Ultim'Ora

Molfetta (Ba). Intervento di bonifica dei palombari della Marina nel porto

Le armi ritrovate. (foto M.M.) ndr.
Gli operatori del GOS hanno individuato 12 ordigni esplosivi residuati bellici e una pistola calibro 9 mm, successivamente distrutti con una contro carica esplosiva

di Redazione

MOLFETTA (BA), 5 FEB. (Comunicato St.) - Lo scorso 31 gennaio i palombari del Gruppo Operativo Subacquei (GOS), appartenenti al nucleo SDAI (Sminamento Difesa Antimezzi Insidiosi) di Taranto, sono intervenuti nel porto di Molfetta a seguito di una segnalazione ricevuta da alcuni pescatori locali, che riportava la presenza di presunti manufatti bellici nelle acque prospicienti la banchina Seminario. In considerazione dell'elevata presenza di imbarcazioni da pesca all'ormeggio, gli operatori del Nucleo hanno provveduto alla messa in sicurezza del sito, realizzando una zona di interdizione di 150 metri dal punto segnalato all'autorità marittima. Nonostante le condizioni di visibilità proibitive, i palombari hanno individuato 12 ordigni esplosivi residuati bellici (tra cui 9 bombe incendiare di elevata pericolosità) e una pistola calibro 9 mm, immediatamente consegnata ai Carabinieri della locale compagnia per le successive indagini del caso. Gli ordigni recuperati sono stati successivamente trasportati in una zona di sicurezza per le operazioni di distruzione, attraverso l'applicazione di una contro carica di circostanza. L'attività è stata condotta con esito positivo dai Palombari dello SDAI di Taranto nella mattinata di venerdì 3 febbraio. Si raccomanda a tutti coloro che dovessero imbattersi in manufatti, con forme simili ad un ordigno esplosivo o parti di esso, di non toccarli assolutamente e denunciarne immediatamente il ritrovamento alla locale Capitaneria di Porto o stazione dei Carabinieri.





Nessun commento