Ultim'Ora

Calcio. Foggia mercato da sogno

Il difensore centrale Deian Boldor (foto web) ndr.
di Mario Schena


FOGGIA, 18 AGO. – A pensarci bene neanche il più ottimista dei tifosi rossoneri poteva ipotizzare una fase finale del mercato con l’arrivo in rossonero di giocatori molto quotati e ambiti anche da società di serie A. Immaginare che al fianco di Mazzeo ci sarebbero stati due bomber del calibro di Iemmello e Galano era ipotesi remota ed inimmaginabile. Invece Luca Nember ha tenuto fede alla sua fama. Il Direttore sportivo del sodalizio dauno ha piazzato, come promesso, colpi importanti quando il mercato era ai titoli di coda e che fino ad una settimana fa non aveva affatto entusiasmato i tifosi del Foggia delusi anche dalla prematura esclusione dalla Coppa Italia. Invece, ecco che ti arrivano in rossonero giocatori del calibro del brasiliano Lucas Cossenzo Chiaretti, nella passata stagione uno dei perni del centrocampo del Cittadella, Deian Boldor centrale i piede sinistro dal Verona ed Emanuele Cicerelli dalla Salernitana, oltre ai succitati Iemmello dal Benevento e il foggiano purosangue Cristian Galano gioiello del Bari ceduto in prestito dal Parma. Gli ultimi tasselli dell’organico del Foggia vanno ad integrare e completare la rosa dei nuovi arrivi composta dal portiere argentino Albano Benjamín Bizzarri nella passata stagione all’Udinese, dal bomber “primavera” della Fiorentina Gabriele Gori e la suo compagno Luca Ranieri
In rossonero anche Marco Carraro, un altro pezzo pregiato del mercato, componente della rosa dell’Atalanta e acquistato dai bergamaschi dall’Inter per ben cinque milioni di euro. Suo probabilmente il posto di Agazzi passato al Livorno. Presi dal dissolto Bari anche il difensore Michele Somma, figlio d’arte e i centrocampisti Matteo Arena e Massimiliano Busellato. Centrocampo rinforzato anche da Luca Rizzo proveniente dal Bologna. Sfoltito l’organico con oltre dodici elementi andati via. Resta probabilmente da piazzare Nicastro il solo Nicastro decisamente chiuso dagli arrivi di Iemmello e Galano. Completano la rosa rossonera elementi validissimi come Tonucci, Camporese, Agnelli, Kragl, Deli e Floriano. Insomma Grassadonia ora ha a disposizione un organico addirittura da salto di categoria, ma gli otto punti di penalizzazione e l’organico ancora falcidiato da squalifiche inducono alla prudenza. Comunque sia il Foggia 2018-19 hadecisamente un organico tecnicamente più forte di quello della passata stagione. La parola ora passa al campo.



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento