Ultim'Ora

Triggiano (Ba). Danneggiano vetri di abitazioni, esercizi pubblici ed autovetture. Due arresti dei cc. [CRONACA DEI CC. ALL'INTERNO]

I danni ai locali. (foto cc.) ndr.

di Redazione

TRIGGIANO (BA), 16 AGO. (C. St.) - Alle prime luci dell’alba di ieri mattina, i Triggianesi di Via Dante si sono svegliati a causa del frastuono causato da due persone che, sotto l’effetto dell’alcool e senza alcuna plausibile motivazione, con una grossa chiave inglese, hanno danneggiato i vetri delle porte d’ingresso di 3 esercizi pubblici e/o studi professionali, 3 private abitazioni e i cristalli di un’autovettura parcheggiata sulla pubblica via. Le numerose e tempestive richieste di intervento pervenute dai cittadini al 112 hanno consentito ai militari del Comando Compagnia di Triggiano di rintracciare e fermare i due uomini, sorprendendoli mentre minacciavano una signora residente in via Dante che, allarmata dal frastuono, si era affacciata dal balcone di casa per verificare cosa stesse accadendo. I due responsabili, alla vista della pattuglia, hanno tentato di dileguarsi ponendosi a bordo della propria autovettura, ma la loro fuga veniva interrotta dai militari ai quali i due hanno opposto resistenza, cagionando loro lievi lesioni personali, giudicate guaribili in pochi giorni, riscontrate a seguito di una breve colluttazione. A quel punto i due uomini identificati in M.V. 43enne barese e R.B., 25enne di origini albanesi, sono stati tratti in arresto per i reati di danneggiamento aggravato, violenza privata, resistenza a p.u., lesioni personali, porto abusivo di oggetti atti ad offendere e posti a disposizione della Procura della Repubblica di Bari in regime di arresti domiciliari. 

BARI. 2 ARRESTI DEI CARABINIERI DEL NUCLEO RADIOMOBILE PER DETENZIONE DI SOSTANZE STUPEFACENTI AI FINI DI SPACCIO E PER RESISTENZA A P.U. 

Un 35enne di Carbonara, T.S., è finito ai domiciliari con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Il giovane, infatti, a seguito di una perquisizione domiciliare eseguita dai militari del Nucleo Radiomobile di Bari, insospettiti per un anomalo via vai di persone presso la sua abitazione, è stato trovato in possesso di 4 dosi di cocaina pronte per lo spaccio, nonché un bilancino e materiale idoneo al confezionamento delle dosi. T.S. è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari in attesa di essere giudicato con il rito direttissimo. Un pregiudicato di Ceglie, S.G., 37enne, è stato arrestato per resistenza a p.u. dal Nucleo Radiomobile di Bari. Il predetto, senza patente e a bordo di uno scooter poi risultato sprovvisto di assicurazione, alla vista dei militari che volevano sottoporlo a controllo, si è dato alla fuga per le vie di Carbonara, costringendo i militari a spericolate manovre per le vie di quel centro storico, rese ancora più complicate dalla pioggia. Dopo un lungo inseguimento, fortunatamente avvenuto senza arrecare danni a cose o persone, l’uomo è stato fermato è arrestato e, su disposizione della competente A.G., sottoposto al regime degli arresti domiciliari in attesa di essere giudicato con rito direttissimo.  

La droga sequestrata. (foto cc.) ndr.
ANDRIA (BT): TENTA DI NASCONDERE LA DROGA IN UN PACCHETTO DI SIGARETTE. ARRESTATO UN 55ENNE 

L’attività di contrasto alla detenzione e allo spaccio di sostanze stupefacenti, attuata dei militari della Compagnia Carabinieri di Andria, continua a dare i suoi frutti ed a riscontrare sempre più consensi tra l’opinione pubblica. Questa volta alla Giustizia è stato assicurato F.M., 55enne di Andria, arrestato per detenzione ai fini di spaccio di 4 dosi di eroina ed una di hashish, per un peso complessivo di grammi 4, nonché per resistenza e violenza a p.u.. I militari del Nucleo Operativo e Radiomobile, ieri mattinata, durante un servizio perlustrativo, avente tra le inderogabili finalità quella di contrastare il suddetto fenomeno, hanno sorpreso F.M. armeggiare su un pacchetto di sigarette con gesti non nuovi agli occhi esperti dei militari, palesando in maniera evidente l’intenzione di occultare qualcosa. Per questo motivo, alla vista dei militari che volevano controllarlo, il 55enne ha tentato di dileguarsi repentinamente tra i vicoli del centro storico, venendo prontamente bloccato, nonostante un ulteriore quanto inutile tentativo di fuga, messo in atto cercando di divincolarsi con violenza dalla presa dei militari. La perquisizione effettuata sulla sua persona ha consentito di rinvenire 4 dosi di eroina, mentre dalla perquisizione eseguita al proprio domicilio, sono stati rinvenuti una dose di hashish, materiale vario utilizzato per il confezionamento dello stupefacente, un telefono cellulare con scheda sim fittizia e la somma di euro 40, ritenuta provento dell’attività delittuosa. Tutto il materiale è stato posto sotto sequestro, mentre il 55enne è stato associato alla casa circondariale di Trani.





Nessun commento