Ultim'Ora

"Garantire i servizi essenziali per le famiglie con bambini diversabili", la richiesta di Joseph Splendido, dirigente regionale Puglia della Lega Salvini

Disabilità (foto web) ndr.
di Redazione

FOGGIA, 28 MAR. (Com. St.) - “In questo momento così difficile per il Paese, molte famiglie con bambini diversamente abili, tra cui gli autistici, stanno vivendo un dramma nel dramma. Con le strutture chiuse per le misure anti contagio da Covid-19, non solo non sono garantite le terapie necessarie nella sanità pubblica, ma la Regione Puglia, che ha chiuso molti uffici, ancora non permette alle famiglie di fare domanda per l’erogazione degli assegni di cura su base annuale. Tanti bambini si trovano oggi nella condizione di non poter avere il trattamento ABA, fondamentale per ridurre il disturbo autistico. Tanti genitori oggi si trovano in una doppia condizione critica: senza liquidità e senza sostegno per accudire i propri figli autistici, che in molti casi regrediscono in uno stato d’ansia e di angoscia. Ricevere l’assegno di cura in tempi rapidi è un diritto di chi vive quotidianamente la disabilità. È vero che Michele Emiliano, nel doppio ruolo di presidente di Regione e assessore alla Sanità, è travolto dall’emergenza Coronavirus, ma il sistema va trattenuto e garantito in ogni suo servizio essenziale per la collettività”.
Si esprime così l’avvocato Joseph Splendido, dirigente regionale della Lega Salvini Premier e responsabile regionale del tesseramento.
“Un altro tema è quello dei soggetti che hanno bisogno di un piano terapeutico- prosegue il legale salviniano- Purtroppo non esistono solo i malati di Coronavirus, per molti pazienti, con piani terapeutici scaduti, che hanno la necessità di rinnovarlo, non ci sono risposte in questi giorni. Non ci sono indicazioni per le persone più fragili, che rischiano di morire senza piano terapeutico”.
“Infine i DPI- conclude l’avvocato Splendido- mi giungono informazioni di situazioni inaccettabili in provincia di Foggia. I volontari del 118, la nostra prima linea per fronteggiare la malattia e il contagio, sono del tutto privi di dispositivi di protezione individuale, stanno lavorando in piena emergenza rischiando la propria vita e quella dei loro parenti e congiunti. Vanno assolutamente stabilizzati tutti gli operatori sanitari precari in questo momento di crisi, anche come forma di gratitudine, riconoscenza e mea culpa rispetto ad una sanità pubblica che è stata oggetto solo di tagli nelle ultime decadi. Il medico di Torremaggiore morto di Covid-19 in trincea e senza DPI ne è un esempio: abbiamo un Governo che ragiona solo per spot, ma che non dà seguito ai decreti con azioni concrete e con l’approvvigionamento di mascherine, tute protettive, guanti e gel disinfettante. Tutte le categorie di lavoratori sono a forte rischio”.


lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento