Ultim'Ora

Il Bari Torna a Giocare a Poker: Bari Catania 4-1

Bari - Catania (foto SSC BARI) ndr.

di Beppe Magrone
 
BARI, 27 OTT. I galletti battono 4-1 il Catania e si portano al secondo posto ad una sola lunghezza della capolista Ternana, con una partita in più da giocare.

Il Bari ne fa quattro al Catania nel posticipo del San Nicola, ancora senza pubblico dopo il  DPCM della vigilia che vieta l’ingresso anche ai mille spettatori previsti nel precedente decreto.
Il risultato, se pur meritato, non può nascondere le difficoltà dei biancorossi nel primo tempo che fanno fatica a scendere in campo interpretando il calcio voluto da mister Auteri. A complicare le cose ci pensa
un’ autorete del numero 13 dei galletti Ciofani, che insacca il suo estremo difensore su un cross di Calapay.
La reazione è quasi immediata con un mezzo miracolo del portiere dei siciliani Martinez che da pochi metri  respinge con i pugni un bel colpo di testa di Lollo negando il pari che arriva cinque minuti prima del duplice fischio del direttore di gara D’Ascanio, con un’azione personale del capitano Di Cesare, che prende palla sulla fascia sinistra, salta un paio di uomini e insacca la porta del Catania con un destro a giro di ottima fattura.
Nella ripresa mister Auteri metti in campo Montalto per D’Ursi, con la squadra che prende coscienza della propria forza a trazione anteriore, e poco importa se sarà un’autorete di Clayton a portare in vantaggio il Bari. Il Catania prova a pareggiare il match ma deve lasciare il fianco alla velocità del tridente di attacco che con un’azione corale Marras, Antenucci mettono a tu per tu Montalto con la porta: il numero 32 deve solo appoggiare la sfera oltre la linea di parte. L’attaccante deve lasciare il campo a Citro, subito dopo il campo per problemi muscolari. C’è tempo per il quarto goal anche per Citro che viene atterrato in area di rigore. Dal dischetto l’attaccante si fa respingere il penalty ma poi insacca in seconda battuta, mettendo il risultato in cassaforte aspettando il derby di Foggia di domenica prossima.
Al termine del Macht il difensore centrale Alessandro Minelli, classe 97, ammette una partita a doppia velocità : “Il primo tempo abbiamo preso un goal sfortunato, ma pian piano abbiamo preso le misure al Catania e abbiamo fatto una grande partita”.  Sulla sua prestazione il difensore senza mezzi termini dichiara: “Il mister mi ha dato fiducia, io ringrazio e do sempre il meglio per tutta la squadra. Sto bene fisicamente anche se è da tanto che non facevo una partita ma spero di farne tante altre. Io sono a disposizione del mister che fa le sue scelte.
Nel post partita ci sono le parole anche di un mister Auteri molto soddisfatto: “Non abbiamo avuto un buon impatto con la gara. Abbiamo trovato un avversario molto chiuso, che cercava di ripartire sfruttando i nostri errori, che sono stati tanti nei primi quindici minuti. Non abbiamo subito interpretato bene la gara, però poi siamo cresciuti, la palla si è sostata più velocemente in campo, noi abbiamo cercato gli inserimenti, abbiamo cominciato a creare a costruire e a sbagliare sempre meno concedendo a loro sempre meno opportunità”. “L’autorete a inizio gara ha complicato tutto, continua l’allenatore biancorosso, ma poi il gran gesto tecnico di Di Cesare ci ha dato ancora più ardore e poi abbiamo vinto con pieno merito.




lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento