Birra Morena - Birra Winner

Ultim'Ora

Caso Shalabayeva: Pdl fa "quadrato" in difesa di Alfano

Alma Shalabayeva. (foto) ndr.

di Redazione

ROMA, 15 LUG. - Il Pdl fa quadrato in difesa del ministro dell'Interno, Angelino Alfano, indicato da piu' parti come il vero responsabile del caso di Alma Shalabayeva, la moglie del dissidente Kazako Ablyazov rimpatriata assieme alla figlioletta di sei anni con l'accusa di aver falsificato il passaporto. "Senza di lui il governo non va avanti", dichiara il capogruppo alla Camera Renato Brunetta. Da Palazzo Grazioli, poi, e' arrivata la smentita alle voci che parlavano di un incontro che avrebbe avuto luogo il 6 luglio, tra Silvio Berlusconi e il presidente Kazako Nazarbaev: "Non si sono mai visti", si legge in una nota. "Mi sembra ovvio che Letta non andrebbe avanti - dice Brunetta - le mozioni di sfiducia individuale sono un atto aberrante, non previsto dalla Costituzione, che di solito rafforzano il governo e indeboliscono chi le presenta". Parole sottoscritte dal presidente dei Senatori Pdl, Renato Schifani: "Chi spinge per le dimissioni restera' deluso. L'unico problema, secondo talune linee editoriali, e' diventato il caso Shalabayeva e le eventuali responsabilita' del governo", spiega Schifani riferendosi a un editoriale di Ezio Mauro in cui il direttore di Repubblica accosta il ministro, ma anche Emma Bonino, a Ponzio Pilato e chiede "le dimissioni tardive ma inevitabili di Alfano". "Il partito 'Repubblica' vuole usare Alfano come bomba umana per fare esplodere il governo Letta-Alfano, ma non per l'interesse del Paese e degli italiani coi loro tanti problemi, ma per l'interesse del suo candidato Renzi", accusa Daniela Santanche'. Ma le parole della deputata del Pdl sono state duramente criticate dal Pd e in particolare dai renziani. "La risposta sguaiata della Santanche' conferma una volta di piu' la sua totale inadeguatezza a rivestire qualunque carica istituzionale, a partire dalla vicepresidenza della Camera", ha commentato Dario Nardella. Santanche' "e' un fedele kamikaze ma si e' buttata sull'obiettivo sbagliato. Matteo Renzi sostiene convintamente Enrico Letta", ha assicurato Ernesto Carbone. E anche il bersaniano Alfredo D'Attorre ha chiesto al Pdl di cambiare bersaglio. "Consiglierei a Brunetta e Santanche' di piantarla di strumentalizzare scompostamente il dibattito interno del Partito Democratico per propri fini", ha detto. Da Fratelli d'Italia e' Giorgia Meloni a ironizzare sul fatto che Letta, Alfano e Bonino abbiano assicurato di essere all'oscuro della vicenda, ammettendo implicitamente di essere "ministri a loro insaputa".





Nessun commento