Ultim'Ora

Foggia. Sfumano 500mila euro del Piano Sociale di Zona 2014-2016 e tutto tace

La prima pagina del Piano in oggetto (foto) ndr,
di Nico Baratta

FOGGIA, 6 LUG. - Sarò breve e conciso. Perché questa scelta? Semplice, il tema trattato meriterebbe una lunga riflessione e un’articolata discussione che, però, con la stampa diverrebbe il solito processo mediatico, e ciò non gioverebbe al fine preposto. Meglio dir le cose come stanno e attendere risposte dai diretti interessati.
La notizia che non è rimbalzata alle cronache è la revoca dei finanziamenti previsti per l’Ambito Sociale di Manfredonia, cui fa parte anche Monte Sant’Angelo. Si parla di ben 500mila euro ritornati nelle casse della Regione Puglia. Danari del Piano Sociale di Zona 2014÷2016 per i comuni di Manfredonia, Monte Sant’Angelo, Mattinata e Zapponeta. 
Ora, a chi attribuire le colpe? Al Coordinamento Istituzionale che non si riunisce più? Ai Sindaci e Commissari Prefettizi dei comuni del Piano in oggetto? Questo non posso asserirlo giacché nessuno ne parla e nessuno parla. Ma di una cosa son certo che da quando il comune di Monte è stato commissariato nessuno si è posto il problema e men che meno i Commissari Prefettizi Straordinari che avrebbero potuto utilizzare quei soldi per la collettività. Lo stesso dicasi per gli altri comuni, o meglio per i sindaci di quei comuni. 
A me sorge un dubbio, che chi doveva indirizzare l’utilizzo dei 500mila euro o non ne è stato capace o non ha avuto volontà a farlo. Forse, anche, non ha avuto i mezzi per farlo? È un dubbio, lecito, ma che in tutta onestà vorrebbe una risposta, senza sollevare polveroni, solo giustifiche che responsabilizzino chi di dovere, chi era preposto a finalizzare tal finanziamenti. 
La revoca, come è noto per la carica ricoperta, è stata attuata dall’assessore al Bilancio della Regione Puglia, Raffaele Piemontese, montanaro DOC e astro lucente del PD. Ma come, un montanaro DOC che revoca soldi al suo paese e al suo territorio? La legge non ammette ignoranza, forse deroghe ma che dovevano essere giustificate da altrettante richieste, mai giunte a Piemontese, sia chiaro. E qui entra in ballo chi ha avuto la nomina a rappresentare Monte al tavolo dei Piano Sociale di Zona e chi degli altri comuni.
Insomma, la Regione Puglia stanzia fondi succulenti per riqualificare il territorio e nessuno di chi oggi amministra i quattro comuni del Piano Sociale di Zona 2014÷2016 ha avuto la capacità di farlo. Con tutta sincerità io avrei sbattuto i pugni sul tavolo del Piano affinché chi rappresento, politicamente con voti dati e/o con nomine straordinarie ma fiduciarie dello Stato, poteva godere di servizi migliori pagati con fondi pubblici forniti dalla Regione Puglia e non dalle sempre e annose tasse comunali che svuotano le nostre tasche prima che altri enti lo facciano. Scelte…discutibili…






Nessun commento