Birra Morena - Birra Winner

Ultim'Ora

Acconciatori, estetiste e centri di estetica: basta con gli abusivi/ Convegno della CNA a Foggia il 19 novembre

di Redazione 

FOGGIA - Su iniziativa della CNA di Foggia e del comitato spontaneo degli acconciatori, si terrà nella Sala Azzurra della Camera di Commercio del capoluogo dauno lunedì 19 novembre alle ore 18.00 un interessante convegno per il contrasto alla diffusione del fenomeno dell’abusivismo degli acconciatori e delle estetiste.
 La professione di acconciatore e di estetista è legata -tanti non lo sanno- a norme rigide che impongono un percorso formativo, particolari autorizzazioni sanitarie per i locali, il rispetto della normativa sul corretto smaltimento dei rifiuti speciali, di quella sulla sicurezza, fino alla individuazione delle macchine che è possibile usare e le loro caratteristiche tecniche.
Così non è, visto il proliferare di abusivi: acconciatori, estetiste, centri estetici, professioni esercitate in molti casi abusivamente, senza scontrino fiscale, e praticamente in nero. Senza considerare che questo fenomeno mette a repentaglio la salute dei cittadini, mina la cultura della legalità e la fiducia degli artigiani nei confronti delle istituzioni. Ma i “clienti” sono in continuo aumento.
Ne parleranno l’assessore alla Polizia Municipale di Foggia, Francesco Arcuri, il direttore della Direzione provinciale del lavoro, Antonio Pistillo, e il presidente nazionale della CNA Benessere e Sanità, Savino Moscia, oltre a una delegazione della Guardia di Finanza, invitata.
La proposta della CNA ha un nome, “Poltrona in affitto”, con l’intento di consentire alle imprese di inserire operatori, soprattutto giovani, con un rapporto di collaborazione qualificata. Si discuterà anche della necessità di un codice etico di queste professioni del settore benessere e bellezza, dei percorsi formativi qualificanti e della necessità di rapporti di stretta collaborazione tra CNA, Comune, Guardia di Finanza e Ispettorato del lavoro per controllare il settore e colpire gli operatori abusivi.



Nessun commento