Ultim'Ora

Casamassima (Ba). Carabinieri. Arrestata la banda delle “tre sorelle” [CRONACA DEI CC. ALL'INTERNO]

Controlli dei cc. all'ipermercato Auchan. (foto cc.) ndr.

di Redazione

CASAMASSIMA (BA), 9 APR. (Comunicato St.) - “Le tre sorelle”, questo potrebbe essere il marchio di fabbrica della banda di donne che ha colpito ripetutamente in vari negozi del centro commerciale di Casamassima. Magliette, gonne, intimo. Questa la refurtiva trovata nelle loro borse dai Carabinieri nel parcheggio dove stavano per salire in macchina per far perdere le loro tracce. Ma veniamo ai fatti. Ieri pomeriggio i militari della Stazione Carabinieri di Casamassima hanno arrestato, con l’accusa di furto aggravato in concorso, quattro donne dell’hinterland barese. Le stesse, tre sorelle di Bitonto (BA) ed una loro amica, sempre di quel centro, approfittando della calca di persone, avevano asportato numerosi capi di abbigliamento da vari negozi della galleria del centro commerciale di Casamassima. La tecnica utilizzata consisteva nel nascondere nelle borse i vari capi d’abbigliamento, una volta rimossi i dispositivi antitaccheggio, per poi guadagnare l’uscita. Avevano quasi raggiunto la loro automobile nell’area parcheggio, quando sono state fermate per un controllo da una pattuglia della locale Stazione Carabinieri, impegnata in uno dei numerosi servizi preventivi in zona. Il nervosismo delle quattro donne ha convinto i militari ad approfondire i controlli, tant’è che è subito emerso che i vari capi d’abbigliamento che avevano con loro non erano stati regolarmente pagati, seppur prelevati da ben tre negozi presenti all’interno della galleria del supermercato. Sono state inoltre rinvenute le forbicine utilizzate per tagliare e rimuovere l’antitaccheggio. A questo punto, considerata la flagranza del reato di furto aggravato, le 4 signore sono state arrestate e, su disposizione del Magistrato, portate presso le loro abitazioni ove permarranno in regime degli arresti domiciliari, in attesa di giudizio direttissimo. La refurtiva, composta prettamente da indumenti femminili, del valore complessivo di circa quattrocento euro, è stata restituita ai singoli esercizi commerciali, i cui titolari hanno espresso tutta la loro gratitudine ai Carabinieri. 

Arrestati due minorenni ad Altamura (foto cc.) ndr.
ALTAMURA (BA): DERUBAVANO SMARTPHONE AI LORO COETANEI. ARRESTATI DUE MINORENNI 

Altamura (BA). “Mi fai fare una telefonata urgente col tuo telefono?... Io non ho più credito sul mio…”. Questa era la frase utilizzata da due giovanissimi per ottenere temporaneamente la disponibilità, dai coetanei malcapitati di turno, dei costosi smartphone, per poi darsi alla fuga con il bottino. Nel corso della mattinata, i Carabinieri della Compagnia di Altamura hanno, infatti, eseguito due ordinanze di custodia cautelare di collocamento in una comunità per minorenni disposte dal GIP per il Tribunale per i Minorenni di Bari su richiesta della relativa Procura della Repubblica. Si tratta di un 17enne e di un 15enne, del posto, i quali, il mese scorso, nelle strade del centro storico federiciano, si erano resi protagonisti di tre furti e di una rapina ai danni di loro coetanei, ai quali avevano asportato, apparecchi cellulari. In un’occasione poi, la reazione di una giovanissima vittima aveva indotto i due ad esplicite minacce che hanno trasformato l’episodio criminoso in una vera e prorpia rapina. Le denunce presentate ai Carabinieri, con dettagliate descrizioni fornite ed i fotogrammi rintracciati dagli investigatori presso alcuni sistemi di videosorveglianza cittadini hanno consentito l’identificazione dei due minorenni. Ora per loro si sono aperte le porte di due comunità per minorenni, in attesa dell’evolversi dei procedimenti penali che li vedono indagati per furto aggravato e rapina. Alcuni del telefoni cellulari recuperati sono stati restituiti ai legittimi proprietari.





Nessun commento