Ultim'Ora

Monopoli (Ba). La polizia di stato e la guardia di finanza hanno arrestato un pregiudicato albanese

Un momento dell'arresto. (foto P.S.) ndr.

di Redazione

BARI, 1 LUG. (Comunicato St.) - A Monopoli, la Polizia di Stato e la Guardia di Finanza, hanno arrestato un 48enne albanese, pregiudicato, gravato da un ordine di cattura emesso dalle Autorità italiane per il reato di “Immigrazione clandestina”. Gli Agenti Commissariato di Pubblica Sicurezza e i Militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Monopoli, nelle prime ore della mattinata di ieri hanno proceduto al controllo di un peschereccio battente bandiera albanese in arrivo presso lo scalo portuale monopolitano. Durante i controlli svolti dai poliziotti e dai finanzieri, è stato accertato che un membro dell’equipaggio, cittadino albanese 48enne, oltre ad avere a carico numerosi e gravi precedenti di polizia, fra cui “Rapina” e “Sfruttamento della prostituzione”, era gravato da un ordine di cattura emesso dalle Autorità italiane per il reato di “Immigrazione clandestina”. Dopo gli accertamenti l’arrestato è stato condotto presso la Casa Circondariale di Bari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria procedente. 

- Monopoli: 2 arresti e 2 denunce della Polizia di Stato 

A Monopoli, la Polizia di Stato ha concluso due indagini che hanno portato ad arrestare due persone e a denunciarne altrettante. Le manette sono scattate per un 40enne, pregiudicato senegalese, già condannato per resistenza, violenza e minaccia a pubblico ufficiale, a cui carico è stato emesso un ordine di cattura, che dopo essere stato rintracciato dai poliziotti del Commissariato in un cantiere è stato condotto in Carcere a Bari; il secondo arrestato, un monopolitano di 60 anni, è stato rintracciato dagli agenti per fargli scontare una pena definitiva di una condanna per possesso illegittimo di armi, l’uomo è adesso in regime di detenzione domiciliare per il periodo di 1 anno e 8 mesi. Inoltre gli agenti, dopo accurate indagini patrimoniali hanno denunciato un pregiudicato catanese di 38enne, individuato come l’autore della frode informatica subita da un cittadino di Monopoli; per un’inserzione di vendita in rete di un telefonino, il truffatore era riuscito ad inviare una foto di un bonifico bancario artefatto traendo in inganno il venditore che ha spedito il bene in Sicilia. Una seconda indagine dei poliziotti ha consentito invece di individuare e denunciare un 41enne monopolitano, come l’autore di un pestaggio scaturito da una diatriba condominiale.



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento