Ultim'Ora

Musica. Per​ la Camerata MAURO CAMPOBASSO & MAURO MANZONI SEXTET in "A Jazz Homage To Sergio Leone: Duck you, sucker

Una immagine dello spettacolo. (foto M.C.) ndr.

di Maria Caravella

BARI, 7 MAR. - Un progetto molto originale realizzato con l'intento di esplorare l’epopea del west e il mondo dei gangster, l" opera del regista Sergio Leone, in un melange di suono e immagine in sintonia con le partiture del famoso compositore, Ennio Morricone. Il tutto è stato realizzato sotto forma di installazioni con la scelta di immagini e brevi sequenze tratte dalle più famose e significative, pellicole di Sergio Leone; il tutto affiancato da nuove musiche, improvvisazioni, composizioni jazz inedite, in dialogico creativo con le composizioni originali. Il jazz qui è diventato la traduzione in musica del linguaggio dei personaggi icona del west. Basti pensare ai fantomatici duelli sonori tra i sassofonisti e quelli tra batteristi; vere e proprie battaglie musicali. Campobasso e Manzoni, oltre ad essere talentuosi musicisti di jazz, sono cultori appassionati di cinema e hanno intrapreso questa strada nuova per i loro progetti multimediali: esplorare l’epopea del west attraverso il montaggio di sequenze e immagini circostanziate appartenenti a opere cardine della produzione di Sergio Leone, in sintonia con le musiche di Ennio Morricone. L"intento è quello di creare una trama narrativa che attraversi l’arte di questi due grandi artisti , per fondersi in un nuovo inedito racconto fatto di nuove musiche, improvvisazioni, composizioni jazz e contemporanee inedite, in equilibrio con gli originali. Coinvolgente ed emozionante l'esibizione del sestetto formato da Mauro Campobasso (chitarra, live electronics), Mauro Manzoni (sassofoni, flauti, live electronics), Stefano Dallaporta (contrabbasso, basso elettrico),Walter Paoli (batteria, live electronics), Gaia Mattiuzzi e Federica Orlandini (voce), che ha saputo trasmettere al variegato pubblico dello Showille profonde emozioni.





Nessun commento