Ultim'Ora

Bitonto (Ba). Tentata estorsione a volto scoperto in una farmacia

Un arresto dei CC. a Bari. (foto cc.) ndr.
Arrestato un pregiudicato 32enne


di Nicola Losapio

BARI 24 AGO. - Gli uomini della Compagnia dei Carabinieri di Molfetta, hanno dato esecuzione a un’ordinanza di carcerazione, emessa dal Giudice delle Indagini Preliminari di Bari Dott.ssa Luigia Labriola, su richiesta del Sostituto Procuratore della locale Procura della Repubblica Dott. Manfredi Dini Ciacci nei confronti di L.B., 32enne bitontino. L’8 agosto in pieno giorno, l’uomo con barba incolta e aria un po’ trasandata si era presentato presso una farmacia di Bitonto gremita di avventori e con aria spavalda facendosi largo tra i presenti, aveva chiesto di poter parlare con il titolare, mentre dopo qualche istante invitava il farmacista ad uscire fuori per chiarire alcune questioni. In un primo momento, nessuno poteva intuire le motivazioni e le intenzioni dell’uomo, che vistosi trascurato, in chiaro dialetto bitontino si rivolge nuovamente al farmacista e con arroganza gli dice: siete assicurati ? sono appena uscito da galera e mi devi dare 300 euro, o ti brucio la farmacia. A questo punto il medico coraggiosamente si fa largo tra gli avventori intimoriti, si avvicina all’uomo e con convinzione e determinazione rifiuta ogni richiesta e allontana l’uomo che fortunatamente con fare minaccioso lascia il locale desistendo dalla sua richiesta. La segnalazione alla Polizia formulata dal farmacista, ha dato corso alle indagini dei Carabinieri prontamente intervenuti sul posto per i rilievi del caso. La successiva visione delle immagini immortalate dalle telecamere interne ed esterne del locale, oltre a quelle posizionate nella zona, hanno confermato la colpevolezza del reo che è stato immediatamente rintracciato. I carabinieri hanno anche accertato che il giovane, già noto alle forze dell’ordine, nel momento dell’incursione alla farmacia, doveva essere a casa nel rispetto della sorveglianza speciale. Per tali motivi l’Autorità Giudiziaria procedente ha spiccato un mandato di arresto con l’accusa di tentata estorsione e violazione degli obblighi domiciliari, dopo le formalità di rito è stato associato alla Casa Circondariale di Bari.



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento