Ultim'Ora

Calcio. Il Foggia rimonta il Padova e rivede la luce

La squadra sotto la curva (foto web) ndr
di Mario Schena

FOGGIA, 27 SETT. - Il Foggia non poteva e non doveva sbagliare dopo tre sconfitte di fila e non aveva alternative, battere il Padova un avversario alla portata dei rossoneri. Grassadonia era già sulla graticola ed una sconfitta avrebbe potuto costargli la panchina, E’ finita due a uno per i rossoneri, ma quanta sofferenza. Il Foggia è andato sotto e poi ha ribaltato quasi sui titoli di coda conCicerelli. Rossoneri scierati con il tre, quattro, due, uno. Loiacono, Camporese e Martinelli davanti a Bizzarri, a centrocampo è tornato Busellato insieme a Carraro e agli esterni Zambelli e Kragl, davanti a Mazzeo Deli e Galano al suo debutto allo Zaccheria. Ha diretto Antonio Di Martino della sezione di Teramo. L’arbitro abruzzese è al terzo anno in CAN B e ha già diretto il Foggia in 8 occasioni. Impossibile da dimenticare per i rossoneri, finale di andata playoff di Lega Pro, Pisa-Foggia, terminata 4-2 a favore della formazione toscana. L’ultimo precedente risale sempre al scorsa stagione, campionato di Serie B Foggia-Spezia terminata due a uno per i satanelli grazie ai gol di Floriano e Tonucci. Di Martino è stato coadiuvato dal signor Luigi Rossi di Rovigo e dal signor Christian Rossi di La Spezia. 4° uomo: signor Ivano Pezzuto di Lecce. Apre con il botto il Foggia, al quarto c’è il palo di Kragl direttamente su calcio di punizione dai venti metri. Al sesto azione tutta in velocità del Foggia Galano, servito di tacco da Mazzeo, libera Deli al tiro, Merelli para. All’ottavo inaspettatamente, per come si stava mettendo la gara, il Padova passa in vantaggio con Mazzocco che di testa mette alle spalle di Bizzarri un cross di Contessa dalla sinistra. All’undicesimo annullato un gol a Mazzeo che era stato lesto a ribadire in rete da due passi un tiro di Deli rimpallato dalla difesa. Il Foggia cerca di reagire. Un cross di Busellato da destra, serve Kragl che arrivain corsa e calcia al volo forte e potente. Bravo Merelli che salva il risultato. Ancora vicinissimo al pareggio il Foggia con Kragl che schiaccia di testa da due passi dalla porta di Merelli che si supera. 
Al ventottesimo ci prova Mazzeo di testa che sfiora il gol su cross dalla sinistra di Kragl. Il Foggia martella, ma è lento. Al trentottesimo Kragl servito da Galano fa partire un diagonale che non va di molto lontano dalla porta dei biancorossi.A quattro minuti dal termine della prima frazione di gioco incredibile distrazione di Bizzarri che su un retropassaggio incespica sul pallone e per poco non regala palla al suo diretto avversario, costretto a toccare palla con le mani, regala una punizione a due in area, fortunatamente senza esito. Foggia più propositivo ad inizio di ripresa. Al quarto d’ora viene annullato per fuorigioco un gol a Camporese che insacca sugli sviluppi di una  punizione calciata da Kragl dalla sinistra. Il Foggia attacca e al diciassettesimo raggiunge il pari con un errore clamoroso del portiere del Padova che si fa passare sotto il corpo un calcio di punizione da fuori area del solito Kragl. Dopo cinque minuti gran parata di Merelli su una conclusione ravvicinata di Mazzeo che si ritrova la sfera tra i piedi dopo una serie di rimpalli. Al ventunesimo una conclusione di Kragl da fuori area, va fuori di poco.a nove minuti dal termine incursione di Kragl sulla sinistra che entra in area e mette al centro un pallone su cui arriva Martinelli che a porta vuota da ottima posizione manda alto sulla traversa. Il Foggia comunque lancia il cuore oltre l’ostacolo e all’ottantacinquesimo raggiunge il pari  grazie all’ennesima iniziativa sulla sinistra di Kragl che effettua l’ennesimo cross che viene allontanato da un difensore del Padova,  sulla palla si fionda Cicerelli che, da oltre venti metri, fa partire un rasoterra che si spegne nell’angolo basso alla sinistra di Merelli. Lo Zaccheria è una polveriera che esplode. Cinque i minuti di recupero concessi che trascorrono  senza emozioni. Punti d’oro e meritati per il Foggia che comincia a vedere la luce in fondo al tunnel della penalizzazione. 
Domenica alle ventuno i rossoneri saranno di scena al “Vigorito” contro il forte Benevento. Partita dall’esito scontato? Nel calcio nulla è scontato.



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento