Ultim'Ora

Trani (Bat). 57enne tunisino denunciato dai Carabinieri per commercio di materiale contraffatto e ricettazione [CRONACA DEI CC. ALL'INTERNO]

Il materiale sequestrato. (foto cc.) ndr.
Trasportava in un furgone abbigliamento con marchi falsificati

di Redazione

TRANI (BT), 12 FEB. (COMUNICATO STAMPA) - I Carabinieri della Stazione di Trani, nel corso di uno dei numerosi sevizi di controllo del territorio predisposti dalla locale Compagnia, l’altro ieri, nel percorrere Via Andria, hanno notato un furgone sospetto. Il conducente, successivamente identificato in un cittadino tunisino di 57 anni , resosi conto della presenza dei Carabinieri, per eludere un possibile controllo, effettuava un’inversione di marcia, cercando di allontanarsi. I militari, dopo un breve inseguimento lo raggiungevano e, procedendo ad una perquisizione veicolare, rinvenivano numerose paia di scarpe e abbigliamento di vario genere, alcune di queste con marchi contraffatti. Considerata la consistenza dei materiali contraffatti, i militari estendevano la perquisizione anche al domicilio dell’extracomunitario, rinvenendo e sottoponendo a sequestro, non appena aperta la porta d’ingresso, numerosi capi di calzature e abbigliamento con marchi e simboli palesemente contraffatti di prestigiose aziende internazionali, come NIKE – ADIDAS – CONVERSE – LOUIS VUITTON - SAUCONY, pronte per essere vendute al dettaglio. Complessivamente sono stati sequestrati 200 capi di abbigliamento dei quali la maggior parte calzature. Al termine delle operazioni il 57enne è stato deferito alla competente Autorità Giudiziaria per introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi, oltre che per ricettazione. Il tutto ora è al vaglio della Procura di Trani (BT). 

Il materiale sequestrato. (foto cc.) ndr.
TERLIZZI (BA). RUBANO DEI CAVI TELEFONICI IN RAME ED ISOLANO ALCUNE ABITAZIONE CIRCOSTANTI. ARRESTATI DAI CARABINIERI DUE BITONTINI

I militari della Tenenza di Terlizzi, ieri sera, in località Pertusillo, hanno arrestato, nella flagranza di reato, due uomini, per il furto aggravato di circa un chilometro di cavi telefonici in rame. Nello specifico, i militari, impegnati in uno dei numerosi servizi di controllo del territorio, volti alla prevenzione ed alla repressione dei reati contro il patrimonio, nel perlustrare una strada comunale a cavallo tra il Comune di Terlizzi e la frazione Mariotto del Comune di Bitonto (BA), hanno notato due individui, intenti a sezionare e stipare all'interno della loro autovettura, una grossa quantità di cavi di rame. I due, alla vista dei Carabinieri, hanno cercato di darsi alla fuga ma, dopo un breve inseguimento, sono stati fermati alle porte del centro abitato di Terlizzi e condotti in caserma. Dai successivi accertamenti, effettuati sul posto, è emerso che i cavi in argomento, appartenenti ad una linea Telecom, erano stati tranciati ed asportati poco tempo prima, causando l’interruzione dei collegamenti telefonici ad un gruppo di abitazioni rurali della zona. Alcuni dei cavi tagliati, erano ancora attaccati ai tralicci in legno della linea telefonica. Sull'autovettura i militari hanno rinvenuto delle tronchesi, una grossa accetta e dei cavi in nylon muniti di moschettoni. Per i due uomini, originari di Bitonto, già noti alle Forze dell’Ordine, è scattato l’arresto e, su disposizione della Procura della Repubblica di Trani, sono stati condotti presso la locale Casa Circondariale. Gli attrezzi da scasso sono stati sottoposti a sequestro, mentre i cavi telefonici rinvenuti sono stati restituiti all’avente diritto.



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento