Ultim'Ora

Sisma nell'Italia centrale. Colpite Lazio, Marche e Abruzzo. 73 i morti. Amatrice rasa al suolo

Effetti del simsa in Italia centrale. (foto com.) ndr.

di Massimo Resta 

ROMA, 24 AGO. (AGI) - E' di 73 morti il bilancio provvisorio del sisma che la notte scorsa, poco dopo le tre e mezza, ha devastato l'Italia centrale. La scossa, del sesto grado della scala mercalli, ha raso al suolo diversi paesi, fra cui Amatrice ed Accumoli, ed è stata avvertita nelle Marche, in Umbria e nel Lazio. Il bel tempo sta faciliitando l'opera dei soccorritori, che stanno scavando fra i detriti alla ricerca di persone vive ma ferite sotto le macerie. Tra le vittime anche un bimbo di 4 anni di Amatrice, estratto vivo ma morto in ospedale ad Ascoli Piceno, ed una bimba di 18 mesi che era in vacanza con i suoi genitori. La mamma della piccola era scampata nel 2009 al terremoto di L'Aquila, di cui la donna era originaria. Si era trasferita ad Ascoli Piceno dopo quella tragica esperienza, ma il terremoto pare che l'abbia seguita, uccidendole sua figlia. Il numero delle vittime potrebbe salire nelle prossime ore, così come si potrebbero verificare altre scosse di assestamento. Le case rimaste in piedi sono inagibili. Saranno allestite delle tendopoli per gli scampati. Bisognerà fare presto poiché di notte in questi luoghi fa freddo. I soccorsi sono seguiti sin dall'inizio dal premier Matteo Renzi, mentre Papa Francesco, quando ha appreso del sisma, avvertito anche a Roma, ha sospeso i suoi impegni odierni.





Nessun commento