Ultim'Ora

Calcio. Foggia trasferta difficile in casa della capolista Ternana



Marchionni allenatore del Foggia (foto web) ndr

di Mario Schena 

Foggia 24 ottobre - Tre sconfitte di fila pesano, eccome. Il Foggia non sta attraversando un buon periodo. Al di là dei risultati manca armonia e sintonia tra società e tifosi. I gruppi ultrà sono ripetutamente scesi in piazza per chiedere un avvicendamento societario che potrebbe portare linfa nuova e vitale ad un ambiente decisamente asfittico. Canonico o Follieri’ Chissà si parla di proposte e di capitali pronti, ma di concreto non c’è nulla e questo sta facendo spazientire una piazza che da troppo tempo sta ingoiando bocconi amari pur non facendo mancare il sostegno alla squadra. 
 
Si va avanti e il futuro si chiama Ternana. Gli umbri sono primi in classifica e contro i rossoneri vorranno allungare ancora sulle direte concorrenti al salto di categoria. Come di consueto il sabato il tecnico rossonero si è concesso alla stampa cercando di focalizzare il presente con uno sguardo al futuro. Così il tecnico rossonero: Affrontiamo una squadra forte, tra le più attrezzate del campionato. Noi dobbiamo fare punti e far vedere che non siamo quelli di giovedì scorso ma le parole se le porta via il vento, bisogna dimostrarlo in campo. Mi sono confrontato a lungo con la squadra, c’è voglia di lavorare e riscattarci ma dobbiamo farlo subito”. 
 
Dopo la sconfitta di giovedì sera con l’Avellino c’è stato sino all’una di notte un confronto tra tecnico e squadra: “Se in settimana faccio un determinato tipo di esercitazioni, continua il mister rossonero, e non le vedo in campo, innanzitutto mi pongo qualche domanda. E poi la colpa è stata mia perché forse non sono stato chiaro a far capire ai ragazzi la strada che voglio intraprendere. Contro l’Avellino non siamo riusciti a fare quello che avrebbe messo in difficoltà l’Avellino, o forse l’abbiamo fatto una volta ed abbiamo segnato un gol. Secondo me la squadra deve capire che quando si pensano a determinate esercitazioni è perché c’è uno studio dietro, si cerca di capire come mettere in difficoltà l’avversario”. 
 
Ora in vista della trasferta in Umbria, Marchionni ha cercato di compattare il gruppo perché non è certo il momento di accuse e rotture nello spogliatoio. A Terni un risultato positivo sarebbe un’ottima iniezione di fiducia anche perchè dopo La gara con la Ternana allo Zaccheria arriverà il Bari, in quello che è uno dei derby più sentiti. Ma sarà molto, molto difficile. 

lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento