Ultim'Ora

È a Foggia che l’arte parla contemporaneo. Appuntamento alla Contemporanea Galleria d’Arte

La locandina (foto in allegato) ndr.
di Redazione

FOGGIA, 10 OTT. (Com. St.) - La Contemporanea Galleria d’arte, a Foggia in V.le Michelangelo, offre ancora al territorio foggiano un momento espressivo importante nel mondo dell’arte del ‘900. Dal giorno 20 ottobre e fino al 21 novembre 2018 sarà possibile visitare lo spazio espositivo trovando opere di Accardi, Angeli, Bramante, Ceccobelli, Crippa, Cucchi, De Chirico, Dorazio, Frangi, Galliani, Galliano, Gilardi, Guttuso, Kounellis, Maccari, Marcheggiani, Migneco, Morandi, Nativi, Nespolo, Papetti, Perilli, Pignatelli, Pizzi Canella, Pusule, Rotella, Schifano, Sughi, R. C. Zabetta e Turcato.

Interpretare il sentimento culturale del secolo trascorso fino al più innovativo contemporaneo è un viaggio che attraversa cifre e stili pittorici, piuttosto che scultorei, di artisti a tutto tondo capaci di esprimere quel valore che fa dell’arte non una mera esecuzione tecnica, ma una posizione sull’oggi. Un’impronta culturale importante quella della Contemporanea Galleria per la città di Foggia per cui rappresenta un luogo, uno spazio della metacognizione, della riflessione che vuole dare significato al fermento artistico nazionale e internazionale aprendo una porta al dibattito effervescente che investe il mondo della cultura oggi. Fare arte significa interpretare porzioni di mondo dal punto di vista sociale, ideale, introspettivo, essere, insomma, termometro del o dei cambiamenti in atto con la cifra della composizione artistica, con quella sensibilità propria della pittura o del tocco scultereo.

L’eco di questa riflessione è possibile trovarlo nella coraggiosa avventura della Contemporanea che anche in questa occasione rende alla città un servizio culturale importante amalgamando collettivamente artisti diversi, ma tutti accomunati da questa stessa sensibilità al presente.



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento