La Gazzetta Meridionale.it | Cronaca del Sud 24h
Arrow
******Questo spazio pubblicitario è in vendita******

Loading...


La 'Vignetta del Giorno' - di Franco Loriso






Pubblicità




Agi.it - Ultime Notizie | Video


Loading...

Bari, sono le ore:

Pubblicità

Pubblicità

Pubblicità

Adn Kronos Tv

Rubriche

I Nostri Gazzetta 'Sport Magazine' e 'Web Tv'

La Gazzetta 'Sport ' - Responsabile dei Servizi Sportivi: Mario Schena




Orchestra Sinfonica

Inaugurazione 2014

*Spazio in vendita*
Luigi Amendolagine. (foto com.) ndr.

di Redazione

MOLFETTA (BA), 22 NOV. - Domenica di nuovo in campo dopo la sconfitta di Altamura Grande delusione per la Nuova Molfetta nel match di ieri ad Altamura. I biancorossi di mister Nicola Catalano infatti hanno subito un pesante ko in casa della Fortis Altamura per 5 a 1 in una gara che ha visto i padroni di casa sempre padroni del campo e in grado di comandare a piacimento il gioco. Cosi già nella prima frazione di gioco i marinai si sono ritrovati sotto di tre reti siglate da Savoia (doppietta) e Angelastri. Nella ripresa i padroni di casa dilagano portandosi sul 5 a 0 grazie alle reti di Giaconelli e Calderoni. Nei minuti finali la rete della bandiera dei molfettesi su calcio di punizione di Elio Foggetti. Una sconfitta che brucia tantissimo per il modo in cui è arrivata nonostante le numerose defezioni (tra infortuni e squalifiche) che rendevano la gara ostica; con questa gara i marinai sono stati sorpassati in classifica proprio dall’Altamura. Ora c’è poco tempo per recriminare e si dovrà dimostrare da subito di voler rialzare la testa; a partire da domenica prossima nella sfida casalinga (si gioca ad Enziteto con fischio d’inizio alle ore 14.30) per indisponibilità del Paolo Poli) contro il Barium. I baresi arrivato alla gara di domenica prossima con il morale a mille dopo il poker di reti rifilato nel derby cittadino al Quartiere Uniti e precedono la Nuova Molfetta in classifica di una sola lunghezza. I baresi fanno affidamento soprattutto ad una difesa abbastanza solida e hanno sin qui puntato sulle reti di Francesco Tenzone, centrocampista dal gol facile con cinque reti all’attivo. I marinai dei presidenti Di Benedetto e Bufi vorranno ripartire e aspettano ancora il primo sigillo stagionale di Corrado Uva che potrà contare sull’estro dei vari Andreula, Lopez e del ritrovato Campanale. Una gara impegnativa che darà delle risposte certe sullo stato di salute dei marinai.





***Questo Spazio pubblicità è in vendita***
I pannelli fotovoltaici recuperati. (foto cc.) ndr.

di Redazione

TURI (BA), 23 NOV. - Sono stati tutti recuperati e restituiti alla società proprietaria dell’impianto i 60 pannelli fotovoltaici che ignoti malfattori, venerdì notte avevano divelto, smontato e accatastato a ridosso della recinzione per essere poi portati via. In particolare, i Carabinieri della Stazione di Turi, unitamente a personale del locale istituto di vigilanza, a seguito dell’attivazione dell’allarme in un impianto fotovoltaico in contrada “Polveriera” sono prontamente intervenuti. Sul posto, dopo aver notato la manomissione della recinzione metallica posta a protezione dell’impianto, hanno trovato i pannelli, a ridosso della stessa, già “pronti” per essere caricati verosimilmente su un mezzo pesante. La refurtiva è stata interamente recuperata e restituita all’avente diritto mentre sono in corso indagini finalizzate all’identificazione degli autori del tentato furto che, all’arrivo delle pattuglie e approfittando dell’oscurità, sono riusciti a darsi alla fuga. 

CANOSA DI PUGLIA (BT): NON RISPETTA L’OBBLIGO DI PRESENTAZIONE ALLA P.G. SOTTOPOSTO AGLI ARRESTI DOMICILIARI DAI CARABINIERI 

I Carabinieri della Stazione di Canosa di Puglia hanno arrestato un 22enne pregiudicato del luogo già sottoposto all’obbligo di presentazione alla P.G., in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Lecce, su richiesta della locale Procura della Repubblica, per aver trasgredito alle prescrizioni a lui imposte lo scorso primo novembre. L’immediata segnalazione da parte dei Carabinieri ha subito indotto l’Autorità Giudiziaria a disporre la sottoposizione del soggetto alla più incisiva misura degli arresti domiciliari. 

