Richiedi tutte le info per Puglia Talent 2015 in Tour
La Gazzetta Meridionale.it | Cronaca del Sud 24h
Arrow


Loading...


La "Vignetta del Giorno" - di Franco Loriso

#




Instagram

Pubblicità




Agi.it - Ultime Notizie | Video


Loading...

Bari, sono le ore:

Trasmissione Radio - "80's Mania" con il Dj Lilly

Pubblicità

Adn Kronos Tv

Rubriche - La Gazzetta 'Politica & Attualità'

I nostri La Gazzetta 'Sport Magazine' e 'Web Tv'

La Gazzetta 'Sport ' - Responsabile dei Servizi Sportivi: Mario Schena


RUBRICA - 'L'ANGOLO DELLO SCIRTTORE'


LA GAZZETTA 'FOTO GALLERY'

Foto - 'Villa De Grecis'

Fotografie - Bari
Una 'volante' della polizia di Bari. (foto) ndr.

di Redazione

BARI, 19 APR. - Nella mattinata di ieri, a Bari, la Polizia di Stato e la Guardia di Finanza hanno tratto in arresto, in flagranza di reato DE FINIS Domenico di anni 44, con precedenti di polizia, responsabile di contrabbando di tabacchi lavorati esteri e di violazione degli obblighi della libertà vigilata. Nell’ambito di attività info-investigativa, personale della Squadra Mobile, coadiuvato da militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, ha appreso che l’arrestato, sottoposto alla misura di sicurezza della libertà vigilata, potesse detenere presso la propria abitazione, nel quartiere Carbonara, un ingente quantitativo di tabacco lavorato estero da destinare alla commercializzazione. La perquisizione domiciliare ha consentito di rinvenire, in diversi ambienti dell’abitazione, 1339 pacchetti di sigarette di varie marche per un peso complessivo di 26,800 chilogrammi  

- Nel primo pomeriggio di ieri 17 aprile, personale della Sezione di Polizia Giudiziaria della Polizia Stradale - costituita lo scorso anno presso la Sottosezione Autostradale di Bari Sud, per una più incisiva attività di contrasto ai crimini commessi specie in autostrada - nel corso di un servizio di prevenzione a largo raggio, hanno tratto in arresto nella zona industriale di Modugno, S. F. un trentenne del quartiere San Paolo, sorpreso all’interno di un opificio industriale sede di una ditta di ricambi, in via degli elettricisti, mentre asportava ricambi di auto del peso di 1 quintale circa e 4 quintali di bobine e resistenze di rame, con l’aiuto di un complice che e’ riuscito a darsi alla fuga prima dell’arrivo degli agenti. Il materiale, del valore di oltre 8mila euro, era stato già in parte caricato su una Fiat uno anch’essa rubata; il proprietario dell’auto residente a Modugno aveva, infatti, sporto denuncia di furto poche ore prima presso la locale Stazione dei Carabinieri. L’arrestato, resosi responsabile in concorso di furto aggravato e ricettazione è stato accompagnato presso il Gabinetto Interregionale di Polizia Scientifica per i rilievi foto segnaletici e ristretto agli arresti domiciliari presso la sua abitazione, come disposto dal Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Bari, in attesa della direttissima di stamane, durante la quale è stato condannato ad un anno di reclusione e al pagamento di 300 euro di multa.





***Questo Spazio pubblicità è in vendita***
I tappeti rubati. (foto cc.) ndr.

di Redazione

MINERVINO MURGE (BT), 19 APR. - I Carabinieri della Stazione di Minervino Murge hanno deferito in stato di libertà un 45enne del luogo ritenuto responsabile di ricettazione. L’uomo è stato identificato dopo aver pubblicato “on-line” diversi annunci relativi a costosi tappeti orientali di dubbia provenienza. Nel corso della perquisizione effettuata all’interno della sua abitazione i militari hanno rinvenuto 4 tappeti di manifattura artigianale risultati oggetto di un furto avvenuto lo scorso 20 marzo in un negozio del luogo. La refurtiva del valore di 7mila euro, interamente recuperata è stata restituita all’avente diritto.





***Questo Spazio pubblicità è in vendita***
Antonio Narciso portiere del Foggia. (foto com.) ndr.

di Mario Schena 

FOGGIA, 19 APR. - Lecce e Foggia di fronte al “Via del Mare” in quello che di fatto, oltre ad essere un derby era lo spareggio per salire sul treno dei play-off. Giallorossi e rossoneri a braccetto a quota cinquantasette punti a sei dal Matera con una gara in più. All’andata finì due a zero per il Foggia con doppietta di Sarno, assente per squalifica come Gigliotti, mentre il bomber Iemmello è stato portato in panchina perché non in condizioni ottimali, recuperato Potenza. Assenza pesante anche nel Lecce quella di Moscardelli, anche lui a quota quattordici gol come Iemmello, appiedato dal Giudice Sportivo. Direttore di gara il signor Marco Serra di Torino, già direttore di gara della immeritata sconfitta casalinga del Foggia contro il Barletta. Il Foggia inizia con il solito prolungato possesso palla. Il Lecce lo soffre e si scuote dopo un quarto d’ora quando andando vicino al vantaggio sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Il Foggia soffre ancora con una conclusione da fuori area di Mannini. Al ventesimo un errore di Potenza lancia verso Narciso Doumbia che si fa chiudere dal portiere del Foggia in uscita. Ancora Lecce pericoloso sei minuti dopo con una occasione creata da Lepore che nessun compagno sfrutta. Lepore ci prova ancora, ma è bravo Narciso a murarne la conclusione. A trentaquattresimo Doumbia ha la più grossa occasione gol del primo tempo. L’attaccante giallorosso se ne va a rete, ma si fa incredibilmente chiudere da Narciso in uscita. Lepore. In chiusura di tempo, Mannini crossa per lepore che impatta male la sfera e mette sul fondo. Il primo tempo termina a reti bianchi ed ad inizio secondo tempo de Zerbi azzarda la carta Iemmello che subito innesca bencivenga che va alla conclusione bloccata da Scuffia. Lecce ancora vicinissimo al gol con Mannini che supera anche Narciso, ma trova il salvataggio sulla linea di Agostinone. Non è giornata per Doumbia che ancora una volta si fa ipnotizzare da Narciso. E’ il giorno di Narciso che toglie dai piedi di lepore la sesta palla gol confezionata dai salentini. Trema anche la squadra di casa su una punizione dello specialista Sainz-Maza che termina sulla base del palo alla destra dell’estremo difensore giallorosso. Arrivano a sette le occasioni da rete per i padroni di casa con Narciso davvero strepitoso al settantaseiesimo su tiro di Lepore. Tre minuti dopo al lecce viene giustamente annullato un gol di testa di Abruzzese per posizione di fuorigioco. Ancora lecce sfortunato, ma anche poco preciso con Embalo che sbaglia a due passi dalla porta facendosi parare il tiro dal portiere rossonero. All’ottantatreesimo si stava materializzando la beffa per il Lecce. Sainz-Maza pennella un pallone in area dove è pronto Cavallaro alla schiacciata di testa mandata in angolo in maniera fortuita da Scuffia con un tacco. Al terzo minuto di recupero, il Lecce trova il vantaggio. Embalo dalla sinistra mette in area dove sul pallone si avventa Doumbia che questa volta infila l’incolpevole Narciso. Esplode il “via del Mare” e per i padroni di casa resta accesa la tenue fiammella della speranza di agganciare il gruppo play-off, mentre per il Foggia, molto probabilmente, cala il sipario su questa stagione che comunque resta ampiamente positiva e propedeutica ad un campionato futuro che potrebbe regalare qualcosa di veramente importante, a patto che dietro una grande squadra ed un ottimo tecnico ci sia dietro una squadra una grande Società.





***Questo Spazio pubblicità è in vendita***
La nuova Scirocco Gts. (foto Aut.) ndr.

di Redazione

ROMA, 18 APR. - Volkswagen presenta la nuova Scirocco GTS 2015 al Salone di Shanghai. Il motore quattro cilindri TSI turbo e a iniezione diretta è il medesimo della Golf GTI , eroga 220 cv e le permette di scattare da 0-100 km/h in soli 6,5 secondi , sia con il cambio manuale sia con il DSG doppia frizione a 6 rapporti,optional, mentre la punta massima è di 246 km/h. Il consumo medio dichiarato è di appena 6.1 l/100 km con il cambio manuale , 6.4 l/100 km con il DSG. Tra le caratteristiche estetiche della nuova versione , cerchi da 18" specifici "Norwich", optional ci sono quelli da 19" "Lugano", kit estetico R-Line standard che include paraurti sportivi, griglia frontale nera e listelli del medesimo colore, spoiler ed estrattore posteriore e due stripes nere e rosse che percorrono centralmente l' intera vettura. Sei i colori disponibili: "Deep Black", "Indium Grey", "Urano Grey", "Pure White", "Oryx White" e "Flash Red". Il nero e il rosso dominano gli interni della nuova GTS con inserti in "Piano Black Lacquer " per la console centrale, badges GTS, volante sportivo in pelle nera con cuciture rosse a contrasto e parte inferiore della corona appiattita e il pomello cambio DSG che richiama nella forma una pallina da golf.





***Questo Spazio pubblicità è in vendita***
Pignataro Pasquale. (foto P.S.) ndr.

di Redazione 

BARI, 18 APR. - Ieri la Polizia di Stato, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Trani, ha rintracciato ed arrestato in provincia di Caserta un 44enne barese, Pignataro Pasquale, ritenuto responsabile di rapina aggravata in concorso. L’uomo è indagato per il reato di rapina aggravata in concorso con altre due persone non ancora identificate, poiché s’impossessava di una somma di denaro, sottraendola con l’uso delle armi ad una donna. A seguito di una serie di rapine commesse a Canosa di Puglia ai danni di alcune prostitute, il personale del locale Commissariato di P.S. ha avviato una complessa indagine, che ha consentito di individuare l’indagato quale componente di un gruppo criminale, costituito da altre due persone, dedito all’adescamento di prostitute, facendole credere di voler consumare prestazioni sessuali a pagamento, per poi, rapinarle anche con l’uso delle armi. In una circostanza, secondo quanto denunciato da una vittima, l’arrestato dopo averla fatta salire sull’auto, si appartava con lei per consumare una prestazione sessuale a pagamento, ed una volta fermatosi, dal bagagliaio della stessa scendevano due complici che sotto la minaccia di una pistola le sottraevano la borsa, contenente documenti, soldi e telefoni cellulari. L’arrestato è stato anche riconosciuto quale autore di un’altro episodio delittuoso commesso con le stesse modalità e al momento sono al vaglio altri episodi criminali che si riterrebbe possano essere riconducibili allo stesso gruppo criminale.





***Questo Spazio pubblicità è in vendita***
Il negozio in oggetto (foto N. Baratta) ndr..
di Nico Baratta - Redazione di Foggia

FOGGIA, 17 APR. - Ennesima bomba a Foggia questa notte. A farne le spese il negozio di articoli da regalo “Mariella”, che commercia in bomboniere, oggettistica varia, liquori e liste nozze, in via Capozzi al civico 18.  Una bomba carta ha divelto parte della saracinesca che chiude l’esercizio commerciale, mandando in frantumi i vetri della porta dietro di essa. Presumibilmente è l’ulteriore avviso del racket.
Erano circa le ore 00:15 che Foggia è rimbombata. Un forte boato ha svegliato quanti stavano dormendo. Sul posto immediatamente si sono recati gli uomini dei Vigili del Fuoco, due pattuglie della Polizia di Stato e una dei Carabinieri che hanno effettuato i rilievi del caso e raccolto le testimonianze dei residenti. Nessuno ha visto nulla. Solo tanta paura per il boato. Sono al vaglio degli inquirenti le dovute indagini. 
Foggia, ormai vive nell’angoscia di questi atti che spaventano la popolazione. I commercianti hanno paura. Tutto accade anche a margine di altri atti criminali, come incendio di auto.  Tra i residenti vicino il negozio preso di mira si odono parole dure e nel contempo di sconforto «Qui non si può più vivere. Abbiamo paura. Ce ne dobbiamo andare via da questa brutta città». Parole significative di una situazione che oramai insopportabile, dove dilaga la criminalità che vuol essere padrone e non sappiamo se già lo sia.

Particolare della saracinesca divelta (foto N. Baratt) ndr.




***Questo Spazio pubblicità è in vendita***
L'auto data alle fiamme (foto N. Baratta) ndr.
di Nico Baratta - Redazione di Foggia

FOGGIA, 17 APR. - È la sesta auto in 24 ore, dopo le cinque fatte bruciare la scorsa notte. In via Gabriele Pepe, una traversa tra Corso Matteotti e Corso Giannone, a Foggia, un’altra auto è stata data alle fiamme. Erano circa le ore 00:45, mezz’ora dopo la deflagrazione che ha interessato un esercizio commerciale di articoli da regalo, in Via Capozzi, che la stessa squadra che stava verificando i danni della bomba, è dovuta scappare, con al seguito la pattuglia dei Carabinieri, per sedare le fiamme appiccate a un Mini Suv della Suzuki.  L’auto è andata completamente distrutta. Dagli inquirenti non trapela nulla su questi atti. Tutto lascia intendere a intimidazioni visto il numero delle auto bruciate e le attività svolte dai proprietari, per lo più commercianti. 



***Questo Spazio pubblicità è in vendita***

Rubrica - Recensioni Cinematografiche



Seguici su Facebook


'Arcipelago Moda' - Moda & Fashion


I nostri 'Media Partner'








Google+


Caporedattore Centrale: