Ultim'Ora

Bari. Quartiere Liberta’. I carabinieri acciuffano due borseggiatori in azione

Controlli dei cc. a Bari. (foto cc.) ndr.

di Redazione

BARI, 20 MAG. (Comunicato St.) - Continua la lotta contro i borseggiatori che, sugli autobus, nei mercati o nelle vie centrali della città, prendono d’assalto i turisti ed i residenti della zona. Anche questa volta la risposta da parte dei Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Bari Centro non si è fatta attendere. A finire in manette, due volti già noti alle forze dell’ordine, proprio per essere specialisti nel “settore”. Si tratta di G.M. e Q.M., entrambi baresi, di 45 e 57 anni, i quali erano stati notati da due militari che, camuffati tra i turisti scesi dalle navi da crociera, insospettitisi dall’atteggiamento ambiguo e guardingo dei due, hanno continuato a tenerli d’occhio a distanza, prevedendo che potessero entrare in azione. Ed in effetti, non sono stati smentiti. Poco dopo, infatti, i due borseggiatori hanno avvicinato un uomo che transitava a piedi in via Bovio e mentre uno dei due faceva da palo, l’altro, approfittando di un momento di distrazione dell’ignara vittima, gli infilava indisturbatamente la mano nella tasca della giacca nel tentativo di impossessarsi del portafogli, non riuscendoci poiché riposto altrove. I Carabinieri sono subito intervenuti, bloccando e ammanettando entrambi i borseggiatori. Per tali ragioni Q.M e G.M. sono stati sottoposti agli arresti domiciliari presso le loro residenze, dovendo rispondere di tentato furto aggravato con destrezza. 

Un arresto dei cc. a Giovinaz<o (Ba). (foto cc.) ndr.
GIOVINAZZO (BA): IDENTIFICATO E ARRESTATO DAI CARABINIERI L’AUTORE DI UN “CAVALLO DI RITORNO” DI UN’AUTOVETTURA, RUBATA A MARIOTTO (BA) 

Nella serata dell’08 aprile, a Mariotto (BA), erano bastati pochi minuti, a ladri di auto, per rubare una Fiat Panda, parcheggiata nella pubblica via e farla franca, ma solo per il momento, senza che nessuno si accorgesse di nulla. Bastavano meno di ventiquattrore ore perché il malcapitato proprietario dell’auto, mentre passeggiava nella piazza della frazione Bitontina, fosse avvicinato da un giovane dal posto che con estrema scaltrezza e non curante delle conseguenze, gli facesse la proposta: “Se sei interessato a riavere la tua auto, dammi 300 euro.” Dopo poche ore e aver effettuato un prelievo bancomat, avveniva la consegna del denaro pattuito, con la indicazione del luogo in cui l’auto era stata nascosta. “Vai a Giovinazzo vicino a via…… e li troverai la macchina.” Sul posto indicato dall’interlocutore l’uomo rinveniva, poi, effettivamente la propria autovettura, integra e senza alcun danno come gli era stato garantito. Temendo ritorsioni, conoscendo il soggetto che gli aveva fatto ritrovare l’auto, si recava in Caserma a Giovinazzo per denunciare il ritrovamento casuale del mezzo, senza dare altre indicazioni. Agli investigatori della Stazione Carabinieri di Giovinazzo, però, la situazione appariva subito poco chiara. Compiuti accertamenti sul luogo ove era avvenuto il furto, notavano a poca distanza l’apparecchio bancomat ove erano stati prelevati i soldi. Le indagini consentivano di appurare che la somma prelevata dal malcapitato era di 300 euro; inoltre, da alcune immagini del sistema di video sorveglianza, presenti nella piazza, si poteva notare il proprietario del mezzo confabulare con un giovane. Messo di fronte all’evidenza, il denunciante e decideva di collaborare e raccontare quanto accaduto. Per il giovane, un 24 enne di Bitonto, incensurato, nella serata di ieri, sono scattate le manette con l’accusa di estorsione aggravata, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Bari, su richiesta della locale Procura della Repubblica che ha coordinato tutte le indagini. Il 24enne si trova ora agli arresti domiciliari presso la propria abitazione.



Nessun commento