Ultim'Ora

Trani (Bat). Arrestato dalla Polizia un 37enne e un 42enne con precedenti per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti [CRONACA DELLA P.S. ALL'INTERNO]

La droga sequestrata. (foto P.S.) ndr.

di Redazione 

TRANI (BT), 7 APR. (Comunicato St.) - Nel pomeriggio di ieri a Trani, la Polizia di Stato ha arrestato ROMANELLI Salvatore, 37enne, e ZACCARO Sabino, 42enne, entrambi residenti a Trani, con precedenti di polizia, colti nella flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo cocaina in concorso tra loro. A conclusione di un mirato servizio di prevenzione e repressione del fenomeno della commercializzazione delle sostanze stupefacenti, personale della squadra di P.G del locale Commissariato di P.S., con l’ausilio del personale della Squadra Volante, ha bloccato, al termine di un inseguimento, i due arrestati a bordo di un motociclo; alla vista degli operanti i predetti avevano tentavano di dileguarsi ma inseguiti e raggiunti, sono stati sottoposti a perquisizione personale. Il ROMANELLI è stato trovato in possesso di 42 dosi di cocaina per il peso complessivo di grammi 16,2 e della somma contante di Euro 585,00, ritenuta provento dell’attività di spaccio, mentre lo ZACCARO è stato trovato in possesso di un involucro di cellophane bianco, contenente COCAINA avente peso complessivo lordo pari a grammi 1,7, che occultava in bocca. L’attività, estesa presso il domicilio del ROMANELLI, permetteva di rinvenire, occultate all’interno di uno stipite della cucina, ulteriori 17 dosi di cocaina aventi peso complessivo di grammi 4.9. Gli arrestati, ultimate le formalità di rito, sono stati associati presso la Casa Circondariale di Trani, a disposizione dell’A.G. procedente. 

- Ieri pomeriggio, a Bari, la Polizia di Stato ha tratto in arresto Di Tanno Gianluca, pregiudicato barese di 31 anni, già sottoposto alla misura del DASPO, ritenuto responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, resistenza e minacce a pubblico ufficiale. Nell’ambito degli ordinari servizi di controllo del territorio, i poliziotti della Squadra Volante hanno notato un uomo che si aggirava con fare sospetto lungo via Mantova ed hanno deciso di sottoporlo a controllo di polizia; notato l’arrivo degli agenti, l’uomo si è dato a precipitosa fuga ed ha tentato di sbarazzarsi di 11 “stecchette” di hashish, lanciandole sotto alcune auto in sosta, prontamente recuperate dai poliziotti. Fermato dai poliziotti lungo via Sicilia, l’uomo ha attirato l’attenzione di alcune persone presenti all’interno di un circolo ricreativo, il “Bulldog Bari”, gruppo ultras che sostiene la locale squadra di calcio, che hanno tentato, vanamente, di ostacolare l’attività dei poliziotti, frapponendosi tra loro e l’arrestato, con il pretesto di voler riportare alla calma il 31enne. Durante le fasi concitate dell’intervento l’uomo ha rivolto minacce di morte nei confronti degli agenti. Contestualmente, poco prima dell’arrivo di una seconda volante inviata in ausilio, le persone intervenute a “sostegno” dell’arrestato hanno frettolosamente chiuso il circolo e si sono dileguate. Nonostante un secondo tentativo di fuga, la persona è stata fermata e tratta in arresto; sottoposta a perquisizione, è stata trovata in possesso della somma di 15 euro, ritenuta provento dell’attività di spaccio. Sequestrato anche un telefono cellulare, in possesso dell’arrestato. Sono attualmente in corso indagini per risalire all’identità delle persone coinvolte, al fine di adottare nei loro confronti i provvedimenti del caso. Dopo le formalità di rito, l’arrestato è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, come disposto dall’Autorità Giudiziaria. 

- Sempre nella giornata di ieri, i poliziotti dell’U.P.G.S.P. della Questura di Bari hanno denunciato in stato di libertà due persone. La prima, in via San Francesco alla Rena, nei pressi dell’ingresso del mercato ittico, è stata fermata mentre tentava la fuga a bordo di un’auto rubata poco prima; la seconda, in via Vito Lonero, è stata sottoposta a controllo e trovata in possesso di apparecchiature atte ad intercettare od impedire comunicazioni o conversazioni telefoniche, celate all’interno del veicolo di cui era alla guida. 

- Nei giorni scorsi, a Barletta, la Polizia di Stato ha tratto in arresto, in due distinti interventi, Riontino Vincenzo, pregiudicato barlettano di 33 anni già sottoposto alla misura della Sorveglianza Speciale di P.S. con obbligo di soggiorno, e Boccuzzi Gioacchino, pregiudicato barese di 28 anni residente a Barletta. Nell’ambito degli specifici servizi di controllo del territorio, mirati a contrastare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti ed i reati predatori in genere, i poliziotti del locale Commissariato di P.S. hanno notato il 33enne alla guida di un ciclomotore, senza indossare il previsto casco di protezione. L’uomo, anziché fermarsi all’alt impostogli dagli agenti, ha accelerato bruscamente l’andatura cercando di far perdere le proprie tracce. Ne è scaturito un inseguimento nell’ambito del quale il 33enne ha percorso a forte velocità il centralissimo corso Vittorio Emanuele, incurante della presenza di passanti lungo la pubblica via. Bloccato dopo qualche centinaia di metri, l’uomo è stato sottoposto a perquisizione e trovato in possesso due dosi di cocaina e di un telefono cellulare che non poteva utilizzare in quanto precluso dalla misura della Sorveglianza Speciale cui è sottoposto. Il ciclomotore è risultato inoltre sprovvisto di assicurazione. Il Riontino è stato quindi arrestato poiché ritenuto responsabile di violazione della misura della Sorveglianza Speciale di P.S. e resistenza a pubblico ufficiale I poliziotti del commissariato di P.S. di Barletta, inoltre, nell’ambito dei medesimi servizi di controllo del territorio, hanno tratto in arresto Boccuzzi Gioacchino che era stato notato mentre veniva contattato da numerosi assuntori di cocaina nei pressi di un bar ubicato in zona “Patalini”. I poliziotti, dopo essersi appostati nei pressi del bar in questione, hanno notato il 28enne prendere contatti con alcuni giovani ed hanno deciso di sottoporre a controllo di polizia l’uomo; nonostante un breve tentativo di fuga, i poliziotti hanno bloccato l’uomo che, sottoposto a perquisizione personale, è stato trovato in possesso di 7 dosi di cocaina, celate all’interno degli slip. L’attività di perquisizione, estesa all’abitazione dell’arrestato, ha consentito di rinvenire ulteriori 1,5 grammi di cocaina, un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento delle dosi. Il Boccuzzi è stato tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Eseguito, ex art. 100 TULPS, un provvedimento di sospensione della licenza sindacale, con conseguente chiusura per un periodo di 15 gg., di un bar ubicato in via Roma, il cui proprietario è stato tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento