Richiedi tutte le info per Puglia Talent 2015 in Tour
La Gazzetta Meridionale.it | Cronaca del Sud 24h
Arrow


Loading...


La "Vignetta del Giorno" - di Franco Loriso

#




Instagram

Pubblicità




Agi.it - Ultime Notizie | Video


Loading...

Bari, sono le ore:

Trasmissione Radio - "80's Mania" con il Dj Lilly

Pubblicità

Adn Kronos Tv

Rubriche - La Gazzetta 'Politica & Attualità'

I nostri La Gazzetta 'Sport Magazine' e 'Web Tv'

La Gazzetta 'Sport ' - Responsabile dei Servizi Sportivi: Mario Schena


RUBRICA - 'L'ANGOLO DELLO SCIRTTORE'


LA GAZZETTA 'FOTO GALLERY'

Foto - 'Villa De Grecis'

Fotografie - Bari
La curva nord del San Nicola. (foto GM) ndr.
Decide una punizione di Bellomo, espulso Ebagua. Arbitro sotto accusa! 

di Marcello Mancino 

BARI, 29 MAR. -  Missione compiuta. Il Bari vince con merito e sofferenza, si avvicina alla zona play off distante solo tre lunghezze dal Livorno ottavo e quattro dal Pescara settimo. Una partita giocata con determinazione, voglia e coraggio, complicata dal "discusso"arbitraggio del Sig. Gavillucci di Latina che non ha decretato due "limpidi" calci di rigore per i padroni di casa ( clamorosa soprattutto la "svista" sul mani di D'Alessandro in area di rigore). Aggiungesi, la condotta di gara dell'arbitro apparsa assolutamente deficitaria in un match assolutamente leale con, invece, ben otto cartellini gialli (quattro per parte) ed un espulsione. Tornando sul piano tecnico, il Bari ha vinto e convinto, prova di un gruppo finalmente inquadrato nel suo modulo (4-3-3) e con uomini tornati ad esser fondamentali come De Luca, Bellomo e, soprattutto, Romizi autentico "scudo" a centrocampo. Giovedì si tornera'in campo, nel posticipo delle 20:30 a Terni pre pasquale, con la notizia della trasferta vietata ai baresi dopo gli episodi di uno "sparuto" gruppo di tifosi, che diciamolo non meritano di esser così chiamati, avvenuti a Pescara. Nota stonata questa che deve essere, però, motivo di una seria riflessione. Una trasferta negata a tanti tifosi che erano pronti ad invadere il "Liberati" con la consueta educazione e festa viste negli altri stadi d'Italia. 

La cronaca

Vento di tramontana ma giornata di sole al San Nicola, mister Nicola, stavolta, non effettua grossi stravolgimenti con Ebagua e De Luca che tornano titolari e l'inserimento di Romizi dal primo minuto con Schiattarella nella linea a quattro di difesa. Sul fronte dei piemontesi, mister Scazzola conferma il classico 4-4-2 di trasferta con l'inserimento di D'Alessandro al posto dello squalificato Castiglia. Pronti via, Bari subito volto all'attacco: Ebagua si fa subito notare con due conclusioni al 4'e 7' minuto che terminano di poco fuori. Al 12' potente conclusione di Donati dal limite dell'area di rigore, strepitoso riflesso di Russo che alza sopra la traversa. E' un Bari aggressivo e determinato, solo la sfortuna impedisce il vantaggio; minuto 21' preciso cross di Bellomo per De Luca, colpo di testa del numero nove che si stampa sul palo. Al 25' l'episodio che fa letteralmente infuriare i padroni di casa, braccio largo di D'Alessandro in area di rigore (già ammonito), l'arbitro "incredibilmente non fischia. Per la serie "il peggio deve ancora venire", il fischietto di Latina espelle al 33' Ebagua, somma di ammonizioni, per una rovesciata che colpisce l'avversario. Giusto fischiare il fallo per gioco pericoloso ma assolutamente incomprensibile la sanzione del cartellino visto che, si evince chiaramente dalle immagini televisive, l'attaccante, di spalle, non può vedere l'avversario. Proteste furibonde dagli spalti del San Nicola e al rientro negli spogliatoi momenti di tensione con tutto lo staff barese a chiedere spiegazioni. 

Secondo tempo

Il mister della Pro Vercelli Scazzola, sfruttando la superiorità numerica, cambia modulo passando al 4-3-3 con l'inserimento di Ardizzone per D'Alessandro, già ammonito. Mister Nicola e' bravo perché mantiene lo stesso assetto e ha un De Luca in giornata di grazia. La "zanzara" sfiora la rete al 49' con un colpo di testa che Russo, ancora una volta, con un colpo di reni devia in angolo. A scacciare ogni cattivo pensiero ci pensa Bellomo che al 54' porta in vantaggio i suoi con una punizione dal limite potente, precisa e rasoterra all'angolo che non dà scampo al bravo portiere ospite. Il Bari, passato in vantaggio e con l'uomo in meno, gestisce senza troppi affanni sino al 75' quando Guarna, sino a quel momento inoperoso, diventa decisivo con un doppio intervento prima su Milesi e, poi, sulla respinta su Di Roberto. La Pro Vercelli ha l'occasione del pareggio con Luppi, entrato pochi minuti prima al posto di Fabiano, il tiro con un particolare effetto si stampa sul palo nel silenzio di paura del San Nicola. Dopo cinque minuti di recupero, il triplice fischio liberatorio, il Bari vince, la salvezza oramai è un dato di fatto, i play off sono più vicini. A Terni, giovedì, sarà probabilmente la prova del nove per le ambizioni di Nicola e dei suoi ragazzi. 

Il Tabellino

Bari - Pro Vercelli 1-0 

Marcatore: Bellomo del Bari al 59' 

Le formazioni

Fc Bari: Guarna, Rinaudo, Contini, Calderoni, Schiattarella, Bellomo (84'Boateng), Romizi, Donati, Galano (70'Caputo), Ebagua, De Luca (80'Defendi) A disposizione: Donnarumma, Salviato, Benedetti, Filippini, Rada, Minala. All. Nicola. 

Fc Pro Vercelli: Russo, Scaglia, Milesi, Cosenza, Germano, Scavone (58' Sprocati), Musacci, Fabiano (73'Luppi), D'Alessandro (45' Ardizzone), Di Roberto, Marchi. A disposizione: Viotti, Bani, Liviero, Belloni, Da Silva, Ferri. All. Scazzola. 

Arbitro: Sig. Gavillucci di Latina. 

Ammoniti: Schiattarella, Contini, Bellomo e Donati per il Bari, D'Alessandro, Germano, Scavone e Milesi per la Pro Vercellij 

Espulso: Ebagua del Bari per somma di ammonizioni. 

Spettatori totali: 16.869 di cui 11.019 abbonati, 386 mini abbonamenti, 5.464 paganti per un incasso totale di 105.398,10 euro. 

Minuti di recupero: un minuto nel primo, cinque nella ripresa. 

I top e flop della giornata: 

Top: De Luca, Romizi, Contini e Guarna per il Bari, Russo per la Pro Vercelli 

Flop: Ebagua (espulsione che poteva costare cara ed applauso, dopo il provvedimento, assolutamente non condivisibile) e l'arbitro il Sig. Gavillucci di Latina.
Le formazioni all'inizio del match. (foto GM) ndr.,






***Questo Spazio pubblicità è in vendita***
Miguel Sainz-Maza in azione. (foto com.) ndr.

di Mario Schena 

FOGGIA, 29 MAR. - Play-off, ultima chiamata. Al Foggia toccano quattro finali consecutive con Juve Stabia, Matera, Casertana e Lecce. Quella con la Juve Stabia era la prima, ma probabilmente anche l’ultima possibilità, in caso di vittoria, di lasciare accesa la flebile fiammella di giocarsi ancora qualche possibilità di agganciare il treno che porta agli spareggi per il salto di categoria. Il Foggia è reduce dalla deludente trasferta di Aprilia con il pareggio agguantato in pieno recupero, di fronte la Juve Stabia reduce dal mezzo passo falso interno contro la mediocre Ischia, ma ancora saldamente inserita nel gruppo di vertice. Le “vespe” hanno cambiato allenatore da due giornate con il secondo Savini che ha preso il posto dell’esonerato Pancaro Savini ha esordito con la vittoria esterna contro la Lupa Roma con un perentorio tre a zero seguito dal deludente pareggio casalingo contro il Savoia. Il tecnico gialloblù ha dovuto fare a meno degli squalificati Contessa e Gammone, ai quali si sono aggiunti gli infortunati Jidayi e Jefferson. Direttore di gara il Sig. Carlo Amoroso di Paola, decisamente insufficiente, coadiuvato dagli assistenti Leonardo Camillucci della sezione AIA di Macerata e da. Andrea Costantini della sezione AIA di Pescara. Splendida giornata di sole, ma affluenza scarsa, dovuta probabilmente al cambio di orario. Pericolosa la Juve Stabia in apertura con Bombagi che dalla destra opera un traversone che attraversa tutta l'area di porta del Foggia senza che nessuno degli attaccanti gialloblù arrivi sul pallone per appoggiarlo in porta. Al quinto minuto risponde il Foggia con Sarno che pesca in profondità Iemmello bravo ad aggredire lo spazio ed a dettare il passaggio, la punta rossonera, da posizione decentrata, fa partire un insidiosissimo rasoterra che Passeri blocca in tuffo. Al minuto numero undici è Agnelli a colpire di testa su cross di Cavallaro, la deviazione non è forte, ma è insidiosa e crea apprensione al portiere campano. Al ventunesimo si grida al "rigore" per una caduta per una presunta spinta in area campana ai danni di Cavallaro su bel cross di Agnelli, ma per il signor Amoroso non c'è fallo. Foggia vicinissimo al vantaggio con una punizione di Sarno che scheggia l'incrocio dei pali. Occasionissima per il Foggia alla mezz'ora, un traversone di Agnelli viene rimpallato da un difensore e si trasforma in un assist per Iemmello che entra in area in posizione centrale e spara un bolide troppo centrale però che Passeri riesce a smorzare sul palo alla sua sinistra. La sfera viene allontanata poi da un difensore. Il Foggia domina in lungo e largo, ma la fortuna non è dalla sua parte. Attacca in maniera tambureggiante con Iemmello che chiude una bella azione manovrata sulla sinistra, ma la sua conclusione è smorzata in calcio d'angolo. A cinque minuti dal riposo Iemmello pecca di egoismo, invece di servire i compagni al centro dell'area va al tiro quasi da fondo campo non inquadrando la porta. Due minuti di recupero e tutti negli spogliatoi. Senza ombra di dubbio contro la Juve Stabia si è assistito al miglior primo tempo del Foggia della stagione fin qui giocata. Neanche il tempo di iniziare che i rossoneri si divorano un gol con Agnelli che "liscia" a due metri dalla porta un pallone da spingere in rete. La Juve Stabia èletteralmente schiacciata da un Foggia che attacca in maniera tambureggiante e che da' l'impressione di passare da un momento all'altro. I minuti però trascorrono ed il Foggia per quanto padrone del campo non riesce a passare in vantaggio. Dopo undici minuti fuori Cavallaro e dentro lo spagnolo Sainz-Maza. La Juve Stabia accorcia i reparti e controlla meglio il Foggia che comincia a sentire la stanchezza e faticare nel trovare gli spazi per rendersi pericoloso come nella prima parte della gara. Di Sainz-Maza, giovane proveniente dalla Cantera del Barcellona, si diceva che fosse uno specialista dei calci di punizione ed al ventiquattresimo oltre che a procurarselo un calcio piazzato, l'ex blaugrana lo trasforma in gol piazzandolo alle spalle di Passeri con uno splendido tiro a giro sulla barriera. Ma non c'è neanche il tempo di esultare che dopo due minuti dal vantaggio rossonero la Juve Stabia riceve un graditissimo regalo da Potenza che incredibilmente devia di testa nella propria porta un cross dalla sinistra che Narciso stava per bloccare. Scende il gelo sullo Zaccheria ed il Foggia accusa il colpo. Padroni di casa ancora vicini al gol con un colpo di testa di Iemmello che schiaccia davanti alla porta con il pallone che dà l'impressione di superare la linea, ma ne' l'arbitro ne' il suo assistente sono del parere che la palla sia entrata in porta. Passano i minuti e la Juve Stabia mette in scena tutto il repertorio possibile per perdere tempo fatto di crampi ed infortuni che sembrano mortali tanto è il tempo perso a tera dai giocatori campani. Quattro i minuti di recupero assegnati. Dove l'arrembaggio del Foggia non produce niente e dove l'arbitro ha continuato ad assecondare troppo l'atteggiamento ostruzionistico e falloso dei campani tanto che a fine gara si è scatenata una rissa dove a farne le spese sono stati Narciso e Ripa quest'ultimo uno dei più fallosi della sua squadra, entrambi espulsi. Finisce tra la contestazione e i fischi del pubblico all’indirizzo del direttore di gara una partita che il Foggia avrebbe meritato di stravincere. Una gara che la squadra di De Zerbi aveva in pugno dopo il vantaggio di Sainz-Maza e che ha incredibilmente riportato in parità per proprie responsabilità oltre che, ribadiamo, questa volta per una dose eccessiva di sfortuna. Il Foggia ci crede ancora, ma ormai le speranze di disputare i play-off sono davvero ridotte al lumicino.





***Questo Spazio pubblicità è in vendita***
Il materiale sequestrato. (foto cc.) ndr.

di Redazione

RUTIGLIANO (BA), 29 MAR. - I carabinieri della Stazione di Rutigliano hanno arrestato un 24enne e un 22enne del luogo, ritenuti responsabili di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Nel corso di una perquisizione personale e domiciliare, eseguita congiuntamente ad una unità cinofila antidroga del Nucleo di Modugno, gli operanti hanno rinvenuto complessivi 95 grammi di hashish, marijuana e cocaina sottoposti a sequestro unitamente a 40 grammi di sostanza da taglio del tipo “mannite”, bilancini di precisione e materiale per il taglio e confezionamento delle sostanza. Tratti in arresto, su disposizione della Procura della Repubblica di Bari, i due sono stati collocati ai domiciliari. 

CORATO (BT): COCAINA IN CASA. ARRESTATO DAI CC. 

I Carabinieri della Stazione di Corato hanno arrestato un 20enne del luogo, già noto alle Forze dell’Ordine, ritenuto responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Al termine di una perquisizione domiciliare i militari hanno trovato tre dosi di cocaina, un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento della sostanza. Tatto in arresto il 20enne su disposizione della Procura della Repubblica di Trani, è stato associato presso la locale casa circondariale.





***Questo Spazio pubblicità è in vendita***
Gli studenti con gli agenti di polizia. (foto com.) ndr.
Anche quest’anno il Servizio Polizia Stradale, di intesa con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, il Dipartimento di Psicologia dell’Università La Sapienza di Roma, la Fondazione “ANIA” per la sicurezza stradale, il MO.I.GE (Movimento Italiano Genitori) e la Federazione Ciclistica Italiana ha promosso, in tutte le città italiane, la 15^ edizione del Progetto Icaro, una campagna rivolta agli studenti delle scuole primarie e secondarie finalizzata alla promozione e sensibilizzazione della cultura della sicurezza stradale. Nelle provincie di Bari e Barletta - Andria - Trani gli operatori della Sezione Polizia Stradale di Bari hanno incontrato oltre seicento studenti del Liceo Classico“Oriani” di Corato, delle Scuole Primarie di Primo Grado “Istituto Comprensivo di Sammichele di Bari e “San Filippo Neri” di Bari e della Scuola Secondaria di Secondo Grado “Tommaso Fiore” di Bari. Nel corso degli incontri, tutti connotati dall’elevato interesse mostrato dai partecipanti, sono state illustrate, con l’utilizzo di materiale audiovisivo, le attività di promozione e sensibilizzazione alla cultura della sicurezza stradale e in particolare, ai ragazzi delle scuole elementari e medie, i comportamenti corretti nell’uso della bicicletta; durante le lezioni è stato utilizzata una bicicletta, utile per effettuare alcune dimostrazioni che, sulla scorta delle positive esperienze maturate in tema di giochi, di simulazione ha determinato l’entusiastica partecipazione dei piccoli partecipanti e il loro gioioso coinvolgimento. I più piccoli hanno avuto modo di rappresentare, mediante l’elaborazione di disegni, ciò che avevano imparato nel corso degli incontri di educazione stradale e quanto da loro ritenuto importante in tema di sicurezza. Le video testimonianze ed il materiale utilizzato hanno correttamente assunto le funzioni di attivatori emozionali con le comprovate positive ricadute di carattere pedagogico. A tutti gli studenti è stata consegnata la lettera da recapitare ai genitori per sensibilizzare, per il tramite dei ragazzi, anche gli adulti al rispetto delle regole e del codice della strada, registrando feedbacks più che positivi da parte dei genitori coinvolti. A coronamento del progetto, nella mattina di oggi, sabato 28 marzo, cinquanta ragazzi della Scuola Secondaria di 2^ grado Tommaso Fiore, già coinvolti nel progetto Icaro, sono stati invitati a partecipare ad una giornata ludico/educativa: a bordo di un pullman della Polizia di Stato sono stati condotti, insieme agli insegnanti accompagnatori, presso il Centro Polifunzionale della Polizia di Stato di Bari dove hanno potuto visitare la sede della Polizia Stradale e “toccare con mano” le auto e le moto della Polizia Stradale. Dopo una breve lezione di educazione stradale nell’aula multimediale e la consumazione di una merenda sono stati condotti in uno spazio attrezzato messo a disposizione dalla Federazione Ciclistica Italiana (partner del progetto Icaro) dove a tutti i giovani partecipanti è stata messa a disposizione una bicicletta; con questa hanno percorso un itinerario stradale, allestito con segnaletica orizzontale e verticale, sotto la supervisione di istruttori della Federazione Ciclistica Italiana, per mettere in pratica quanto imparato. Infatti, il messaggio pedagogico dell’educazione stradale e delle conseguenti buone pratiche si radica con maggiore facilità in occasioni di incontri caratterizzati da contesti giocosi e ludici. Le iniziative di carattere educativo poste in essere dalla Sezione della Polizia Stradale di Bari proseguono con l’altra campagna di sicurezza stradale “ Biciscuola” che coinvolgerà oltre mille studenti di tutta la provincia. Le iniziative di carattere educativo poste in essere dalla Sezione della Polizia Stradale di Bari proseguono con l’altra campagna di sicurezza stradale “ Biciscuola” che coinvolgerà oltre mille studenti di tutta la provincia. 

- Ieri la Polizia di Stato, in zona Loseto, via T. Liuzzi, è intervenuta per una segnalazione anonima giunta al 113, relativa a 3 persone sospette nei pressi del cantiere per la costruzione della linea della Metro. Personale delle Volanti, giunto celermente sul posto, ha constatato che ignoti avevano posizionato abusivamente materiale esplodente ed ordigni pirotecnici. Il personale della Polizia Scientifica e degli Artificieri, intervenuto, ha messo in sicurezza l’area ed eseguito i rilievi del caso. Mancando l’autorizzazione di polizia all’esplosione dei fuochi si è proceduto al sequestro del materiale, con la resistenza di alcuni abitanti del luogo per la quale si è reso necessario l’intervento di una squadra del IX Reparto Mobile di Bari. Inoltre si è proceduto a denunciare in stato di libertà un barese di anni 25, gravato da numerosi precedenti di polizia, ritenuto responsabile del reato di detenzione di materiale esplodente.





***Questo Spazio pubblicità è in vendita***
Protagonisti vincitori del Bif&st. (foto com.) ndr.

di Redazione

BARI, 29 MAR. - Dopo la straordinaria master class di Nanni Moretti di oggi, giornata conclusiva del Festival, il direttore Felice Laudadio ha annunciato i vincitori della sesta edizione del Bif&st e il programma di massima della settima edizione che si terrà dal 2 al 9 aprile 2016. Il festival sarà dedicato a Marcello Mastroianni - a 20 anni dalla scomparsa - e sarà fondamentalmente orientato, nelle sue diverse componenti, ad illustrare l'arte, il talento, il lavoro degli attori e delle attrici. Saranno infatti otto grandi attori e attrici i protagonisti delle Lezioni di cinema del 2016 che, seguitissime, sono state tenute questʼanno da otto grandi registi (Jean-Jacques Annaud, Costa-Gavras, Nanni Moretti, Alan Parker, Edgar Reitz, Ettore Scola, Margarethe von Trotta, Andrzej Wajda). 

- Dopo la straordinaria master class di Nanni Moretti di oggi, giornata conclusiva del Festival, il direttore Felice Laudadio ha annunciato i vincitori della sesta edizione del Bif&st e il programma di massima della settima edizione che si terrà dal 2 al 9 aprile 2016. Il festival sarà dedicato a Marcello Mastroianni - a 20 anni dalla scomparsa 

- e sarà fondamentalmente orientato, nelle sue diverse componenti, ad illustrare l'arte, il talento, il lavoro degli attori e delle attrici. Saranno infatti otto grandi attori e attrici i protagonisti delle Lezioni di cinema del 2016 che, seguitissime, sono state tenute questʼanno da otto grandi registi (Jean-Jacques Annaud, Costa-Gavras, Nanni Moretti, Alan Parker, Edgar Reitz, Ettore Scola, Margarethe von Trotta, Andrzej Wajda). - Protagonista attesissimo dell'ultima Lezione di Cinema di questa edizione del Bif&st, Nanni Moretti è stato accolto da un lungo applauso all'arrivo sul palco del Petruzzelli, dopo la proiezione del suo film "Caro diario" in un teatro gremito in ogni ordine di posto.





***Questo Spazio pubblicità è in vendita***
Un momento della premiazione. (foto GM) ndr.

di Redazione

BARI, 28 MAR. - I talent della Tappa svoltasi al 'Jet Set Bistrot' di cui la Lilly lyan Eventi Top Dance group e La Gazzetta Meridonale hanno in esclusiva per Bari Bat e nord barese sono: Categoria "Canto" Alessia Zizzari 16 Anni e Categoria "Ballo" Angela Piccinni 18 Anni e Savino Melacarne 26. 





***Questo Spazio pubblicità è in vendita***
Gli alberi tagliati. (foto com.) ndr.

di Redazione

FOGGIA, 28 MAR. - Il Comitato per la salvaguardia degli alberi e del verde di Foggia chiede l'immediata sospensione di tutti gli interventi di taglio e potatura degli alberi cittadini. Con la primavera ormai avviata la stragrande maggioranza degli alberi ha intrapreso lo sviluppo dell'apparato fogliare e interventi di potatura operati proprio in questo periodo possono determinare un indebolimento tale da impedire lo sviluppo di ulteriori gemme e foglie e conseguentemente la morte dell'albero. Le potature di questi giorni vanno inoltre a sommarsi ai tanti interventi, la maggior parte dei quali operati in maniera eccessiva e da mani chiaramente inesperte, attuati durante il periodo invernale ed i cui danni possono essere già notati passeggiando per la città. Molti degli olmi di via Luigi Pinto, letteralmente "scannati",non ancora sono stati in grado di produrre ramificazioni o gemme e questo potrebbe determinarne la morte. Sorte, purtroppo, già toccata ai pini di via Achille Grandi ove le potature operate lo scorso anno, che lasciarono solo piccolissime parti di chioma sulla cima dei tronchi, determinando la morte di numerosi colossi. Le modalità con le quali si stanno operando queste potature, in aggiunta al già grandissimo numero di alberi tagliati nelle scorse settimane, nutrono nei cittadini il sospetto che il materiale ottenuto con la potatura degli alberi possa costituire un elemento di maggior guadagno per le ditte impiegate. La commistione tra chi taglia e chi tratta lo smaltimento di legname e ramaglie risultanti dalle potature andrebbe assolutamente evitata e ciò anche al fine di scongiurare il rischio che le modalità stesse delle potature possano essere influenzate dall'interesse a ricavarne abbondante frutto. Errore che si paventa sia stato commesso anche presso il bosco dell'Incoronata, ove la ditta che ha effettuato il taglio dei numerosissimi alberi abbattuti ha rilevato legna e ramaglie risultanti frutto di tali discutibili interventi, già oggetto di segnalazione effettuata dal Comitato agli uffici competenti. Ove il Comune non volesse tener conto dell'appello del Comitato, molti suoi aderenti non escludono di attuare iniziative di interposizione passiva per scongiurare danni alla salute ed alla vita di alberi che una città come Foggia dovrebbe salvaguardare





***Questo Spazio pubblicità è in vendita***

Rubrica - Recensioni Cinematografiche



Seguici su Facebook


'Arcipelago Moda' - Moda & Fashion


I nostri 'Media Partner'








Google+


Caporedattore Centrale: