Ultim'Ora

Monte Sant’Angelo. “Il Comune differisca il pagamento IMU 2020 a settembre, come previsto da ANCI”, lo chiede il MeetUp Monte in MoVimento M5S

I documenti dell'ANCI (foto Monte in MoVimento), ndr.
di Redazione

MONTE SANT'ANGELO (FG), 09 GIU. (Com. St.) - «L'amministrazione comunale, con un comunicato pubblicato sul sito del comune e sui social, ha confermato la scadenza dell'acconto IMU (o del pagamento totale) entro il 30 Giugno 2020. Abbiamo chiesto come mai non avesse differito il pagamento a Settembre per dare la possibilità, soprattutto alle partite Iva, di rientrare economicamente dei mesi di lockdown, ebbene, ci è stato risposto che la scadenza la fissa il ministero. Facciamo notare all'amministrazione che Anci, attraverso la sua fondazione, ha provveduto addirittura a fare un fac-simile di delibera. SI PUÒ FARE, ANZI, SI DEVE FARE. Invitiamo l'amministrazione a deliberare in tal senso, siamo disponibili a fornire tutti i documenti in nostro possesso (Anche il fac-simile di delibera)! SPOSTATE IL PAGAMENTO DELL'IMU A CHI È IN DIFFICOLTÀ!» (fonte: MeetUp Monte in MoVimento)

Di seguito il comunicato del Comune (Clicca Qui per leggerlo anche sulla pagina comunale)

IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) 2020
Il 16 giugno 2020 scade il termine per il versamento dell’acconto dell’IMU.

L’acconto per l’anno 2020, per tutte le fattispecie non escluse e/o esenti, è pari alla metà di quanto versato nel 2019 a titolo di IMU e di TASI sulla base delle aliquote e delle detrazioni approvate dal Comune e di seguito riportate:


Resta ferma la facoltà del contribuente di provvedere, entro il 16 giugno 2020, al versamento dell'imposta complessivamente dovuta per l’anno in corso, sulla base delle aliquote e delle detrazioni approvate dal Consiglio comunale . Chi versa dopo tale data dovrà pagare una sanzione.

Chi deve pagare
Sono soggetti passivi dell’imposta i possessori di immobili, intendendosi per tali il proprietario ovvero il titolare del diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie sugli stessi.
È soggetto passivo dell’imposta il genitore assegnatario della casa familiare a seguito di provvedimento del giudice che costituisce altresì il diritto di abitazione in capo al genitore affidatario dei figli.
Nel caso di concessione di aree demaniali, il soggetto passivo è il concessionario.
Per gli immobili, anche da costruire o in corso di costruzione, concessi in locazione finanziaria, il soggetto passivo è il locatario a decorrere dalla data della stipula e per tutta la durata del contratto.
In presenza di più soggetti passivi con riferimento allo stesso immobile, ognuno è titolare di un’autonoma obbligazione tributaria e nell’applicazione dell’imposta si tiene conto degli elementi soggettivi e oggettivi riferiti a ogni singola quota di possesso, anche nei casi di applicazione di esenzioni o agevolazioni.
Se si possiedono immobili in più Comuni, occorre effettuare versamenti distinti per ogni Comune.
In caso di più immobili posseduti nello stesso Comune deve essere effettuato un unico versamento.
Se gli immobili, invece, si trovano in Comuni diversi, devono essere effettuati versamenti distinti per ciascun Comune.

Esenzioni
Oltre alle esenzioni disposte dalla normativa generale sull’IMU, l’art. 177, D.L. n. 34/2020 dispone l’esonero dal pagamento della rata d’acconto dell’IMU dovuta per il 2020 per i seguenti:
a) immobili adibiti a stabilimenti balneari marittimi, lacuali e fluviali, nonché immobili degli stabilimenti termali;
b) immobili rientranti nella categoria catastale D/2 e immobili degli agriturismi, dei villaggi turistici, degli ostelli della gioventù, dei rifugi di montagna, delle colonie marine e montane, degli affittacamere per brevi soggiorni, delle case e appartamenti per vacanze, dei bed & breakfast, dei residence e dei campeggi, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate.

COME PAGARE
Il versamento dell’imposta può essere effettuato indicando il codice catastale del Comune (F631):
mediante modello F24 presso le banche o gli uffici postali;
CODICI TRIBUTO

3912: Abitazione principale (A/1, A/8, A/9) e relative pertinenze Non presenti
3913: Fabbricati rurali ad uso strumentale
3914: Terreni – Quota Comune Esenti
3916: Aree fabbricabili
3918: Altri fabbricati (escluse categorie catastali D)
3925: Immobili categoria D – Quota Stato (aliquota fino al 7,6 per mille)
3930: Immobili categoria D – Quota Comune (aliquota  2 per mille)
3939: fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita (aliquota 1 per mille)

INFORMAZIONI
La società Publiservizi srl, concessionaria dell’IMU è a disposizione per tutti gli eventuali ulteriori chiarimenti nei normali orari di apertura al pubblico:
•    tutte le mattine da Lunedì al Sabato       dalle ore 9,00 alle ore 12,00
•    telefono 0823 319404                            
•    email: publiservizi@pec.it

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MOD. F24
Nella Sezione CONTRIBUENTE :
Indicare i propri dati anagrafici
Nella sezione IMU ED ALTRI TRIBUTI LOCALI:

Codice Ente:       Codice Catastale del Comune: F631
Ravv:                 Barrare in caso di ravvedimento operoso(*)
Imm. Variati:      Barrare se sono intervenute variazioni per uno o più immobili
Acc.:                  Barrare se il pagamento si riferisce all’acconto
Saldo:                Barrare se il pagamento si riferisce al saldo
Numero immobili:   indicare il numero di immobili riferiti al pagamento effettuato

Cod. Tributo:            
•    3912    Abitazione principale e relative pertinenze (ESENTE )
•    3916    Aree fabbricabili
•    3918    Altri fabbricati
•   3925  Immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D – STATO” (0,76%)
•    3930    Immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D –  COMUNE” (aliquota 0,2%)
•    3939: fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita (aliquota 1 per mille)

Rateazione: non compilare

Anno di riferimento: 2020
Importi a debito versati : Indicare l’importo dovuto con arrotondamento all’euro per difetto se la frazione è inferiore a 49 centesimi, ovvero per eccesso se superiore a detto importo.
Importi a credito compensati : l’importo che eventualmente si utilizza in compensazione.

•    TOTALE G:     somma degli importi a debito della sez. IMU e altri tributi locali
•    TOTALE H:        somma degli importi a credito compensati
•    SALDO (G-H):   indicare il saldo dovuto.

Deve essere compilato un modulo per ciascun contribuente proprietario . Pertanto nel caso di immobili intestati ad entrambi i coniugi dovranno essere compilati n. 2 modelli F24.

Il modulo deve essere firmato nell’apposita casella e può essere pagato, senza oneri aggiuntivi, presso qualsiasi Istituto Bancario o Ufficio Postale.

 (*) Il ravvedimento operoso consente di regolarizzare un pagamento effettuato in ritardo pagando spontanea mente con le sanzioni agevolate. E gli interessi maturati al tasso legale. La modulistica e le modalità di conteggio sono reperibili sul sito del Comune. 

Per il calcolo on-line clicca sul banner:





lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento