Ultim'Ora

Andria (Bat). Aumentano i controlli “festivi” dei carabinieri: due arresti [CRONACA DEI CC. ALL'INTERNO]

Controlli dei cc. ad Andria. (foto cc.) ndr.

di Redazione

ANDRIA (BT), 3 GEN. (Comunicato St.) - Intensificati per la fine delle festività i controlli ed i servizi preventivi dei Carabinieri della Compagnia di Andria in tutto il centro cittadino e nei luoghi ritenuti di maggior interesse, in quanto di particolare aggregazione sociale, tra cui chiese ed esercizi commerciali. La rete operativa così predisposta ha già consentito di raccogliere i suoi frutti. Infatti, nel corso di innumerevoli controlli eseguiti nei confronti di soggetti sottoposti a misure restrittive, sono stati arrestati due noti pregiudicati del luogo, in due distinte operazioni. Nella prima circostanza, D.F.G., 33enne, sorvegliato speciale di P.S., veniva notato per le vie periferiche della città, destando il sospetto nei militari operanti, motivo per cui procedevano il prevenuto a controllo di polizia, nel quale, nonostante al corrente degli obblighi a cui era sottoposto, veniva trovato in possesso di una dose di sostanza stupefacente del tipo HASHISH. La scomposta reazione dell’arrestato, indolente al controllo ed alla perquisizione personale, consistita in sproloqui minatori e oltraggiosi, nonché in inutili tentativi di fuga, gli è costata anche la denuncia per resistenza a pubblico ufficiale: per lui si sono quindi aperte le porte del carcere di Trani. Ad incappare nella fitta rete di controlli, in altra circostanza, è stato anche A.F., 29enne del luogo, sorpreso dai militari operanti, all’esterno della propria abitazione nonostante sottoposto agli arresti domiciliari, in barba alle disposizioni impostegli dalla misura restrittiva. A giustificare la fuga, a suo dire, discussioni in famiglia: naturalmente, valse a nulla. Anche lui, arrestato per evasione, è finito al carcere di Trani a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. 

La pistola e il materiale sequestarto. (foto cc.) ndr.
TRIGGIANO (BA): RAPINA OREFICERIA PER FARE UN REGALO. ARRESTATO DAI CARABINIERI 

I Carabinieri della Stazione Carabinieri di Triggiano hanno tratto in arresto G.N., 25enne barese, resosi responsabile, unitamente ad un complice, allo stato ancora ignoto, del reato di rapina ai danni di un’oreficeria del comune di Triggiano. L’episodio risale alla sera del 29 u.s. allorquando nella gioielleria di via Casalino entrano travisati ed armati di una pistola due uomini che, mediante la minaccia della citata arma, si appropriano di talune confezioni di monili in oro ed argento, di un orologio da uomo ed in particolare di un anello in oro bianco. Di lì la fuga a bordo di una Fiat Panda, la cui targa prontamente segnata dalla vittima, risulta oggetto di furto nella medesima giornata e corrispondente ad un altro tipo di autovettura. I Carabinieri, prontamente intervenuti, sulla base della ricostruzione dell’episodio criminoso ed insospettiti dalla circostanza riferita dalla vittima secondo cui proprio quell’anello in oro bianco era stato in plurime occasioni attenzionato nei giorni precedenti da una coppia di giovani, si mettono alla ricerca del giovane componente la coppia. Dopo vari tentativi i Carabinieri della Stazione di Triggiano, in collaborazione con i militari del Nucleo Radiomobile di Bari hanno rintracciato nel quartiere Libertà del capoluogo il giovane ancora in possesso dei monili trafugati, dei capi di travisamento e della pistola giocattolo, verosimilmente utilizzata per commettere la rapina. L’accurata ispezione dei luoghi circostanti l’abitazione ha permesso altresì di rinvenire anche l’autovettura Fiat Panda utilizzata per la fuga e con le proprie targhe non più occultate. Condotto nella Caserma di via Gramsci, il rapinatore, peraltro già noto alle Forze dell’Ordine, è stato tratto in arresto e su disposizione della Procura della Repubblica di Bari, condotto presso la Casa Circondariale di Bari.





Nessun commento