GIOIA DEL COLLE (BA): CARABINIERI SVENTANO FURTO IN UN DISTRIBUTORE DI CARBURANTI METTENDO IN FUGA I MALFATTORI 

Muniti di flessibile e tronchese avevano appena cominciato a forzare la colonnina del distributore self-service di carburante ma il tempestivo intervento dei Carabinieri ha consentito di mettere in fuga i malfattori scongiurando la commissione del furto. In piena notte i militari, nel corso di un servizio perlustrativo finalizzato a prevenire e reprimere la commissione di reati predatori lungo la ss100, si sono portati presso una pompa di benzina dove era stato segnalato un furto grazie ad una telefonata giunta al numero di emergenza “112”. L’immediato intervento ha consentito di mettere in fuga i malfattori che si dileguavano a bordo di una Bmw facendo perdere le loro tracce. Sul posto i militari hanno rinvenuto e sottoposto a sequestro un gruppo elettrogeno, oltre agli strumenti utilizzati per forzare la colonnina self-service e giungere alla cassetta contenente il denaro. Sono in corso indagini finalizzate all’identificazione dei malfattori.





***Questo Spazio pubblicità è in vendita***
Una immagine della conferenza. (foto) ndr.

di Redazione

BARI, 22 NOV. - Il Direttivo Anci Puglia ha incontrato presso la sede Anci di Bari, l’assessore regionale Angela Barbanente per un confronto sul Piano Paesaggistico Territoriale Regionale, in particolare sulla proposta emendativa alle norme tecniche attuative del PPTR, la sintesi delle osservazioni raccolte dalla Regione durante la lunga fase di consultazione con i territori, avviata dopo l’adozione del provvedimento (G.R. 2/8/2013). L’Assessore ha esposto ai sindaci le osservazioni recepite, precisando che delle oltre 2750 pervenute solo il 14,7 % non sono state accolte e che quelle accolte, sono state già condivise con il Ministero Beni Culturali. L’assessore Barbanente ha premesso la doverosa e imprescindibile collaborazione con i Comuni in materia di governo del territorio e paesaggio, viste le competenze delle amministrazioni locali in sede di autorizzazione paesaggistica e quindi di interpretazione del Piano. Ha sottolineato la necessità di accelerare tempi per definitiva approvazione del PPTR, soprattutto per lo stato del nostro territorio, sempre più vulnerabile di fronte ad eventi calamitosi che si verificano con maggiore frequenza. Ha spiegato che il Piano segue due logiche: tutela del paesaggio - nella nuova accezione “ecologica” - e semplificazione, in piena coerenza con il Codice beni culturali, evidenziando l’importanza dell’adeguamento degli strumenti urbanistici comunali. Infine, anche su richiesta dei Comuni, ha rimarcato la “flessibilità” e “dinamicità” dello strumento, facendo specifico riferimento a due articoli (104 e 97), che prevedono procedure semplificate (Conferenza di servizi) rispettivamente, per la rettifica delle errate localizzazioni o perimetrazioni e per l’aggiornamento del Piano (art.104) e per l’adeguamento dello stesso alla realtà locale (art. 97). “Continua il proficuo percorso collaborativo tra Anci e Regione, – ha dichiarato il presidente Anci Puglia sen. Luigi Perrone – di particolare importanza la lunga fase di concertazione avviata con la vicepresidente Barbanente sul PPTR, perché ha prodotto un confronto sistematico e costruttivo con i comuni e per loro tramite con i cittadini. Ringrazio l’assessore ed esprimo apprezzamento per il metodo. I comuni vivono quotidianamente le complesse dinamiche di trasformazione del territorio e dunque sono direttamente interessati a disporre di strumenti pianificatori certi e condivisi, adeguati alle proprie specifiche peculiarità e che consentano uno sviluppo durevole e sostenibile." L’Anci ha provveduto ad inoltrare lo schema di proposta emendativa ai Comuni pugliesi i quali potranno esprimersi entro il prossimo 28 novembre.





