Ultim'Ora

M5S. Raggi "no alle Olimpiadi del mattone"

No alle Olimpiadi del Mattone a Roma (foto Agi) ndr.

di Redazione

ROMA, 22 SETT. (AGI) - "E' da irresponsabili dire di si' a questa candidatura delle Olimpiadi". E' secco il no di Virginia Raggi e della Giunta capitolina alla candidatura di Roma ad ospitare i Giochi del 2024. "No alle Olimpiadi del mattone, non vogliamo colate di cemento sulla citta'", ha scandito il sindaco Raggi, in conferenza stampa - in una Sala delle Bandiere affollatissima - con accanto il vice sindaco Daniele Frongia. La giunta e' seduta in prima fila ed ha applaudito a lungo all'annuncio del sindaco. "Le Olimpiadi sarebbero un affare" per i costruttori, "la mia valutazione e' che queste Olimpiadi non siano sostenibili dal punto di vista economico". Altre citta' si sono tirate indietro, per motivi economici, puo' farlo anche Roma. "Non ipotechiamo il futuro di Roma e dell'Italia" chiedendo risorse, "non ce la sentiamo di fare altri debiti, di chiedere altri soldi agli italiani". "Non ci servono altre cattedrali nel deserto - ha aggiunto Raggi - i romani ce lo hanno detto. Il 70% e' contrario alle Olimpiadi". Secca e' stata la replica del presidente del Coni, Giovanni Malago', che esprime tutta la sua amarezza per il 'no' alla candidatura di Roma alle Olimpiadi 2024 annunciata oggi da Virginia Raggi. "E' tutto pretestuoso, era tutto gia' scritto, ne fanno una questione di principio, e' solo demagogia e populismo". "Adesso il Sindaco e il vice sindaco dovranno motivare la loro decisione con un atto formale in Giunta e in Consiglio comunale, con una delibera che da' discontinuita' ad un atto precedente di cui si prendono la responsabilita', spero solo - aggiunge in maniera polemica - che non tirino piu' fuori quella motivazione sulle citta' che hanno rinunciato ad ospitare le Olimpiadi. Quella e' una bufala che hanno letto su Wikipedia. Si informassero prima di parlare - continua Malago' - si parla di Amburgo e di Boston, citta' che non sono mai state candidate, come si parla di Madrid, candidata quattro volto, che non si e' mai ritirata". Malago', ai giornalisti nel Salone d'onore del Coni, continua il suo attacco alla Raggi. "Dire che Roma paga ancora i debiti delle Olimpiadi del '60 e' una falsita'. Io, che sono una persona seria, ho chiamato personalmente la commissaria del debito del Comune di Roma Silvia Scozzese per avere delucidazioni in merito e, questa, dopo un'accurata ricerca, ha confermato che si tratta di una falsita' assoluta: i due miliardi di euro di debito di Roma - spiega ancora il presidente del Coni - sono debiti commerciali che vanno dalle spese per lo SDO a tutta una serie di contenziosi. Il debito relativo a Roma 1960 ammonta a poche centinaia di migliaia di euro, relative agli espropri delle case al villaggio olimpico. Si tratta, dunque - conclude con veemenza - solo di demagogia e populismo". A dare man forte alla Raggi arriva un twitter di Beppe Grillo. "No alle Olimpiadi del mattone #PrimaIRomani".Dure invece le prese di posizione del Pd. "La capitale d'Italia, Roma e iromani non meritavano questo atto di sfiducia da parte di chidovrebbe credere in loro piu' di ogni altro". Replica la vicesegretaria del Pd Debora Serracchiani, "Raggi hadimostrato un'indifferenza agghiacciante verso tutti gliappelli: al buon senso, all'orgoglio e all'interesse dellacitta' e del Paese. E' un atteggiamento di chiusura ideologicaal limite del fanatismo. E' triste vedere un sindaco che difronte al mondo rifiuta un grande evento perche' ha paura dinon riuscire a gestirlo", ha concluso Serracchiani.





Nessun commento