Ultim'Ora

Da incursori a ospiti d'onore. Pio e Amedeo star a Sanremo 2019 [VIDEO]

Pio e Amedeo a Sanremo 2019 (foto Nico Baratta) ndr.
di Nico Baratta

FOGGIA, 08 FEB. - Ventuno minuti e cinquanta secondi scanditi attimo per attimo nel segno della gloria. È stata questa l’apoteosi della seconda puntata della 69esima edizione del Festival della Canzone Italiana di Sanremo 2019. Pio e Amedeo protagonisti di una performance che ha sancito, per chi non ancora l’avesse compreso, l’iscrizione nell’albo dei grandi di una manifestazione che fa tremare i polsi perfino a chi ha calcato il palcoscenico dell’Ariston per molti anni.

Da incursori a ospiti d'onore, il duo foggiano, è entrato in punta di piedi ed è uscito da star. È questo il passo da gigante che i due poliedrici cabarettisti, attori, comici, Pio e Amedeo, hanno compiuto quest'anno a Sanremo. L'anno scorso si intrufolarono nella sala stampa per poi essere allontanati irrisi. Oggi sono entrati dalla porta principale, con tanto di invito, applausi, e usciti (a fatica per il calore del pubblico) con la standing ovation.

In un festival spesso ingessato ma sdoganato da un Baglioni ironico e artisticamente inarrivabile, i due “irriverenti” foggiani hanno dato sfoggio della loro innata comicità teatrale con un lessico, di nome e di fatto, italico-foggiano e di matura fattezza. Una prova di grande maturità artistica, sfoggiando un repertorio che nelle battute miste di attualità, politica e salutare autoironia sulla loro esperienza da emigrati al nord, al Festival ha incastonato come un diamante il nome dell’intramontabile Claudio Baglioni. 

Il palco è stato loro, padroni assoluti della scena. 
 
Il video della performance di Pio e Amedeo a Sanremo il 6 febbraio 2019: 


Il pubblico ha applaudito, molto dalle prime fila, ed è importante, spesso interrompendo la performance, incitando i due a soffermarsi sui temi attuali che in queste settimane hanno creato diatribe sfociate in propaganda politica, piuttosto che in soluzioni fattive.

La formula artistica del direttore Baglioni, popolar nazionale, ha funzionato, sta funzionando, facendo accumulare numeri su numeri che superano i nove milioni di spettatori. Ma durante la performance del duo foggiano l'attenzione televisiva ha raggiunto i 12 milioni e 260mila spettatori, pari al 54,4% di share, il picco in assoluto più alto registrato fino a ora. Per questo successo c’è il contributo di Pio e Amedeo.

«Prima gli italiani» ha pronunciato Baglioni su richiesta dei due foggiani, in controtendenza di ciò che prima che la kermesse sanremese iniziasse attaccò il Governo sulla questione sbarchi.

Il pubblico ha gradito, ripagando il “made in Foggia” con applausi, sorrisi e risate, incitazioni e inviti a continuare. Pubblico arricchito dalla presenza dei genitori di Pio e Amedeo, così portando oltre a loro la sana foggianità.

Il finale è stato una sorpresa inattesa. Con un monologo che ha fatto riflettere, preso dal brano “Uomini persi”, di Claudio Baglioni, Pio e Amedeo hanno comunicato a chi li etichetta trash che recitare seriamente per loro non è un ostacolo, bensì un mondo che gli appartiene, quella frontiera finora inesplorata e che solo il palco dell’Ariston poteva far superare. E lo hanno fatto con successo, riconosciuto dalla stampa nazionale, tale da far intrattenere nei camerini i co-conduttori, Claudio Bisio e Virginia Raffaele.

Chissà, forse per Pio e Amedeo la serata del 6 febbraio 2019 sarà stata l’anticamera per una conduzione del prossimo Festival di Sanremo? Glielo auguriamo.
 

Il testo di “Uomini persi”, dal brano di Claudio Baglioni:

«Anche questi cristi, caduti giù senza nome e senza croci, son stati marinai dietro gli occhiali storti e tristi. Sulle barchette coi gusci delle noci. Anche questi occhi. Fame di nascere per morir di fame. Si son passati un dito di saliva sui ginocchi. E tutti dietro a un pallone in uno sciame. E dove sono i giorni di domani. Le caramelle ciucciate nelle mani. Di tutti gli uomini persi dal mondo. Di tutti i cuori dispersi nel mondo».



©NicoBaratta all rights reserved - Tutti i diritti sono riservati
lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento