Ultim'Ora

Bari. Riorganizzazione segnaletica orizzontale nella zona circostante piazza Moro. Creati 45 nuovi posti auto

Una strada interessata alla riorganizzazione. (foto com.) ndr.

di Redazione

BARI, 7 OTT. (Comunicato St.) - L’assessore ai Lavori Pubblici Giuseppe Galasso comunica che è in corso un’attività di rifacimento e manutenzione della segnaletica orizzontale utile a delimitare corsie di marcia, posti auto nuovi e già esistenti e spazi per cassonetti. Questa operazione ha permesso di sfruttare al meglio gli spazi disponibili, ricavando ben 45 posti nuovi in più rispetto ai 102 originariamente presenti sui tratti di strada oggetto di intervento. 

In particolare le principali strade interessate dal riordino della segnaletica sono state   via Crisanzio nel tratto da via De Cesare a via Suppa, le strade lungo il perimetro di piazza Umberto, via Niccoló Dell'arca, con il prolungamento su piazza Moro fino all'incrocio con via Caduti di via Fani; 

L’intervento di manutenzione, che si è sostanziato nella trasformazione di parcheggi del tipo "parallelo in linea" in parcheggi a 45 gradi o a “pettine”, ha consentito di aumentare del 44% il numero dei posti auto in questa zona, passati da 102 a 147. “In tutti i tratti sono stati confermati e potenziati anche i posti moto e gli stalli per i cassonetti, sono stati confermati i posti per diversamente abili ed è stata creata anche una speciale corsia su via Crisanzio – spiega l’assessore Galasso -. per garantire l'accesso al parcheggio di Piazza Cesare Battisti. Questa soluzione permetterà agli automobilisti un sicuro percorso per l’incolonnamento dei veicoli in attesa dell’ingresso al parcheggio, in occasione dei periodi di particolare afflusso e utilizzo dello stesso, come quello Natalizio. Tutta la riorganizzazione dei parcheggi è stata valutata durante una serie di sopralluoghi condotti con il dirigente del settore Viabilità Laricchia e il comandante della Polizia Municipale Marzulli. Con questi interventi vogliamo ridurre le soste in doppia fila che spesso si concentravano in queste zone, riducendo anche il rischio di sanzioni per gli automobilisti”.





Nessun commento