Ultim'Ora

Foggia. “L‘ELISIR D’AMORE”, Romano Baratta e light that tells il melodramma di Donizetti

La locandina (foto in allegato) ndr.
di Redazione

FOGGIA, 21 MAG. (Com. St.) - Al Teatro Umberto Giordano, il 27 e 28 maggio 2019, Romano Baratta, Lighting Designer e Light Artist, curerà le Scene di Luci per il melodramma giocoso in due atti di Gaetano Donizetti. Doppia serata all’insegna del bel canto, dell’opera, a cura dell’Accademia Lirica Internazionale Umberto Giordano. Primo appuntamento 27 maggio 2109, alle ore 19, con ingresso riservato, e 28 maggio 2019, alle ore 21 con ingresso libero.

Romano Baratta per la prima volta si cimenta nella realizzazione dell’illuminazione di una opera teatrale.  Scenografo di formazione, ritorna alle origini con una scena teatrale.
Ha accettato con entusiasmo l’invito dell’Accademia Lirica Internazionale Umberto Giordano di eseguire le scene con solo la luce perché le sfide e le sperimentazioni sono alimento regale per la sua creatività. Illuminerà l’opera di Gaetano Donizetti L’Elisir d’Amore, un melodramma giocosa in due atti.
La sua volontà è proporre una illuminazione non convenzionale per il teatro e in particolare per l’opera, dove la luce non sarà solo mezzo che possa permettere di vedere e decorare  o di dare una regia visiva, ma diventare elemento comunicativo basilare. Un modo per narrare emozionalmente l’opera e per rendere il luogo dove avviene protagonista stesso dell’opera. Il teatro centro focale della messinscena, perché l’architettura teatrale italiana è un gioiello da esaltare.
Sarà un intervento work in progress visto i limitati mezzi tecnici di cui si dispone, ma il Romano Baratta Lighting Studio non è nuovo nel trarre il meglio da in interventi low budget, lasciandosi ispirare dalla creatività e dal genius loci.

Concept Elisir d'Amore (foto Romano Baratta) ndr.
“Quanto è bella, quanto è cara! Più la vedo, e più mi piace... ma in quel cor non son capace lieve affetto ad inspirar. Essa legge, studia, impara... non vi ha cosa ad essa ignota... Io son sempre un idiota, io non so che sospirar. Chi la mente mi rischiara? Chi m'insegna a farmi amar?
Nemorino. L’elisir d’amore. Donizetti.

#elisirdamore #romanobaratta

L’allestimento vede la direzione generale alla preparazione di Maria Gabriella Cianci, la direzione dell’orchestra di Francesco Serra, la regia del polacco Golat Ludek, i costumi e il trucco di Emanuela Salvatore, la produzione di Davide Longo e la collaborazione del maestro Jangmi Kim. Partecipazione straordinaria del maestro Nicola Martinucci, grande tenore italiano.
Il supporto del Comune di Foggia e dell’assessorato alla cultura.



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento