Ultim'Ora

Attualità. Winter tour in Iowa. Gianna Fratta e Dino De Palma portano Giordano negli States

La locandina (foto) ndr.

di Redazione

FOGGIA, 31 OTT.  - Interessante e prestigioso tour di concerti e conferenze negli Stati Uniti per la direttrice d'orchestra Gianna Fratta e per il violinista Dino De Palma, entrambi impegnati dal 15 al 20 novembre prossimi nello Stato dell'Iowa.
Rispettivamente direttore e solista del Baroque Ensemble e della prestigiosa DSO, Dubuque Symphony Orchestra, i due artisti pugliesi sono da sempre impegnati nella promozione della musica italiana e in particolare di Umberto Giordano nel mondo.
Gianna Fratta, una delle direttrici d'orchestra più note a livello internazionale, dopo aver interpretato musica italiana in oltre 40 Stati, propone in Iowa un programma che privilegia, accanto a prestigiosi brani come la Settima Sinfonia di Beethoven o l'Introduzione e Rondò Capriccioso di Saint-Saens, importanti pezzi del repertorio del nostro Paese.
Tra questi spiccano alcune ouverture di Rossini o brani di Vivaldi e Paganini.
Oltre che nei concerti itineranti del 18, 19, 20 novembre, i due artisti saranno impegnati in conferenze-concerto e incontri con studenti universitari, musicisti e col pubblico.
Dopo le tournèe degli ultimi anni in Israele, India, Corea del Sud, Germania, Spagna, Argentina, Uruguay, Brasile, Svezia, Lituania, Turchia, Russia, Francia, Stati Uniti con debutti nei teatri piú importanti del mondo (Carnegie Hall di New York, Seoul Art Center, Teatro Coliseum di Buenos Aires, Teatro Solis di Montevideo, Givatayim di Tel Aviv, teatro di Sao Pedro di San Paolo del Brasile, Smetana Hall di Praga ecc.), Fratta e De Palma continuano la loro azione di promozione e valorizzazione della musica e della figura di Umberto Giordano anche in Iowa, dove nelle lectures verranno analizzate pagine significative del compositore foggiano.
Organizzato col supporto di numerosi partners internazionali, in primis la Dubuque Symphony Orchestra, il tour gode del supporto di Puglia Sounds Export e del Teatro Pubblico Pugliese.






Nessun commento