stazioni limitrofe e della Compagnia di Intervento Operativo dell’11° Reggimento CC “Puglia”, hanno tratto in arresto un’intera squadra di spacciatori che operava in via Sandro Pertini. L’attività criminale è stata osservata e documentata dai militari dell’Arma per diverse ore. Il gruppo di giovani, infatti, aveva stabilito la propria base di spaccio presso una palazzina della predetta via e, con un sistema ben organizzato di “pusher” e “pali” che segnalavano l’eventuale arrivo di forze dell’ordine, spacciavano sostanza stupefacente ad acquirenti provenienti anche da comuni limitrofi. I carabinieri, dopo aver accertato l’attività di spaccio e i “ruoli” dei vari soggetti, sono intervenuti per bloccarli. All’arrivo dei militari, il gruppo ha cercato di sottrarsi ai controlli, tentando la fuga. Uno di loro ha raggiunto anche il terrazzo condominiale, scavalcando un muretto di altezza circa 1 mt posto a confine con un altro terrazzo, si è avvicinato al cunicolo di una canna fumaria ed ha iniziato a svuotare il contenuto del borsone che aveva al seguito. Ritornato sui suoi passi il giovane ha nascosto qualcosa anche in un’intercapedine del locale macchine ascensori ed è risceso all’interno del condominio cercando di nascondersi. Tutti i movimenti, e il tentativo di disfarsi del materiale è stato chiaramente visto dai militari operanti che, successivamente, hanno provveduto a bloccare i tre giovani bitontini. Fermati i tre spacciatori, i carabinieri della Stazione del luogo, contestualmente, hanno dato inizio alle operazioni di perquisizione di tutti i luoghi in cui erano stati visti. In particolare le operazioni sono iniziate proprio dalla canna fumaria che, già da una prima ispezione, presentava una interruzione a circa 5 metri, provocata dalla sostanza stupefacente. All’interno, sono stati recuperati 68 buste in cellophane trasparente per un totale di 152 grammi di marijuana, 37 grammi di hashish e 80 dosi di cocaina. I militari hanno quindi raggiunto la base della canna fumaria e, aperta una fessura laterale, hanno recuperato ulteriori 20 bustine di marijuana del peso di 35 grammi, 21 dosi di hashish e 7 dosi di cocaina. Nell’intercapedine, è stata rinvenuta una busta in cellophane, contenente una radio ricetrasmittente e la somma in contante di 2500,00 euro composta da banconote di vario taglio. All’esito di tutte le operazioni, i tre bitontini sono stati dichiarati in arresto e accompagnati presso la casa circondariale di Bari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Sostanza stupefacente, soldi e restante materiale sono stati sottoposti a sequestro. I controlli e le perquisizioni non si sono limitati solo alla zona di via Sandro Pertini, ma sono stati estesi a tutto il comune. All’esito del servizio sono state controllate decine di soggetti, oltre 30 veicoli ed elevati 14 verbali al codice della strada.



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento