Ultim'Ora

Ruvo di Puglia (Ba). Strage di galline e conigli al presepe statico di piazza Le Monache

Il Presepe statico in piazza. (foto com.) ndr.

di Massimo Resta 

RUVO DI PUGLIA (BA), 12 DIC. - È di ventuno galline e cinque conigli morti il bilancio di una folle "bravata" perpetrata, la notte scorsa, ai danni del Presepe statico realizzato dalla famiglia Caldarola di Ruvo di Puglia in piazza Le Monache. Secondo una prima ricostruzione, ignoti si sarebbero introdotti all'interno della natività realizzata nel centro storico cittadino, uccidendo le galline ed i conigli che vi erano stati inseriti per rendere più reale e suggestivo il presepe. Inoltre, avrebbero fatto entrare nello spazio del Presepe dei cani randagi probabilmente per attribuirgli lo scempio compiuto. Sotto choc, questa mattina, i realizzatori del Presepe e gli abitanti della zona, che hanno subito allertato i Carabinieri della locale Stazione. In piazza Le Monache, luogo di un eccidio senza precedenti, oltre agli uomini dell'Arma sono intervenuti gli agenti della polizia municipale ed i veterinari del Dipartimento di Prevenzione della Asl Bari, che nel corso di un sopralluogo hanno rinvenuto un cane randagio rinchiuso all'interno del Presepe e due fido senza dimora all'esterno della struttura. Sull'episodio, che macchia la cittadina ruvese a poco più di dieci giorni da Natale, è intervenuta a difesa dei randagi accusati della strage, la Lega Nazionale per la Difesa del Cane, la quale escluderebbe che ad uccidere galline e conigli siano stati i randagi e sosterremo che dietro la morte degli animali ci sia, invece, la mano dell'uomo. Ma secondo alcune indiscrezioni da noi raccolte sulle galline ed i conigli uccisi sarebbero stati notati i morsi dei cani.





Nessun commento