***Questo Spazio pubblicità è in vendita***
La saracinesca colpita. (foto N. Baratta) ndr.

di Nico Baratta

FOGGIA, 22 NOV. - Qualcuno li ha definiti bombaroli. Per altri sono veri e propri criminali. Questa volta nel mirino del racket è ritornata la storica Pasticceria del Carmine, in Via Crispi a Foggia, zona Carmine vecchio.Una deflagrazione, avvertita in molte parti della città, questa notte alle ore 01.05: circa ha sobbalzato nuovamente i foggiani. I danni non sono ingenti, ma tali da far intendere che l’atto è intimidatorio. Lo stesso che la pasticceria ricevette due anni fa, e precisamente il 26 aprile del 2012. Sul luogo si son recati Polizia e Carabinieri che hanno svolto i rilievi del caso. Questa mattina la pasticceria ha ripreso la sua attività, seppur zoppicante per i danni subiti e i lavori di ripristino della saracinesca da parte di un fabbro. Il Sindaco Franco Landella si è recato sul luogo per dimostrare la vicinanza sua e di tutta l’amministrazione, rafforzata dalla presenza anche del consigliere di maggioranza Joseph Splendido. Un brutale evento, quest’ultimo, terzo di una settimana funestata da altre due bombe e una morte bianca, che con tal episodio non riceve il dovuto silenzio in memoria di un concittadino.
«Nessuna richiesta estorsiva” ha precisato il titolare della pasticceria. Stessa dichiarazione che diede due anni fa. E come allora il titolare invita gli organi di stampa a dare risalto a questa ondata di criminalità che sta mietendo paura a un territorio che non riesce a risolvere il problema.
La Capitanata a quanto pare è sotto lo scacco della mala, di quella organizzata, del racket e chi dovrebbe intervenire con polso duro e fermo non sortisce soluzione, bensì solo tavole rotonde, programmi e vicinanza. Mentre chi dovrebbe parlare, denunciare, collaborare si chiude a riccio subendo e pagando.







***Questo Spazio pubblicità è in vendita***
Gli arrestati. (foto cc.) ndr.

di Redazione

SAN SEVERO, 22 NOV. - SI RECA IN OSPEDALE E CERCANO DI RUBARGLI L’AUTO: FURTO SVENTATO DALL’INTERVENTO DEI CARABINIERI.
I carabinieri di San Severo hanno arrestato in flagranza di reato MONTEDORO Massimo, sanseverese classe ‘76, per il tentato furto di un auto. L’uomo è stato sorpreso dai militari intorno alle 20.00 mentre armeggiava in maniera concitata all’interno di un veicolo in sosta in Piazza Ernesto Mandes, cercando di mettere in moto l’auto. Nel mentre si avvicinavano i Carabinieri, l’uomo tentava di allontanarsi ma veniva immediatamente bloccato. Ispezionando la vettura i militari constatavano la forzatura della serratura della portiera e l’abitacolo del veicolo completamente a soqquadro, con oggetti e documenti sparsi ovunque. Anche il quadro di accensione appariva visibilmente forzato nel tentativo di far partire il veicolo. 
Date le circostanze l’uomo veniva perquisito e nelle tasche del suo giubbino venivano trovati due cacciavite, utilizzati per forzare la serratura del mezzo, e il portafogli del titolare del veicolo. Proprio in quei momenti sopraggiungeva il proprietario dell’auto che, di ritorno dall’ospedale, si avvicinava ai militari. Lo stesso riconosceva subito il portafogli che aveva lasciato nel vano porta oggetti. L’arrestato è stato sottoposto ai domiciliari.

FURTO DI GASOLIO: UN ARRESTO
I Carabinieri di San Severo hanno tratto in arresto VIELE Giuseppe, 49 anni per furto. L’uomo veniva sorpreso dai militari nell’atto di rubare del gasolio da una cisterna di un bar della centralissima via Tiberio Solis di San Severo. I Carabinieri accertavano che il VIELE aveva praticato un foro sulla pubblica via largo circa 40 cm e profondo circa 1 metro così da poter raggiungere la cisterna sotterranea, da cui risultavano asportati 45 litri di gasolio, già riposti in diverse taniche pronte per essere portate via. 

FURTO DI OLIVE A TORREMAGGIORE: I CARABINIERI ARRESTANO MAROCCHINO
Con il favore della notte si erano organizzati in tre, con tanto di mazze per la battitura e teli per andare a raccogliere le olive ancora presenti in alcuni terreni alle porte di Torremaggiore. Il fatto è successo in contrada Santoro, dove nel cuore della notte tre uomini venivano sorpresi dai Carabinieri mentre erano intenti a raccogliere olive in un terreno di proprietà di un ignaro coltivatore locale. I militari, in servizio di perlustrazione anche nell’area rurale proprio per prevenire tali episodi,  scorgevano i tre individui intenti a battere le fronde degli ulivi. Alla vista dei carabinieri gli uomini si davano subito alla fuga, abbandonando sul terreno tutti gli strumenti che si erano portati e lanciandosi a perdifiato per i campi. Tuttavia, per uno di loro, ZOUANE  Abdelillah, marocchino del ’64, la fuga è durata pochi metri in quanto veniva in breve raggiunto dai militari che lo fermavano, dichiarandolo in stato di arresto per tentato furto aggravato. I quasi 400 kg di olive che gli uomini si accingevano a portar via venivano immediatamente restituiti al legittimo proprietario mentre teli e mazze venivano posti sotto sequestro.

DUE ARRESTI PER EVASIONE
Sempre i Carabinieri di San severo hanno tratto in arresto per evasione il sanseverese MARINELLI Pasquale Pio, 20 anni. Il giovane, che si trovava agli arresti domiciliari dopo essere stato arrestato in flagranza di reato dai Carabinieri di Larino per una rapina ad un supermercato commessa nel luglio scorso, veniva sorpreso da una pattuglia dei Carabinieri in tarda serata fuori la propria abitazione. Arrestato per il medesimo reato anche SOLDANO Matteo, classe ‘86. Il giovane si trovava agli arresti domiciliari a seguito di un’ indagine dei carabinieri di Trani per rapine commesse con uso di armi nello scorso anno. Giudicati entrambi per direttissimo sono stati sottoposti alla medesima misura detentiva.

DUE ARRESTI PER AGGRAVAMENTO DELLA MISURA CAUTELARE
I Carabinieri di San Severo hanno tratto in arresto su ordine dell’A.G. PETRONZI Donato classe ‘76 e FERRELLI Nicola classe ’77. Il primo si trovava agli arresti domiciliari a seguito dell’indagine sul traffico illecito di rifiuti denominata “BLACK LAND”, condotta dal Nucleo Investigativo del Reparto Operativo di Foggia e dal N.O.E. di Bari. Il secondo invece era sottoposto agli arresti domiciliari a seguito di un’attività di indagine per traffico di sostanze stupefacenti tra San Severo e Sannicandro.  Entrambe i soggetti, durante numerosi controlli effettuati dai Carabinieri, erano stati più volte segnalati per violazioni degli arresti domiciliari. L’attività di controllo dei militari e le numerose segnalazioni raccolte circa il mancato rispetto delle prescrizioni permettevano all’Autorità Giudiziaria di emettere per entrambi un’ordinanza di custodia cautelare in carcere.

UN ARRESTO PER ORDINE DI CARCERAZIONE
I Carabinieri hanno dato esecuzione anche ad un provvedimento di carcerazione a carico del sannicandrese CRUCIANO Giovanni dell’ 89 per i reati di rapina aggravata e tentata estorsione. I fatti risalgono al 2008 quando il Cruciano si era reso responsabile nel giro di poche ore di due rapine in danno di passanti e successivamente aveva tentato di porre in essere un’ estorsione nei confronti di un venditore ambulante di Sannicandro. Le indagini dei Carabinieri permisero allora di individuarlo dopo poche ore e di arrestarlo in flagranza. Adesso il giovane dovrà scontare 2 anni, 5 mesi e 9 giorni di reclusione, oltre al pagamento di una multa di 1100 euro.





***Questo Spazio pubblicità è in vendita***
Massimo Bagnato al Teatro Bravò. (foto GM) ndr.

di Romolo Ricapito

BARI, 22 NOV. -  Prosegue con grande apprezzamento di pubblico la rassegna Rido Anch'io presso il Teatro Bravo'. Massimo Bagnato ha presentato il suo spettacolo "Quanti PENSANO?". Il comico è apparso in scena in camicia bianca e jeans, dando vita a interazioni con il pubblico basate su finti provini. I dialoghi, surreali e nonsense, erano funzionali a riscaldare l'atmosfera. "Mio padre e mia madre mi hanno trattato come un figlio; si sono sposati lo stesso giorno..." Bagnato usa concetti lapalissiani per infarcire la sua comicità. Uno sguardo all'attualità: gli 80 euro di Renzi, chi li ha ricevuti? Il Senato va abolito? Excursus sui negozi non più "tutto a 1 euro", ma... "tutto a 10 euro"!. Gli sketch sono brevi e frenetici; si passa da un argomento all'altro, con citazioni di canzoni. 

Vattene Amore di Amedeo Minghi, Can't take my eyes off you di Gloria Gaynor interrotta sadicamente sul più bello. Citato anche lo Scandalo Expo 2015 di Milano. I giochini infantili creano empatia del pubblico, come quello di chiedere le tabelline, che non tutti conoscono a memoria. Perciò Bagnato si propone come un elegante fantasista, estroso e imprevedibile. Ecco vari quiz: propedeutici a indovinare noti motivi musicali, ma anche un quiz "demenziale" sui numeri. Molta importanza all'interno dello spettacolo hanno le citazioni, oppure le rappresentazioni di cantanti. Elemento indispensabile per essere rappresentati, o scherniti :la grande popolarità e il talento. Ecco dunque il nostro comico rallegrare la triste "Margherita" di Riccardo Cocciante col suono di una fisarmonica per bambini. 

Poi "Il Triangolo"di Renato Zero, "Azzurro" scritta da Paolo Conte per Adriano Celentano. Spazio all'improvvisazione: se una signora del pubblico starnutisce, Massimo Bagnato chiama il pubblico a gridare : "salute". Largo a "Sapore di Sale", stravolta, "Questo Piccolo Grande Amore" riproposta con un testo che intervalla il numero "due" alle strofe, per dar luogo a una demenziale rivisitazione o riscrittura :"Questo Piccolo Grande Amore numero 2". Quindi la versione priva del testo originale dell'inno di Baglioni e cantata con la numerazione: 1,2,3,4,5, 6... Un' Alba Chiara di Vasco Rossi in inglese maccheronico e addirittura "Si Viaggiare" in tedesco, ovviamente finto. E ancora, le canzoni dell'Osteria: Osteria numero 1, 2, 3... Nel Blu Dipinto di Blu in chiave multietnica, riproposta in dialetti e lingue africane. Anche Sapore di Sale di Gino Paoli "riletta" in "africano". 

Delle freddure su una ipotetica Pizzeria Vip: Bagnato improvvisa ingredienti di pizze su richiesta del pubblico, uniti ai nomi di Berlusconi, , Madonna, Cicciolina, etc. Per la musica straniera, parodia di Smoke Gets in Your Eyes dei Platters, per quella classica una cavalcata nell'overture del Guglielmo Tell di Gioacchino Rossini. Ancora: ricerche sul vissuto comune e finanche un ballo pazzo sulla sigla di Uno Mattina di Rai Uno. Bellissimo lo sketch sugli animali in estinzione, utilizzando dei peluche.. Poi il numero del ventriloquo, con l'utilizzo di uno solo tra i pupazzi. La parodia di programmi culturali tipo Quark, il rap e infine l'apoteosi, quando Massimo Bagnato, impersonando Renato Zero e cantando "Spiagge", scende in sala tra il pubblico firmando finti autografi.







***Questo Spazio pubblicità è in vendita***
La droga e il materiale sequestrato. (foto cc.) ndr.

di Redazione

PUTIGNANO (BA), 22 NOV. - I Carabinieri della Compagnia di Gioia del Colle hanno arrestato un insospettabile 36enne di Putignano ritenuto responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I militari, che da tempo tenevano d’occhio l’uomo, hanno deciso di fare irruzione nella sua abitazione nel centro di Putignano. La perquisizione ha portato al rinvenimento di 90 grammi di hashish, 25 di marjuana e 9 di cocaina, suddivisi in dosi, unitamente ad un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento della sostanza. Lo stupefacente, trovato in parte nell’abitazione e in parte nel box auto di pertinenza, è stato sottoposto a sequestro. Tratto in arresto, su disposizione della Procura della Repubblica di Bari, è stato collocato ai domiciliari. 

CANOSA DI PUGLIA (BA): INCASTRATO DALL’ODORE DELLA MARJUANA: ARRESTATO 22ENNE DAI CARABINIERI 

Nel corso di un servizio di controllo del territorio i Carabinieri della Stazione di Canosa hanno arrestato nella flagranza del reato con l’accusa di spaccio di stupefacenti un pregiudicato 22enne del luogo. Ad insospettire i militari è stata la presenza di un forte odore di marjuana proveniente dall’abitacolo del veicolo a bordo del quale si trovava il giovane. La successiva perquisizione personale e domiciliare ha infatti confermato i sospetti in quanto il giovane è stato trovato in possesso di 25 grammi di droga e di 10 euro provento dell’illecita attività di spaccio. Su disposizione della Procura della Repubblica di Trani l’uomo è stato associato presso la locale casa circondariale.





***Questo Spazio pubblicità è in vendita***

Rubrica - Recensioni Cinematografiche



Seguici su Facebook


'Arcipelago Moda' - Moda & Fashion


I nostri 'Media Partner'









Google+