Ultim'Ora

Bari. Visita del Comandante Regionale Puglia della Gdf, Generale di divisione Vito Augelli, al gruppo di Barletta [CRONACA DELLA GDF ALL'INTERNO]

Il Gen. V. Augelli visita il gruppo Gdf di Barletta. (foto com.) ndr.

di Redazione

BARI, 2 NOV. (Comunicato St.) - Il Comandante Regionale Puglia Guardia di Finanza, Generale di Divisione Vito AUGELLI, ha visitato il Gruppo di Barletta. Nella circostanza l’Alto Ufficiale, accompagnato dal Comandante Provinciale Bari, Generale di Brigata Nicola ALTIERO, ha incontrato una rappresentanza di ufficiali, ispettori, sovrintendenti, appuntati e finanzieri dei Reparti delle Fiamme Gialle della sesta provincia pugliese, ai quali ha rivolto il proprio apprezzamento per il lavoro svolto e l’incoraggiamento a proseguire sulla strada intrapresa, esprimendo parole di compiacimento e gratitudine per la profonda dedizione al servizio e l’altissima professionalità dimostrata nell’assolvimento dei molteplici compiti istituzionali. Il Generale AUGELLI ha, poi, assistito alla presenza dei Comandanti dei Reparti della provincia, ad un briefing in cui sono state descritte le principali attività operative appena concluse ed in corso, nonché le più importanti tematiche riguardanti la gestione del personale e della logistica. Nell’apprezzare i risultati conseguiti, l’Autorità di Vertice Regionale delle Fiamme Gialle ha esortato a proseguire sulla strada intrapresa, sottolineando come il Corpo della Guardia di Finanza operi in prima linea e in modo “trasversale” sul fronte del contrasto all’evasione fiscale, allo spreco nella spesa pubblica ed alla corruzione in genere, nonché dell’aggressione dei patrimoni costituiti come frutto di attività illecite. Azioni di contrasto tutte fondamentali per accrescere la giustizia e l’equità sociale, a salvaguardia dei cittadini onesti e della libera concorrenza sul mercato per quanto riguarda le attività economiche imprenditoriali. Nell’occasione della visita, il Generale AUGELLI ha incontrato il Prefetto di Barletta Andria Trani, il Presidente del Tribunale ed il Procuratore Capo della Repubblica di Trani, nonché il Generale di Corpo di Armata Gaetano NANULA, cittadino barlettano e già Comandante in Seconda della Guardia di Finanza. 

GUARDIA DI FINANZA: SEQUESTRATI CIRCA 700 CAPI DI ABBIGLIAMENTO CON FALLACE INDICAZIONE DI ORIGINE DEL PRODOTTO 

Nell’ambito delle misure di rafforzamento della vigilanza all’interno della locale area portuale, al fine di contrastare i traffici illeciti in genere, i Finanzieri del Gruppo Bari unitamente ai Funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli hanno sottoposto a controllo un autoarticolato turco, appena sbarcato da una motonave proveniente dalla Grecia, trasportante capi di abbigliamento confezionati in Turchia e destinati a un’azienda del salernitano. L’accurata attività ispettiva consentiva di rilevare, apposte su nr. 343 t-shirt e nr. 331 felpe, le etichette riportanti il marchio registrato della società importatrice e la dicitura "Produzioni italiane", atte ad indurre in errore il consumatore circa l'origine della merce. Pertanto, la parte di carico con la fallace indicazione di origine del prodotto (nr. 343 t-shirt e nr. 331 felpe) è stata sottoposta a sequestro amministrativo mentre il responsabile legale della ditta importatrice è stato segnalato alla Camera di Commercio per violazioni all'art. 4 comma 49 bis della Legge 350/2003. Le sinergie poste in essere tra Guardia di Finanza e Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, all’interno dello scalo marittimo barese, sono tese a contrastare un fenomeno dilagante quale l’ingannevole indicazione del paese di origine della merce, con il fine principale di difendere i diritti dei consumatori. 

GUARDIA DI FINANZA: SEQUESTRO DI BENI NEI CONFRONTI DI UN PLURIPREGIUDICATO DI SAN SEVERO 

I finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Bari - Gruppo Investigazione Criminalità Organizzata - hanno eseguito in Foggia il sequestro del patrimonio riconducibile al pluripregiudicato Claudio GUERRIERI. Il provvedimento è stato disposto dal Tribunale di Foggia – Sezione Misure di Prevenzione - su proposta del Procuratore della Repubblica di Bari. In particolare, si tratta di due immobili e tre conti correnti per un valore complessivo stimato di circa 380.000 (trecentottantamila) euro. I beni sottoposti a sequestro anticipato verranno dunque confiscati se l’indagato non sarà in grado di dimostrarne la provenienza lecita. Claudio GUERRIERI, classe 1974, “vanta” fin dal 1992 numerosi precedenti penali e di polizia per i reati di furto, porto abusivo/detenzione illegale di armi, tentato omicidio, detenzione e cessione illecita sostanze stupefacenti, ricettazione. In particolare, nel periodo compreso fra il 1992 ed il 2001 il GUERRIERI ha subito diverse sentenze irrevocabili di condanna per reati di detenzione e cessione illecite di sostanze stupefacenti e possesso di armi, per una pena complessiva di 29 anni. Le attività investigative eseguite dai finanzieri, nell’ambito delle quali sono stati valorizzati in chiave patrimoniale gli elementi informativi acquisiti nel corso delle indagini penali, hanno permesso di verificare l’assoluta sproporzione tra i beni nella disponibilità del pregiudicato e la sua capacità economica. Riguardo alle strategie di contrasto alla criminalità organizzata, da tempo si è evidenziata l’importanza dello strumento delle misure di prevenzione personali e patrimoniali, capaci di limitare gli spostamenti dei malavitosi sul territorio e soprattutto, sul piano patrimoniale, di incidere sulla loro ricchezza nonché di determinare una perdita di immagine e di prestigio agli occhi dei loro sodali. Obiettivo strategico di primaria importanza è, infatti, quello del contrasto alle proiezioni economiche della criminalità, mediante l’aggressione dei patrimoni e delle disponibilità finanziarie riferibili direttamente o indirettamente alle organizzazioni delinquenziali.





Nessun commento