Ultim'Ora

Calcio. Il Foggia batte il Cerignola e torna secondo

Gerbaudo autore della doppietta rossonera (foto web)  ndr
di Mario Schena


FOGGIA, 2 FEB. - Derby vibrante e decisamente avvincente dominato dal Foggia che vince meritatamente per due a uno. Foggia e Cerignola si sono scontrate in un momento delicato per entrambe, ma per opposti motivi. I padroni di casa sull’orlo della crisi per gli ultimi deludenti risultati e per essersi allontanati dalla vetta di ben cinque punti e scivolati al terzo posto, gli ospiti con un organico da categoria superiore, decisamente lanciati verso la vetta e reduci da una serie positiva fatta di sei vittorie e un pareggio. Tra i rossoneri assenti gli squalificati Fumagalli, Cittadino, Anelli e Salines che si aggiungono a Tedesco, il quale ha scontato l’ultima delle quattro giornate. Per infortunio, invece, sono fermi ai box Salvi, Strumbo e Staiano. Non convocato per scelta tecnica, invece, Gibilterra. 

Fuori anche il tecnico Corda e il suo secondo Cau. I satanelli si sono schierati con Di Stasio in porta Viscomi, Kourfaldinis e Gentile in difesa Gerbaudo, Carboni, Di Masi, Di Jenno e Russo a centrocampo, Tortori ed El Ouazni in attacco. Ha diretto Valerio Crezzini della sezione A.I.A. di Siena coadiuvato da Paolo Cipolletta di Avellino e Giuseppe Cesarano di Castellammare di Stabia. Primo tempo decisamente ad appannaggio del Foggia, padrone del campo che lo chiude meritatamente in vantaggio. Si gioco con un clima decisamente primaverile. All’undicesimo il primo squillo dei padroni di casa arriva con un calcio di punizione battuto da Gentile che termina sul fondo. Il Foggia pressa e passa in vantaggio al quarto d’ora con Gerbaudo che fa partire un rasoterra da posizione angolata sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Tre minuti dopo sulla punizione battuta da Russo El Ouazni e Tortori non arrivano per pochissimo sulla sfera. Sulla respinta del portiere El Ouazni, quasi dal limite dell’area, tenta il gol su rovesciata concludendo però centrale. Il Cerignola cerca di reagire e va al tiro due volte in tre minuti dal trentaduesimo al trentacinquesimo con due azioni fotocopia che portano alla conclusione centrale dal limite dell’area prima di Longo e poi Sansone entrambe terminate alte. 

Al quarantaquattresimo Tortori se ne va a rete in azione solitaria e conclude, ma non forte, costringendo Cappa alla deviazione in angolo in tuffo. Un minuto di recupero durante il quale Russo entra in area, ma il suo tiro seppur forte è centrale. Secondo tempo vivo e combattutissimo come la prima parte della gara e all’ottavo minuto il Cerignola acciuffa il pari con Sansone che si invola sulla sinistra entra in area e fa partire una rasoiata che si spegne nell’angolo basso alla destra dell’estremo difensore rossonero. La gioia del pari dura poco perché al tredicesimo Gerbaudo concede il bis con uno splendido tiro a giro dal limite dell’area che batte Cappa. Il Cerignola accusa il colpo e cerca la reazione prima con un colpo di testa in area di Martiniello però debole, e poi con un tiro di Rodriguez che Di Stasio blocca a terra sul primo palo. Il Cerignola cerca il pari ma si sbilancia troppo prestando il fianco alle ripartenze del Foggia che al minuto ventisette vede Di Masi involarsi sulla fascia destra, entrare in area e effettuare un assist a centro area sul quale si catapulta Tortori che batte senza pensarci, ma centralmente consentendo la respinta a Cappa. 

Al trentasettesimo occasionissima per Allegretti che si trova a tu per tu con Cappa ma la sua conclusione è da dimenticare. Al quarantaduesimo Cerignola in dieci per l’espulsione di Rodriguez per fallo di reazione su Carboni. Poco dopo fuori anche Longhi per proteste, Cerignola in nove. Sei i minuti di recupero concessi e al cinquantesimo Cappa respinge su Allegretti salvando il gol. Si chiude qui un bel derby, sottolineiamo, dominato dal Foggia che riagguanta la seconda posizione. 



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento