Ultim'Ora

Sisma. Dalla Puglia in arrivo altri due gruppi di Forestali nelle zone terremotate dell'Italia centrale

Agenti della Forestale sui luoghi del sisma. (foto com.) ndr.

di Massimo Resta

BARI, 26 AGO. - Mentre la terra continua ancora a tremare, e' salito a 250 il numero delle vittime del terremoto che ha devastato paesi delle Marche, del Lazio e dell'Umbria. Vigili del fuoco, uomini della protezione civile e volontari provenienti da tutt'Italia, continuano a scavare con le mani fra le macerie alla ricerca di altri corpi sepolti sotto i detriti o di persone ancora in vita. In campo anche la Puglia. Il Corpo Forestale dello Stato della nostra regione, che per primo aveva già inviato rinforzi nelle zone terremotate, sta per mandare altri due gruppi di Forestali provenienti da tutte le province pugliesi. Si andranno ad aggiungere ai ventitré uomini già operativi nelle aree del sisma, dove sono state allestite delle tendopoli per coloro che non hanno più una casa ed il personale medico è accompagnato in moto da enduro nei centri inaccessibili a causa dei crolli. Le strade, infatti, non sono percorribili da mezzi a quattro ruote. Sono raggiungibili soltanto da moto guidate da piloti esperti di tragitti sinistrati. Negli ospedali, inoltre, cresce il numero dei donatori di sangue. Molte persone stanno mettendo a disposizione dei feriti il loro prezioso liquido vitale, dimostrando che davanti a tragedie come quella che ha colpito l'Italia centrale, il nostro Paese si unisce mettendo da parte le divisioni ideologiche. Per fortuna il bel tempo sta aiutando l'opera dei soccorritori, ma bisognerà fare in fretta poiché il maltempo potrebbe colpire nei prossimi giorni le zone appenniniche devastate dal sisma, mettendo ancor di più in ginocchio le aree terremotate. Anche in Puglia, si stanno raccogliendo viveri ed indumenti da destinare ai terremotati dell'Italia centrale. Il cuore della nostra regione è grande, come dimostrato anche in occasione della sciagura ferroviaria avvenuta il 12 luglio scorso nella tratta Corato-Andria delle Ferrovie del Nord Barese.





Nessun commento