Ultim'Ora

Cosa sappiamo sul sospetto attacco chimico a Douma. Almeno 100 i morti

La città di Duma sotto attacco. (foto Agi) ndr.
Le organizzazioni umanitarie e gli Stati Uniti sostengono l'impiego di gas, ma Damasco e Mosca smentiscono. Articoli di Stampa, Post e HuffPost

di Redazione

DUMA (SIR), 10 APR. (AGI) - Le organizzazioni umanitarie e gli Stati Uniti sostengono l'impiego di gas, ma Damasco e Mosca smentiscono. Articoli di Stampa, Post e HuffPost Un attacco aereo condotto nella notte tra sabato e domenica a Douma ha provocato almeno 100 morti e 1000 feriti e ha creato immancabilmente una escalation nelle relazioni diplomatiche tra Stati Uniti e Russia. Mosca sostiene che nell'attacco non sono state utilizzate armi chimiche, mentre da Washington la richiesta politica è quella di abbandonare Assad. Sui social network immagine tragiche delle case bombardate e delle vittime. Le bombe al contatto con il terreno rilasciano un gas che provoca la morte per soffocamento. E in molte immagini diventate subito virali si vedono persone morte con in bocca una schiuma bianca, tipica in quel tipo di avvelenamento. Tra le vittime molti bambini. A riaccendere la tensione nell'area della Ghouta orientale, la presenza degli ultimi ribelli anti-Assad che avevano chiesto una tregua per lasciare assieme ai loro familiari la città. 
Un attacco aereo condotto nella notte tra sabato e domenica a Douma ha provocato almeno 100 morti e 1000 feriti e ha creato immancabilmente una escalation nelle relazioni diplomatiche tra Stati Uniti e Russia. Mosca sostiene che nell'attacco non sono state utilizzate armi chimiche, mentre da Washington la richiesta politica è quella di abbandonare Assad. Sui social network immagine tragiche delle case bombardate e delle vittime. Le bombe al contatto con il terreno rilasciano un gas che provoca la morte per soffocamento. E in molte immagini diventate subito virali si vedono persone morte con in bocca una schiuma bianca, tipica in quel tipo di avvelenamento. Tra le vittime molti bambini. A riaccendere la tensione nell'area della Ghouta orientale, la presenza degli ultimi ribelli anti-Assad che avevano chiesto una tregua per lasciare assieme ai loro familiari la città. L’ultimo grande attacco chimico in Siria avvenne esattamente un anno fa, a inizio aprile del 2017, quando almeno 74 persone erano morte nella provincia siriana di Idlib: anche in quel caso era stato usato un agente più potente del cloro, forse il sarin, un tipo di gas nervino che agisce rapidamente. Questa la versione del Post. 
Gli Stati Uniti hanno esortato la Russia a porre fine "immediatamente" al sostegno "incondizionato" al regime del presidente siriano Bashar al-Assad dopo il presunto attacco chimico lanciato nella città di Duma, l'ultima roccaforte ribelle alla periferia di Damasco. La Russia ha "violato i suoi impegni" con le Nazioni Unite e "ha tradito" la Convenzione sulle armi chimiche "proteggendo incondizionatamente" Assad, sostiene la portavoce del Dipartimento di Stato Heather Nauert. Ma il ministero della Difesa russo esclude che negli attacchi su Duma siano state usate armi chimiche, scrive HuffPost. La precisazione arriva dopo che gli Usa avevano invitato Mosca a prendere le distanze da Assad. "Neghiamo fermamente queste informazioni", ha detto il generale Yuri Yevtushenko, capo del Centro russo per la riconciliazione dei lati combattenti in Siria. 
"Siamo pronti, una volta che Duma sarà liberata dai militanti, per inviare immediatamente specialisti russi nella difesa dalle radiazioni, chimica e biologica per raccogliere dati che confermeranno che queste affermazioni sono state fabbricate", ha aggiunto. "Giungono dalla Siria notizia terribili con decine di vittime, di cui molte donne e bambini", notizie di tragici effetti "dell'uso di armi chimiche": "Preghiamo per tutti i defunti per le famiglie che soffrono". Così il Papa. "Non c'è una guerra buona e una guerra cattiva e niente può giustificare l'uso di tali strumenti di sterminio contro persone e popolazioni inermi. Preghiamo perché i responsabili politici e militari scelgano un'altra via: quella del negoziato, la sola che può portare una pace che non sia quella della morte e della distruzione". "La protezione della Russia dal regime di Assad e la sua incapacità di fermare l'uso di armi chimiche in Siria mettono in discussione il suo impegno a risolvere la crisi globale e le massime priorità di non proliferazione", ha detto ancora la portavoce della Casa Bianca. 
"La Russia, con il suo incrollabile sostegno al regime, è alla fine responsabile di questi attacchi brutali, colpendo innumerevoli civili e soffocando le comunità più vulnerabili in Siria con armi chimiche", ha aggiunto. Il governo degli Stati Uniti sta seguendo da vicino le notizie sul presunto attacco a un ospedale di Duma, dove, senza specificare il bilancio delle vittime, ha riconosciuto che potrebbe esserci "un numero potenzialmente elevato di vittime". "Se queste notizie scioccanti vengono confermate, richiedono una risposta immediata da parte della comunità internazionale". Nauert ha insistito sul fatto che la registrazione di Assad sull'uso di armi chimiche contro il suo stesso popolo "non è in discussione" e ha ricordato che un anno fa le forze del governo siriano hanno effettuato un attacco di gas sarin contro il quale ne hanno uccise circa cento siriani. In quell'occasione, il governo di Donald Trump reagì bombardando la base aerea siriana dalla quale fu orchestrato l'attacco.
I White Helmets, che mostravano immagini di cadaveri, molti dei quali minorenni, hanno aggiunto che l'attacco ha colpito centinaia di persone e ha denunciato la mancanza di strutture mediche in città.



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento