La Gazzetta Meridionale.it | Cronaca del Sud 24h
Arrow
******Questo spazio pubblicitario è in vendita******

Loading...


La 'Vignetta del Giorno' - di Franco Loriso






Pubblicità




Agi.it - Ultime Notizie | Video


Loading...

Bari, sono le ore:

Pubblicità

Pubblicità

Pubblicità

Adn Kronos Tv

Rubriche

I Nostri Gazzetta 'Sport Magazine' e 'Web Tv'

La Gazzetta 'Sport ' - Responsabile dei Servizi Sportivi: Mario Schena




Orchestra Sinfonica

Inaugurazione 2014

*Spazio in vendita*
Occupazione  a rischio nelle fabbriche. (foto Agi) ndr.

di Redazione

ROMA, 29 OTT. (AGI) - L'occupazione nelle grandi imprese registra ad agosto una diminuzione dello 0,1% al lordo dei dipendenti in cassa integrazione guadagni (Cig) e dello 0,2 al netto della Cig ad agosto. Nel confronto con un anno prima l'occupazione cala dello 0,8% al lordo della Cig e dello 0,5% al netto dei dipendenti in Cig. Al netto degli effetti di calendario, il numero di ore lavorate per dipendente (al netto dei dipendenti in Cig) diminuisce, rispetto ad agosto 2013, dello 0,6%. L'incidenza delle ore di cassa integrazione guadagni utilizzate e' pari a 36,3 ore ogni mille ore lavorate, in diminuzione di 6,8 ore ogni mille rispetto ad agosto 2013. La retribuzione lorda per ora lavorata (dati destagionalizzati) registra una crescita del 2,6% rispetto al mese precedente. In termini tendenziali l'indice grezzo aumenta del 5,0%. Rispetto ad agosto 2013 la retribuzione lorda e il costo del lavoro per dipendente (al netto dei dipendenti in Cig) aumentano rispettivamente dello 1,4% e dell' 1,6%. Considerando la sola componente continuativa, la retribuzione lorda per dipendente aumenta, rispetto allo stesso mese dell'anno precedente, dell'1,1%.





***Questo Spazio pubblicità è in vendita***
I controlli della Gdf presso l'azienda. (foto Gdf) ndr.

di Redazione

BARI, 29 OTT. - I Finanzieri della Tenenza di Mola di Bari, nel contesto di una più ampia attività di contrasto all’evasione fiscale e alle frodi agroalimentari, hanno ispezionato un’impresa agricola di Noicattaro (BA) dedita alla produzione di prodotti vinosi. Il controllo, effettuato unitamente a personale dell’Ufficio Igiene degli Alimenti e Nutrizione dell’ASL di Bari, con il quale, da tempo, è in atto un sinergico e proficuo rapporto di collaborazione, ha messo in evidenza che il titolare di tale azienda stava svolgendo l’attività senza essere in possesso delle autorizzazioni sanitarie e senza aver istituito la documentazione di cantina (prevista obbligatoriamente per legge ai fini del controllo della produzione). Al termine, l’opificio è stato sequestrato in via amministrativa, unitamente a oltre 4 mila litri di vino da tavola e ad una notevole quantità di materia prima destinata alla sua produzione (vinacce e mosto in fermentazione). Il titolare è stato segnalato agli uffici competenti per l’applicazione delle pesanti sanzioni pecuniarie previste dalla normativa. L’attività di servizio, che avrà anche risvolti di carattere fiscale, è diretta soprattutto alla tutela dei consumatori e delle aziende sane di settore.





***Questo Spazio pubblicità è in vendita***
La nuova MV Agustaa Brutale 800 RR. (foto I.M.) ndr.
Per molti ma non per tutti, la nuova Brutale 800 RR offre il massimo delle prestazioni e dello sviluppo tecnologico delle naked di casa MV. Come se la versione "normale" non fosse abbastanza ecco la ipervitaminizzata RR tutta casa e cordoli 

di Redazione

BARI, 29 OTT. - Come se non bastassero il fascino e le prestazioni offerte dalla Brutale 800 dalle parti di Schiranna, nella sede della MV, hanno pensato bene di dare alla luce una versione vitaminizzata di quella che è senza dubbio una delle più riuscite e affascinanti naked attualmente sul mercato... e così è nata la Brutale 800 RR. Se fin dalla sua origine, con la 675, la Brutale voleva essere un punto di incontro tra la versatilità naked e l'anima racing oggi la 800 RR fa pendere con decisione l'ago sulla parte corsaiola. Prestazioni ancora più estreme, ciclistica adeguata ed elettronica ai massimi livelli fanno della 800 RR un vero "animale" da pista da avvicinare con il dovuto "timore reverenziale" perché la Brutale RR non è una moto per tutti. Cominciamo a far parlare qualche numero partendo, come è giusto, dal motore e dalle sue prestazioni. Il tricilindrico di MV è compatto, leggero e con soluzioni tecnologiche che lo pongono al vertice della produzione mondiale. Nuovo è l'impianto di iniezione elettronica che vede due iniettori per cilindro (sugli altri modelli di Brutale è uno solo), una nuova centralina di controllo, valvole farfallate da 50mm di diametro e un nuovo air box più efficiente con il risultato che ora si parla di 140 cv a 13.100 giri e una coppia massima di 86 Nm a 10.100 giri ma con una curva di erogazione già piena ai bassi e medi regimi. Naturalmente tanta esuberanza ha bisogno delle adeguate "infrastrutture" per essere gestita, a cominciare dal telaio in tubi di acciaio in grado di offrire adugata resistenza ai carichi di flessione e torsione pur a fronte di un peso contenuto. A questo si affiancano due piastre in lega di alluminio a cui si infulcra il monobraccio posteriore, anche'esso in lega di alluminio. Anche per le sospensioni la dotazione è di altissimo livello sia per caratteristiche che per versatilità: la forcella è una Marzocchi da 43mm a steli rovesciati con regolazione del freno idraulico in compressione ed estensione oltre che nel precarico; le medesime regolazioni sono offerte dal mono posteriore Sachs mentre fa bella mostra di sé il nuovo ammortizzatore di sterzo realizzato da CRC. Il contatto con il terreno è garantito dai pneumatici di primo equipaggiamento Pirelli Diablo Rosso II 120/70-17" all'anteriore e 180/55-17" al posteriore montati su cerchi a cinque razze in lega di alluminio e realizzate specificamente per la 800 RR. Per fermarsi la Brutale si affida a due dischi in acciaio di 320mm all'anteriore con pinze radiali a quattro pisconcini mentre al posteriore il cerchio è di 220mm su cui agisce una pinza a due pistoncini il tutto made in Brembo. L'ABS è l'evoluto sistema Bosch 9 plus con RLM, che oltre a evitare il bloccaggio delle ruote limita il rischio di sollevamento del retrotreno in staccata. Infine, ma non ultima, anche l'elettronica è all'altezza del progetto RR: il sistema MVICS 2.0 (Motor & Vehicle Integrated Control System) offre tre mappe standard impostate direttamente in fabbrica (Sport, Normal e Rain) che permettono di gestire finemente la coppia e garantiscono un’erogazione dolce ai bassi regimi, indispensabile ad esempio per l’impiego cittadino o su fondi a bassa aderenza ma consentono, contemporaneamente, di sfruttare pienamente la grinta sportiva della Brutale 800RR. Se tutto ciò non bastasse è sempre possibile utilizzare la mappa Custom, che permette di intervenire su parametri fondamentali come risposta del motore, limitatore di giri, risposta della coppia motore, sensibilità del comando gas e freno motore. Ma l'elettronica sulla RR passa anche dal cambio: il nuovo Quickshifter EAS 2.0 è il primo modello della categoria a offrire il “downshifter”, l’assistenza elettronica in scalata, per garantire cambiate rapidissime in ogni situazione. Come sulla Brutale "normale" il controllo di trazione è disinseribile, oppure può essere impostato su otto differenti livelli di intervento agendo su apertura farfalla, anticipo d’accensione e iniezione. Per la versione RR anche questo elemento è stato però ulteriormente evoluto e dotato di logiche di funzionamento specifiche. La nuova Brutale 800 RR è proposta in 2 colorazioni: Rosso Shock Perlato/Bianco Ice Perlato e Grigio Avio Metallizzato/Nero Carbonio Metallizzato. Con sistema ABS Bosch 9 plus e cambio EAS 2.0 è disponibile franco concessionario a 13.980 €.





***Questo Spazio pubblicità è in vendita***
Il ministro Padoan. (foto Agi). ndr.

di Redazione

ROMA, 28 OTT. 8 AGI) - La Commissione europea al momento non giudica alcuno stato dell'Eurozona in "significativa violazione" delle norme Ue di bilancio. Lo scrive il commissario Ue agli affari economici, Jirky Katainen, in una nota stampa in cui da' di fatto un primo via libera alle manovre di Italia, Francia, Austria, Slovenia e Malta, cioe' i cinque stati considerati a rischio di "seria violazione" delle regole e ai quali la Commissione ha inviato la settimana scorsa lettere di avvertimento. Gli altri stati dell'Eurozona soggetti a tale esercizio di controllo non avevano suscitato la preoccupazione di Bruxelles. "Dopo aver preso in considerazione tutte le ulteriori informazioni e miglioramenti comunicatici negli ultimi giorni, non posso al momento identificare casi particolarmente seri di non rispetto delle norme Ue, cosa che ci obbligherebbe a considerare un'opinione negativa in questa fase del processo", si legge nella nota di Katainen, che quindi esclude la pubblicazioni di opinioni domani. Il commissario sottolinea tuttavia che a partire da questo momento la Commissione si accingera' a "completare le analisi dettagliate dei progetti di bilancio". Spettera' poi alla nuova Commissione di Jean-Claude Juncker "adottare opinioni a novembre", spiega Katainen, come sottolinea che "qualunque lacuna o rischio sara' chiaramente evidenziato a quel punto" del processo di controllo dei conti dei paesi dell'eurozona. "C'e' stata una resa all'Unione europea" sulla legge di stabilita'? "Non userei questo termine". Lo ha detto il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, intervenendo presso le commissioni Bilancio congiunte di Camera e Senato. "A valore facciale", ha aggiunto Padoan, "l'aggiustamento richiesto all'Italia era dello 0,7% del Pil. Si e' arrivati invece allo 0,3% perche' si tratta di una delle prime applicazioni a mia conoscenza della piena applicazione del principio di flessibilita' contenuto all'interno delle regole europee". Il dibattito con la commissione, ha detto ancora il ministro, ha riguardato innanzitutto "la composizione della manovra", piuttosto che la sua dimensione, e "il legame con le riforme strutturali". Un peso ha poi avuto il fatto che "purtroppo" l'Italia e' ormai "nel suo terzo anno di recessione". Quanto a una presunta differenza di trattamento goduta dalla Francia, Padoan ha ricordato che Parigi e' "in procedura di deficit eccessivo", nella quale l'Italia "non ha alcuna intenzione di ricadere". La correzione alla legge di Stabilita' voluta dalla commissione europea "sottrae risorse e dunque, per definizione, c'e' un effetto espansivo minore rispetto all'iniziale stesura", ha precisato Padoan, intervenendo presso le commissione Bilancio congiunte di Camera e Senato. Tuttavia, ha aggiunto l'inquilino di via XX settembre, "l'impatto sulla crescita della legge di stabilita' dipende in gran parte dalla sua composizione piuttosto che dalla sua dimensione". Le misure contenute nella legge di Stabilita' "sono pienamente coerenti con il piano di riforme strutturali in attuazione", ha aggiunto. "Abbiamo proposto alla Commissione alcune misure aggiuntive al budget che tuttavia consentono di confermare l'impostazione iniziale e di stimolare la ripresa economica soprattutto attraverso la riduzione delle tasse - in particolare sul lavoro e sull'impresa - compensata da tagli di spesa. Il riconoscimento della sostanziale coerenza del nostro budget con il quadro regolatorio dell'Unione europea vuol dire che anche l'Europa e' sulla strada della crescita e della creazione di nuova occupazione". Pier Carlo Padoan ha quindi spiegato: "Abbiamo avuto e continuiamo ad avere con la Commissione europea un dialogo aperto. Il nostro budget e' stato costruito con un mix di misure di politica economica che nel loro disegno unitario perseguono 3 obiettivi: 1. spingere l'economia italiana fuori dalla recessione, 2. finanziare la prima fase di implementazione delle riforme strutturali che il Paese sta realizzando gia' in questi messi, 3. Tenere i conti sotto controllo in modo da ridurre progressivamente il rapporto debito/Pil", conclude Padoan.





***Questo Spazio pubblicità è in vendita***
L'esplosione del giacimento di gas. (foto Agi) ndr.

di Redazione

BEIRUT, 39 OTT. (AGI) - Almeno una trentina di soldati delle truppe siriane sono morti in un attacco del gruppo jihadista Stato Islamico al giacimento di gas di Al-Shaer, nella provincia centrale di Homs. Lo riferisce l'Osservatorio Siriano per i Diritti Umani, secondo cui gli estremisti, dopo una notte di scontri, stanno avanzando per prendere il controllo del giacimento. Lunedi', i jihadisti dell'Isis si erano impadroniti del controllo di tre pozzi del campo di Al-Shaer. L'area e' la stessa in cui gli estremisti lanciarono un attacco nel luglio scorso. Intanto un primo gruppo di cinquanta combattenti dell'Esercito Libero Siriano (Els) sono entrati nell'enclave curda di Kobane, attraverso la Turchia, per aiutare la difesa della citta', da oltre 40 giorni assediata dagli jihadisti. Lo ha reso noto l'Osservatorio Siriano per i Diritti Umani. I ribelli, membri del gruppo di opposizione al regime siriano, sono entrati a Kobane, che si trova nel nord della Siria, con le armi proprie. Si attende anche da un momento all'altro l'arrivo nell'enclave curda dei peshmerga, le truppe curde irachene, che sono entrate nella notte in territorio turco. Secondo la Turchia, e' previsto che a Kobane entrino 150 peshmerga, oltre a circa 1.300 membri dell'Els.





***Questo Spazio pubblicità è in vendita***
Augusto Minzolini. (foto Agi) ndr.

di Redazione

ROMA 22 FEB. (AGI) - L'ex direttore del Tg1, Augusto Minzolini, condannato a due anni e mezzo di reclusione per peculato in relazione all'utilizzo di una carta di credito che gli venne assegnata dalla Rai durante il suo mandato. "E' una sentenza che ci lascia interdetti", commentano gli avvocati Franco Coppi e Fabrizio Siggia. "Alla lettura delle motivazioni, valuteremo se ricorrere in Cassazione - hanno aggiunto i due penalisti -. Troviamo insuperabili il profilo dell'elemento soggettivo e i tempi di contestazione della Rai". In primo grado, Minzolini era stato assolto perche' il tribunale gli aveva riconosciuto la buona fede, considerati i rapporti con l'allora dg Mauro Masi, e tenuto conto della restituzione della somma oggetto di contestazione. Davanti ai giudici di appello, gli avvocati Coppi e Siggia hanno spiegato come questa CARTA DI CREDITO AZIENDALE fosse "un mezzo agevolato di pagamento per ottenere il rimborso di spese sostenute per motivi di lavoro legate al ruolo di direttore ricoperto in quel periodo da Minzolini". Nessuna spesa personale, insomma, e' mai stata sostenuta con quella carta. Per i difensori, inoltre, "nel regolamento vigente non c'era alcuna indicazione su come andava giustificata e documentata ogni spesa. Lo dimostra il fatto che per diciotto mesi Minzolini si e' comportato in questo modo senza che nessuno in Rai abbia avuto qualcosa da ridire: le varie ricevute venivano spedite a Torino per il rimborso senza che nessuno abbia mai chiesto spiegazioni sulle persone frequentate da Minzolini in occasione di pranzi e cene e sulle circostanze nell'ambito delle quali avvenivano queste spese di rappresentanza".





***Questo Spazio pubblicità è in vendita***
La droga e il materiale sequestrato. (foto cc.) ndr.

di Redazione

BARI, 29 OTT. - Nel corso di un servizio straordinario di controllo del territorio finalizzato a prevenire e reprimere la commissione dei reati predatori e garantire più sicurezza ai cittadini i Carabinieri delle Compagnie di Bari Centro, Bari San Paolo e di Modugno hanno arrestato 5 persone e sequestrato 940 grammi di marijuana e 250 circa di hashish. In particolare, in via Sagariga Visconti i carabinieri della Compagnia di Bari Centro hanno arrestato un sorvegliato speciale 23enne ritenuto responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e di violazione degli obblighi. Il giovane al termine di una perquisizione personale e domiciliare è stato trovato in possesso di 940 grammi di marijuana e di 200 grammi di hashish. Su disposizione della Procura della Repubblica di Bari il giovane è stato collocato ai domiciliari. Stessa sorte è toccata ad un altro sorvegliato speciale barese 45enne trovato in possesso di un telefono cellulare a lui vietato. L’uomo che dovrà rispondere di violazione degli obblighi è stato collocato ai domiciliari. A Modugno i Carabinieri della locale Compagnia hanno arrestato un 20enne barese ritenuto responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Nel corso di un controllo effettuato all’interno di un circolo privato del luogo frequentato da giovani hanno notato un individuo che alla loro vista si è liberato di un involucro che teneva nella tasca dei pantaloni poggiandolo su un mobiletto. Il gesto non è sfuggito ai carabinieri che hanno recuperato il “pacco” contenente 45 grammi di hashish bloccando e traendo in arresto il giovane. Su disposizione della Procura della Repubblica di Bari il 20enne è stato collocato ai domiciliari. Nel quartiere San Paolo i carabinieri della locale Compagnia hanno arrestato un 31enne del luogo ritenuto responsabile di evasione. L’uomo è stato sorpreso in piena notte al di fuori della sua abitazione. Lo stesso, su disposizione della Procura della Repubblica di Bari, è stato ricollocato ai domiciliari. Una 36enne nigeriana infine è stata arrestata in esecuzione di un ordine di espiazione di pena detentiva emesso dalla Procura di Bari per acquisto o alienazione di schiavi. La donna è stata associata presso la casa circondariale di Bari. Nel corso del servizio 7 sono state le denunce per reati vari di cui due per tentato furto di auto, una per guida senza patente poiché mai conseguita, tre per violazione degli obblighi e una per tentata truffa ai danni di un 91enne. Si tratta di un napoletano che è ritenuto responsabile di aver fatto credere alla vittima di dovergli consegnare 750 euro in contanti per poter in seguito ricevere da un ufficio notarile 12mila euro in contanti. 


La droga e il materiale sequestrato. (foto cc.) ndr.
ANDRIA (BT): SERVIZIO ANTIDROGA DEI CARABINIERI. DUE ARRESTI E 13 DOSI DI EROINA E MARIJUANA SEQUESTRATE 

I carabinieri della Compagnia di Andria al termine di un servizio antidroga hanno arrestato in differenti circostanze due sorvegliati speciali del luogo ritenuti responsabili di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e violazione degli obblighi. Si tratta di un 27enne sorpreso, al termine di una perquisizione domiciliare, con 12 dosi di eroina , un bilancino di precisione e 315 euro in contanti, il tutto sottoposto a sequestro. Su disposizione della Procura della Repubblica di Trani, il giovane è stato associato presso la locale casa circondariale. Stessa sorte è toccata ad un 25enne sorpreso e bloccato a bordo di una “Twingo” lungo la sp 30 del comune di Trani nonostante avesse l’obbligo di non allontanarsi dal come di Andria. Sottoposto a controllo il giovane è stato trovato in possesso di una dose di marijuana. Su disposizione della Procura della Repubblica di Trani, il 25enne è stato collocato ai domiciliari.





***Questo Spazio pubblicità è in vendita***

Rubrica - Recensioni Cinematografiche



Seguici su Facebook


'Arcipelago Moda' - Moda & Fashion


I nostri 'Media Partner'









Google+